Bellinzonese

Oggi, 15:502017-02-21 15:50:41
Samantha Ghisla @laRegione

La ricerca oncologica ha trovato una nuova casa

Sono stati inaugurati oggi i nuovi laboratori dell'Istituto oncologico di ricerca (Ior) situati in via Pometta 1 a Bellinzona, nell'edificio che fino allo scorso anno...

Sono stati inaugurati oggi i nuovi laboratori dell'Istituto oncologico di ricerca (Ior) situati in via Pometta 1 a Bellinzona, nell'edificio che fino allo scorso anno ospitava i Testimoni di Geova e nei pressi del quale sorgerà la nuova sede dell'Istituto di ricerca in biomedicina (Irb). Franco Cavalli, presidente della Fondazione per la ricerca e la cura dei linfomi nel Ticino che dal 2011 gestisce l'Ior, ha sottolineato che la carenza di spazio ha reso necessario il trasloco nei locali recentemente rinnovati che permettono di disporre, al primo piano, di due laboratori per un totale di 500 metri quadrati e, a pianterreno, di altrettanto spazio occupato da uffici e sale riunioni.

Sono una sessantina i collaboratori qui impegnati in ricerche nell'ambito oncologico, focalizzate in particolare sul cancro della prostata. Un numero che è andato aumentando negli anni: basti pensare che il nucleo iniziale ha preso il via negli anni 90 "in un paio di sgabuzzini dll'Ospedale di Locarno", ha ricordato il professor Cavalli. Trasferitosi nel 2003 nel palazzo Irb di via Vela a Bellinzona, lo Ior dal 2013 percepisce circa 700mila franchi all'anno dalla Confederazione. Il resto del budget – quantificato in circa 8 milioni annui – viene in parte coperto dalla Città (150mila franchi), dal Cantone (170mila), da donazioni (700-800mila) e da entrate per contratti nel mondo dell'industria farmaceutica. Il 55% del budget è invece garantito grazie a fondi competitivi destinati alla ricerca.

La nuova sede è solo una delle due importanti recenti novità per lo Ior. Lo scorso ottobre il Gran Consiglio ha infatti approvato l'affiliazione dell'Ior alla Facoltà di scienze biomediche dell'Usi. Il decano di tale Facoltà, Mario Bianchetti, è intervento all'inaugurazione sottolineando l'importanza del tempo trascorso il laboratorio per gli studenti in scienze biomediche. "Dovranno trascorrere qui del tempo per capire che la medicina è una scienza in continua evoluzione", ha dichiarato. Il nuovo Master in medicina umana (triennio di formazione clinica) prenderà avvio nel 2020.

Oggi, 12:102017-02-21 12:10:41
Katiuscia Cidali @laRegione

-40 alla nuova Bellinzona, la macchina scalda il motore

La nuova Bellinzona si prepara. Mancano 40 giorni al 3 aprile, giorno in cui inizierà la vita della nuova realtà comunale. “L’obiettivo sarà mettere in...

La nuova Bellinzona si prepara. Mancano 40 giorni al 3 aprile, giorno in cui inizierà la vita della nuova realtà comunale. “L’obiettivo sarà mettere in funzione questa macchina già da subito”, ha osservato il sindaco di Bellinzona Mario Branda, questa mattina in conferenza stampa. Da subito, la nuova Città dovrà quindi essere in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini dei 13 Comuni che che si sono aggregati. I copresidenti della direzione politica dei sindaci dei 13 Comuni hanno quindi presentato lo stato d’avanzamento dei lavori preparatori a 40 giorni dalle elezioni comunali e dalla nascita del nuovo Comune. Si tratta tuttavia di una proposta di organizzazione e architettura della nuova Città, sarà poi il nuovo Municipio e Consiglio comunale a dare effettiva forma alla nuova realtà comunale.

Previsti 7 dicasteri

La nuova Città prevede 7 dicasteri, così suddivisi:

Amministrazione generale (sindaco),

sicurezza e servizi industriali,

servizi sociali,

finanze ed economia,

territorio e mobilità,

opere pubbliche e ambiente,

educazione, cultura e sport.

Inoltre è prevista una sezione ‘Controllo interno e qualità’ subordinata direttamente al Municipio.

Nel nuovo Comune sono previsti anche 13 sportelli multifunzionali di quartiere, ubicati nelle attuali cancellerie comunali, che forniranno a tutta la cittadinanza le usuali prestazioni.

Fase transitoria

La nuova organizzazione sarà effettiva dal 1° gennaio 2018. Dal 3 aprile al 31 dicembre 2017 vi sarà invece una fase transitoria, con spostamenti logistici effettuati a tappe e con alcune attività amministrative ancora gestite dalle cancellerie degli attuali Comuni. Gli sportelli multifunzionali di quartiere saranno già attivi dal 3 aprile con prestazioni uniformate già valide per tutti i cittadini dei nuovo Comune, indipendentemente dal quartiere di residenza.

 Personale dei 13 Comuni

A tutto il personale dei 13 Comuni è garantito il posto di lavoro e l’ultimo salario percepito. I segretari comunali dei 13 Comuni e i funzionari dirigenti sono stati sottoposti a colloqui con una consulente specializzata. Per quanto riguarda gli altri funzionari sono stati raccolti i dati e i desideri di ognuno.

Su questa base la direzione politica sottoporrà al nuovo Municipio una proposta di assegnazione a nuova funzione di tutti i funzionari (dirigenti e non). L’assegnazione definitiva a nuova funzione avverrà nel 2018 sulla base del nuovo regolamento organico dei dipendenti che nel frattempo dovrà essere avallato da Municipio e Cc. Per docenti, agenti di polizia, pompieri, collaboratori delle Aziende municipalizzate e delle case anziani, la funzione e l’attività non cambieranno.

Oggi, 06:502017-02-21 06:50:00
Marino Molinaro @laRegione

Amb-Ses, Bellinzona acquista gli impianti per 10 milioni

Dal gennaio 2018 negli edifici degli ormai ex Comuni di Gudo, Claro, Moleno e Preonzo, presto quartieri della Città aggregata, arriverà corrente elettrica...

Dal gennaio 2018 negli edifici degli ormai ex Comuni di Gudo, Claro, Moleno e Preonzo, presto quartieri della Città aggregata, arriverà corrente elettrica distribuita non più come oggi dalla Società elettrica sopracenerina (Ses) bensì dalle Aziende municipalizzate di Bellinzona. Gli utenti dovranno a quel punto verificare le eventuali differenze nella bolletta; per contro, dal profilo pratico una novità rispetto all’attuale servizio sarà l’impossibilità di azionare lavatrici e asciugatrici sul mezzogiorno poiché le Amb predispongono per tutti gli utenti il blocco corrente nell’ora di punta, quando le cucine causano il picco di consumo. Il passaggio di proprietà delle linee elettriche e relative infrastrutture è stato avallato ieri sera all’unanimità dal Consiglio comunale di Bellinzona...

Oggi, 06:202017-02-21 06:20:00
Samantha Ghisla @laRegione

A Giubiasco solo lettere nella casella postale, niente più pacchi

C’è del malcontento nel borgo per la modifica annunciata dalla Posta alcune settimane fa di non recapitare più i pacchi nelle caselle postali di...

C’è del malcontento nel borgo per la modifica annunciata dalla Posta alcune settimane fa di non recapitare più i pacchi nelle caselle postali di Giubiasco. La novità ci viene segnalata da un commerciante, la cui contrarietà viene condivisa anche da alcuni colleghi. Se prima i pacchi venivano lasciati la mattina presto nella casella postale (in caso di dimensioni troppo grandi si potevano ritirare subito allo sportello), ora tale servizio non viene più proposto. Da noi contattato, il portavoce per la Svizzera italiana Giacomo Pelazzi spiega che la Posta propone in sostituzione «molte opzioni di ricezione alternative» e precisa che non si tratta esattamente di una chiusura delle caselle pacchi, «quanto piuttosto di un adeguamento dell’offerta a beneficio di un recapito maggiormente...

Ieri, 11:332017-02-20 11:33:54
@laRegione

Bellinzona, accolto il reclamo: Ghiringhelli potrà posare la bancarella

Giorgio Ghiringhelli, consulente-coordinatore del comitato che il 28 marzo lancerà l'iniziativa popolare per l’inserimento nella...

Giorgio Ghiringhelli, consulente-coordinatore del comitato che il 28 marzo lancerà l'iniziativa popolare per l’inserimento nella Costituzione cantonale del referendum finanziario obbligatorio, comunica che il Municipio ha accolto il reclamo del membro di comitato Alberto Siccardi contro la decisione del 30 gennaio scorso della Polizia comunale relativa alla posa di una bancarella in Piazza Collegiata per la raccolta firme.

Il Municipio autorizza gli iniziativisti a posare la bancarella da mercoledì 29 marzo a venerdì 26 maggio, unicamente dal lunedì al venerdì. Il Municipio spiega che “la bancarella dove essere posizionata in modo da non intralciare i pedoni, il transito dei veicoli e le attività economiche presenti in piazza”. E chiede pertanto il posizionamento a lato dell'imbocco della Salita alla Motta. “Vi invitiamo inoltre a svolgere la raccolta firme senza importunare passanti e non interessati”. 

“A titolo personale nei prossimi giorni provvederò comunque a inoltrare alla Sezione degli enti locali un’istanza di intervento contro il Municipio e la Polizia comunale di Bellinzona, perché negli ultimi cinque anni, e per cinque diverse iniziative, hanno frapposto una serie di ostacoli alla raccolta delle firme, che, è bene ribadirlo, è un diritto costituzionale”, dichiara Ghiringhelli.

“In tutti questi cinque casi (nei quali ero direttamente o indirettamente coinvolto) gli iniziativisti alla fine l’hanno spuntata, o dopo un ricorso accolto dal CdS o dopo un reclamo. Ma  non si può continuare così a suon di ricorsi e di reclami , per cui lo scopo dell’istanza di intervento è quello di salvaguardare una volta per tutte i  diritti costituzionali di tutti coloro che in futuro  chiederanno autorizzazioni per la raccolta di firme a Bellinzona”.



Ieri, 06:302017-02-20 06:30:00
Marino Molinaro @laRegione

Calanca in crisi, il Comune lancia un grido d'allarme

A due anni dall’aggregazione il Comune di Calanca nato dall’unione di Arvigo, Braggio, Cauco e Selma sottopone oggi alla popolazione (200 abitanti) una ‘Visione...

A due anni dall’aggregazione il Comune di Calanca nato dall’unione di Arvigo, Braggio, Cauco e Selma sottopone oggi alla popolazione (200 abitanti) una ‘Visione di sviluppo’ con l’invito a inoltrare osservazioni, critiche e proposte entro il 20 marzo. Il grido d’allarme è forte è chiaro: senza iniziative concrete la valle morirà di stenti e diventerà un bel museo all’aperto. Si diceva dell’aggregazione. Nell’estate 2014 il messaggio rivolto alla popolazione dal gruppo di lavoro sosteneva che la fusione “permetterà di migliorare la nostra situazione finanziaria e allargherà le possibilità di decidere su investimenti che aiutano a garantire un futuro sviluppo del Comune. Il generoso contributo cantonale (1,2 milioni) ci aiuta in maniera affatto insignificante”. Seguivano altre...

19.2.2017, 19:512017-02-19 19:51:31
@laRegione

Per la Rega diversi interventi sulle piste e in... dogana

Col bel tempo di questo weekend, piste di sci affollate anche nella Svizzera italiana. Per alcuni frequentatori – fa sapere stasera la Rega – la giornata...

