Ti-Press
Bellinzonese
26.02.2018 - 12:150

Maestra di Claro, spunta una seconda querela penale

Oltre al caso del dito medio in classe, i genitori di un altro allievo la denunciano in Procura per violazione del segreto professionale e diffamazione

Salgono a due le querele penali inoltrate al Ministero pubblico contro la maestra delle Scuole elementari di Claro che lo scorso 28 novembre ha mostrato il dito medio, e ha obbligato la classe a farlo, a un allievo ‘reo’ di aver detto “che ricreazione di m…” al rientro in classe dopo una partita di calcio. Oltre ai genitori di questo alunno – che hanno denunciato l’insegnante per ingiuria, coazione di minori e omissione dei doveri pedagogici (vedi la ‘Regione’ di oggi) – ora chiedono l’intervento della giustizia penale anche i genitori di un altro allievo, secondo i quali il loro figlio viene preso sistematicamente di mira dalla docente con atteggiamenti e castighi che ritengono inaccettabili nelle modalità.

Questa fattispecie – ci spiega la madre – è in fase di approfondimento in collaborazione con un avvocato e la pediatra che segue il bambino; e quasi certamente sarà oggetto di una prossima denuncia penale. La querela partita oggi all’indirizzo del Ministero pubblico riguarda invece le ipotesi di reato di violazione del segreto professionale, diffamazione e divulgazione di fatti privati nell’ambito scolastico. La colpa ? Aver riferito ad altri genitori – durante i recenti colloqui per la consegna dei giudizi di metà anno scolastico – questioni private riferite al loro figlio e alla loro famiglia. Anche in questo caso, come in quello del bambino vistosi alzare il dito medio in classe, i genitori si rivolgono alla giustizia penale non avendo più fiducia nelle autorità scolastiche locali e cantonali (direttore e ispettore) da cui sostengono di aver avuto un’assistenza inadeguata e volta semmai a coprire e a giustificare l’operato della maestra, comunque sottoposta a sorveglianza nelle ultime settimane con l’obiettivo di ricondurre la gestione della classe nei giusti binari. A dipendenza di come il Ministero pubblico affronterà la doppia querela (e in attesa della terza), il Decs deciderà se sospendere l'insegnante fino, quanto meno, al termine delle verifiche penali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved