laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
34 min
Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'
Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni
Bellinzonese
44 min
Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'
Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco
Ticino
54 min
In Ticino lo sfitto non si ferma, Venuti (Asi): 'Preoccupante'
Un recente studio rileva che il nostro sia il cantone con la maggior eccedenza di offerta nell'immobiliare, per gli inquilini occorre approfondire i motivi
Locarnese
54 min
Compleanno-choc sulla Katja Boat: in 'panne' con 60 a bordo
Nottataccia sul Lago Maggiore: mentre si festeggia l'elica smette di funzionare. Il grosso natante 'ripara' al Porto patriziale di Ascona
Bellinzonese
10 ore
Scossa forte ma molto profonda: ‘Non c'è da preoccuparsi’
Il geologo Luca Bonzanigo commenta il sisma verificatosi sabato pomeriggio, percepito nel Bellinzonese e Locarnese
Bellinzonese
12 ore
Vandali in azione a Bellinzona: mozzata una gamba al gigante
A Villa dei Cedri presa di mira la grande statua 'Le Jardinier aux fleurs gisantes' realizzata dal giovane artista francese François Malingrëy
Luganese
12 ore
Agno-Bioggio, mandato affidato durante la consultazione
Lepori chiede lumi al governo e denuncia una modalità di procedere che prevarica i diritti di partecipazione dei cittadini sanciti dalla legge
Locarnese
13 ore
Protezione animali, assemblea rinviata
La seduta si sarebbe dovuta tenere il 21 luglio, ma le limitazioni sugli assembramenti hanno spinto a soprassedere
Mendrisiotto
13 ore
Auto in fiamme sulla A2, disagi a Balerna
Gli occupanti della vettura, completamente distrutta dalle fiamme, sono riusciti a mettersi in salvo
Locarnese
13 ore
Cevio, 70 bancarelle al mercato estivo
Artigianato del Ticino sabato 18 luglio nella piazza del paese. Gli 'Esiliati dall'Osteria' per la colonna sonora
Mendrisiotto
13 ore
Alle cave di Arzo nasce ‘La Soleggiata’
Il garden bar aprirà dal giovedì alla domenica e proporrà musica, attività artistiche e cucina locale
Locarnese
13 ore
Neggia-Fosano, armarsi di pazienza
Per lavori di pavimentazione stradale, domani e martedì possibili attese di circa mezz'ora dalle 7 alle 10.30
Bellinzonese
12.11.2018 - 05:500

Via le doppiette dalla golena di Bellinzona

Convivenza a rischio nella sponda destra fra chi passeggia e chi pratica la caccia bassa: il Dipartimento del territorio la vieterà anche a nord del ponte Tatti

Un piccolo passo indietro per evitare incomprensioni o situazioni che possano mettere a rischio l’incolumità delle persone. È quello che il Dipartimento del territorio chiederà di fare, dal prossimo autunno, a chi pratica la caccia bassa lungo la sponda destra del fiume Ticino fra il ponte Tatti di Bellinzona e Gorduno. «In effetti quello è l’unico tratto di golena del Piano di Magadino dove finora si è ritenuto di poter ancora consentire la pratica dell’arte venatoria», spiega alla ‘Regione’ Fabio Croci, capo Servizio guardie dell’Ufficio cantonale caccia e pesca al Dipartimento del territorio. Un’area tuttavia sempre più apprezzata e frequentata da persone che vi si recano per passeggiare, anche con bambini e cani, oppure in sella al rampichino. Ciò che una volta poteva sembrare poco attrattivo, nel tempo è diventato un luogo di svago con poche pretese per un numero crescente di persone. Una situazione nota al Dipartimento del territorio, che però ha finora ritenuto di non dover intervenire, se non attraverso controlli puntuali per sensibilizzare i cacciatori. Per contro, una recente segnalazione ha indotto l’autorità a riprendere e aggiornare le proprie valutazioni. E a decidere per l’introduzione del divieto di caccia a partire dall’autunno 2019. «Lo si è deciso – sottolinea Croci – considerando la situazione caratterizzata da rischi oggettivi e confidando nella comprensione dei cacciatori toccati dal provvedimento».

Spari la domenica mattina

A interpellare la Polizia cantonale domenica mattina 21 ottobre è stata una donna di Galbisio intenta a passeggiare, insieme a otto persone pure accompagnate dai loro amici a quattro zampe, nell’apposito percorso per cani realizzato dalla Città sulla sponda sinistra del Ticino, a sud del camping di Molinazzo. Verso le 8.30 il gruppo ha udito degli spari esplosi da alcuni cacciatori a un centinaio di metri nella golena di sponda destra. Sorpresi e preoccupati i proprietari dei cani hanno allertato la Polizia cantonale che ha avvisato i guardiacaccia del Bellinzonese, i quali non hanno potuto recarsi subito sul posto poiché impegnati nell’alta Val Morobbia. La stessa scena si è ripetuta il sabato successivo, 27 ottobre. Dopodiché la segnalazione è giunta al nostro giornale, cui viene spiegato che uno dei proprietari di cani, di casa dietro il camping, in tempi recenti subito dopo aver udito uno sparo ha rinvenuto sul proprio terrazzo dei pallini del tutto simili a quelli contenuti nelle cartucce per la caccia bassa. Questa fattispecie non è però stata segnalata alla Polizia cantonale; né a quella comunale risultano altri reclami; all’oscuro anche il municipale Christian Paglia (Dicastero opere pubbliche e ambiente) a suo tempo attivatosi per realizzare l’area cani.

Il Regolamento venatorio cantonale 2018 ricorda all’articolo 53 che la caccia bassa può essere praticata a una distanza minima di 50 metri da edifici abitati, campeggi, sentieri didattici e percorsi vita. In pratica aree per lo svago identiche a quelle presenti lungo le due golene. «Vi sono effettivamente in Ticino – rileva Fabio Croci – alcune zone di caccia bassa sensibili che teniamo sotto stretta osservazione. Non appena ci vengono segnalati degli spari, cerchiamo di recarci sul posto per verificare il rispetto della distanza e sensibilizzare i cacciatori in un’ottica di prevenzione. Il sistema funziona bene, ma purtroppo può succedere che non riusciamo a intervenire immediatamente». Laddove vi sia l’impressione che le regole di convivenza non siano rispettate e che l’incolumità delle persone sia messa a rischio, aggiunge Croci, «è giusto rivolgersi alla Polizia cantonale, che interviene direttamente o si coordina con i nostri servizi».
D’altra parte l’auspicio dell’Ufficio caccia e pesca è di venire consultato, al pari di altre istanze cantonali, quando vengono pianificate nuove aree svago, o nuovi contenuti in comparti naturali, prossime a zone nelle quali è possibile praticare la caccia. «Nel caso del percorso cani il nostro coinvolgimento, in ottica consultiva, sarebbe stato auspicato».

© Regiopress, All rights reserved