Col bel tempo di questo weekend, piste di sci affollate anche nella Svizzera italiana. Per alcuni frequentatori – fa sapere stasera la Rega – la giornata si è purtroppo conclusa con un infortunio e un volo fuori programma con l’elicottero rosso. Fra sabato e domenica gli equipaggi Rega sono intervenuti 15 volte, per ferite di lieve o media entità.

Episodio singolare: oggi poco dopo le 15 un equipaggio è intervenuto anche in Val Bregaglia per prestare soccorso a un italiano sulla cinquantina colpito da malore mentre con un amico si apprestava a passare la dogana di Castasegna in auto. Le guardie di confine svizzere hanno prestato i primi soccorsi praticando il massaggio cardiaco. Subito dopo sono giunti i soccorritori dell’ambulanza della Val Bregaglia che hanno prestato le cure del caso. L’elicottero della Rega è infine atterrato proprio in mezzo alla dogana e dopo aver stabilizzato il paziente lo ha elitrasportato al Cardiocentro di Lugano.

19.2.2017, 15:242017-02-19 15:24:08
@laRegione

In 16mila al Carnevale Lingera di Rorè. Tre ricoveri all'ospedale

Con circa 16'000 persone che vi hanno preso parte da mercoledì a oggi, volge al termine la 55esima edizione del Carnevale Lingera di Roveredo,...

Con circa 16'000 persone che vi hanno preso parte da mercoledì a oggi, volge al termine la 55esima edizione del Carnevale Lingera di Roveredo, che si conferma come la manifestazione ricreativa più importante e seguita della Mesolcina, nonostante quest'anno si sia registrato un calo di affluenza rispetto al 2016 pari a circa 4mila persone.

Per il presidente Simone Giudicetti la diminuzione è da ascrivere a due fattori: la collocazione temporale dell’evento (metà mese, prima della paga, periodo non facile per tante famiglie) e il terminale del trasporto collettivo a Castione anziché a Bellinzona (servizio meno comodo, maggiori costi). Il comitato traccia un bilancio comunque positivo, rimarcando che il ricco programma è stato molto apprezzato dalla gente. Come sempre un grande successo l’ha riscontrato il corteo mascherato di sabato pomeriggio, applaudito da un numerosissimo pubblico.

Dal canto suo la Polizia cantonale retica sottolinea che si è registrato un solo ferimento con ricovero all'ospedale. Durante tutta la durata dei festeggiamenti, da mercoledì a oggi, l’ordine pubblico è stato garantito da agenti della Polizia cantonale, presente anche con pattuglie in borghese, dalla Polizia comunale e da due ditte di sicurezza private (60 agenti).

Sono state una trentina le persone assistite al posto sanitario, prevalentemente per eccesso di alcol. Per due di esse è stato necessario il ricovero a Bellinzona. Inoltre venerdì mattina alle 4.30 un avventore, ferito al capo durante una colluttazione, si è presentato al posto di polizia di Roveredo dov'è poi stato soccorso dal Sam e trasportato per accertamenti all'ospedale di Bellinzona; il giorno dopo ha potuto lasciare il nosocomio.

E ancora: sabato mattina verso le 6 un avventore in preda ai fumi dell'alcol, nel salire sull'autopostale per fare rientro in Ticino, in un attimo d'ira, ha danneggiato la porta del mezzo. Sono state inoltre riscontrate violazioni alla Legge federale sugli stupefacenti e alla Legge federale sulla circolazione stradale. Per contro non si registrano incidenti della circolazione.

Una buona parte dei partecipanti è giunta a Rorè usufruendo del servizio bus navetta appositamente organizzato dalla società oppure con dei taxi. Il corteo mascherato svoltosi sabato pomeriggio ha riscontrato un buon successo. Il conseguente blocco del traffico da e per il paese non ha creato alcun problema ai residenti.

