Gabriele Putzu
Bellinzona
11.12.2015 - 18:020

Officine: una storia di lotte in un libro

Non un pesante volume di storia, bensì un libro in parte romanzato che permette di scoprire attraverso parole e immagini le movimentate vicende delle Officine di Bellinzona fin dalla loro nascita. Si può descrivere così ‘Traversine e traversie - L’Officina, il Ticino e la ferrovia del Gottardo’, il libro presentato oggi alla stampa che intende far scoprire al lettore come la linea del San Gottardo abbia avvicinato il sud e il nord del paese e favorito uno sviluppo economico e industriale del nostro cantone. Il volume è opera del «meccanico delle frasi e delle parole» (come lo ha descritto il direttore delle Officine Felix Hauri) Hanspeter Gschwend, scrittore e giornalista con formazione di storico che ha consultato i numerosi documenti inediti (lettere, piani, contratti, protocolli, fotografie) ritrovati nel 2013 nel sottotetto delle Officine. Cercando di fare ordine tra il materiale, Gschwend – già autore di un libro sullo sciopero del 2008 – ha redatto un volume che comprende una parte romanzata (che narra di una famiglia calanchina) e fatti reali. «La storia di lotte inizia ancor prima del grande sciopero del 1901», racconta l’autore. «I Comuni che avevano capito l’importanza della ferrovia si sono battuti per poter ospitare le Officine – il primo stabilimento industriale dell’epoca – sul proprio territorio». Un libro che fa riflettere sul passato ma che vuole essere di buon auspicio anche per il futuro. Futuro che presenterà delle sfide per quanto riguarda i volumi di lavoro ma a proposito del quale Felix Hauri si è detto motivato. «Continuiamo coraggiosamente il nostro lavoro rimanendo aperti a tutto il mercato», ha affermato Hauri dicendosi fiducioso sull’arrivo di nuovi ordini. Il libro edito dalla casa editrice Nzz Libro e dalla ticinese Fontana Edizioni è disponibile nelle librerie in italiano o tedesco.

Tags
libro
officine
storia
lotte
volume
hauri
© Regiopress, All rights reserved