19.2.2017, 15:122017-02-19 15:12:32
@laRegione

Troppo caldo, chiude il Nara

Niente domenica sugli sci oggi al Nara. I responsabili degli impianti sono stati costretti a chuderli a causa delle temperature primaverili. Questo fino all'arrivo di nuove nevicate. “Nei...

Niente domenica sugli sci oggi al Nara. I responsabili degli impianti sono stati costretti a chuderli a causa delle temperature primaverili. Questo fino all'arrivo di nuove nevicate. “Nei prossimi giorni – comunicano – seguiremo l’evoluzione meteorologica con la speranza di poter aprire durante la settimana di carnevale”. Tutti i possessori della stagionale del Nara possono nel frattempo accedere agli impianti di Campo Blenio o Disentis gratuitamente.

17.2.2017, 11:092017-02-17 11:09:10
Samantha Ghisla @laRegione

La gioventù vista attraverso 'giovani scatti belli'

Ragazzi scapestrati e fannulloni? Per cambiare l'immagine collettiva – comune a molti periodi storici – che le generazioni più giovani siano formate da soggetti...

Ragazzi scapestrati e fannulloni? Per cambiare l'immagine collettiva – comune a molti periodi storici – che le generazioni più giovani siano formate da soggetti problematici o pericolosi, la Commissione e l'Ufficio attività giovanili della Città di Bellinzona hanno lanciato un concorso fotografico aperto a tutti i giovani fino a 26 anni residenti nel Bellinzonese.

'Giovani scatti belli' intende proprio dare la possibilità a questa generazione di raccontare attraverso la fotografia (che sia scattata con lo smartphone, la macchina fotografica o l'ipad) le particolarità e anche la bellezza di questi anni. "I giovani sono una risorsa per la città. Abbiamo creato questo concorso per permettere loro di mostrare il lato bello, sano e creativo", ha spiegato stamattina Barbara Perini Venzi, responsabile dell'Ufficio attività giovani della Città di Bellinzona in occasione della presentazione alla stampa.

"La riflessione su come i giovani vengano stigmatizzati ha coinvolto anche il comandante della Polizia comunale di Bellinzona e un assistente sociale", ha aggiunto Lisa Boscolo della Commissione giovani. "La stigmatizzazione fa male perché impedisce un sano scambio intergenerazionale", ha continuato. Evaristo Roncelli, un altro membro della Commissione, ha spiegato che in realtà in Ticino e a Bellinzona non esiste un problema generalizzato legato ai giovani: ma comunque nei media e nell'immaginario collettivo vengono recepiti in maniera negativa. Il concorso ha proprio l'obiettivo di ribaltare questa percezione.

Da subito e fino al 31 marzo è dunque possibile caricare il proprio scatto inerente il tema 'gioventù' sul sito internet www.giovaniscattibelli.ch, dove è pure presente il regolamento. È stata inoltre creata la pagina Facebook del concorso: www.facebook.com/GIOVANISCATTIBELLI. In seguito, dal 10 al 30 aprile, è previsto un voto online aperto a tutti che decreterà i vincitori. Il miglior scatto sarà premiato con 250 franchi, quello in seconda posizione 50 franchi e il terzo due buoni per il cinema. Dieci fotografie saranno inoltre scelte per essere esposte in città.

La campagna promozionale è curata dallo studio grafico Ferrise Marketing e comunicazione visiva, il cui responsabile Michel Ferrise ha precisato: "Non è importante fare foto professionali, chiunque può partecipare".

17.2.2017, 06:102017-02-17 06:10:00
Marino Molinaro @laRegione

Manutenzione ciclopiste, ecco il regolamento cantonale

Il Consiglio di Stato ha approvato questa settimana il Regolamento per la manutenzione delle ciclopiste: da oggi è pubblicato nel Bollettino ufficiale delle...

Il Consiglio di Stato ha approvato questa settimana il Regolamento per la manutenzione delle ciclopiste: da oggi è pubblicato nel Bollettino ufficiale delle leggi ed entra subito in vigore. Del suo allestimento avevamo riferito il 19 gennaio a margine di tre articoli dedicati ad alcuni problemi di ghiaccio persistente sulla ciclopista d’interesse regionale che attraversa il Piano di Magadino. La domanda era: chi dovrebbe pulire? Con questo strumento – spiega ora il Dipartimento del territorio – il CdS fissa le regole guida per la manutenzione. Premessa: “Il compito di realizzare i percorsi ciclabili è suddiviso tra Cantone e i Comuni. Il primo si occupa dei percorsi d’interesse nazionale, cantonale e regionale; i secondi di quelli d’interesse locale”. Per contro – recita l’articolo 43c...

16.2.2017, 17:042017-02-16 17:04:28
Samantha Ghisla @laRegione

Cerotti colorati e finti gessi: l'ospedale San Giovanni dice addio alla paura 

Al pronto soccorso del Teddy Bear Hospital è in arrivo un nuovo paziente. Si tratta di Nora, un gatto di peluche bianco e grigio...

Al pronto soccorso del Teddy Bear Hospital è in arrivo un nuovo paziente. Si tratta di Nora, un gatto di peluche bianco e grigio che necessita di cure perché si è fatto male alla testa. Qui è proprio in buone mani: dopo aver ricevuto il braccialetto identificativo con il nome, essere stato sottoposto al triage per stabilire la priorità e aver fatto la radiografia, è pronto per andare in sala operatoria dove il chirurgo lo farà stare meglio. E infatti, una volta bendato, potrà passare dalla farmacia a prendere le medicine necessarie e tornare a casa, finalmente guarito. Oggi nell’auditorium dell’ospedale San Giovanni di Bellinzona c’è un grande via vai di orsetti e coniglietti, ma non mancano pinguini e renne. Sono tutti accompagnati dai loro giovanissimi proprietari, allievi di scuole dell’infanzia del Bellinzonese e delle Tre Valli. Fortunatamente i medici di nome Dr. Teds non mancano: sono tutti membri dell’Associazione studenti ticinesi di medicina (Astim), che in collaborazione con il reparto di pediatria del nosocomio bellinzonese intende far conoscere ai bambini l’ambiente ospedaliero e ridurre così le loro eventuali paure. «L’obiettivo è avvicinarli all’ospedale e al personale che vi lavora, come medici e infermieri», spiega lo studente di medicina Fabio Moretti, membro dell’Astim e responsabile del progetto.

Il Teddy Bear Hospital è un’iniziativa già attiva con successo da anni in numerosi ospedali della Svizzera interna e il desiderio dell’associazione studentesca ticinese era proprio di portarla per la prima volta anche a sud delle Alpi, sottolinea Moretti. Una filosofia che ben si sposa con quella del San Giovanni, ospedale che sta assumendo il ruolo di polo pediatrico cantonale. Lo conferma il capo settore infermieristico dell’Eoc Luigi Caoduro. «Vogliamo mostrare ai bambini che l’ospedale è un luogo dove regnano l’accoglienza e il sorriso», aggiunge.

In effetti il sorriso regna in tutti i reparti del piccolo ospedale fittizio allestito ieri mattina e attivo fino a oggi pomeriggio. I Dr. Teds, in media al loro terzo anno di facoltà di medicina, hanno ricevuto un orientamento specifico su come comportarsi con i piccoli ospiti. Fondamentale è mettersi fisicamente alla loro altezza, per incutere meno timore. E utilizzare un linguaggio positivo, evitando le negazioni e impiegando un lessico adeguato che non li spaventi. Non tutti gli studenti universitari che hanno partecipato sono intenzionati a specializzarsi in pediatria, ma l’esperienza è arricchente in ogni caso. Anche perché, sottolineano gli organizzatori delle due giornate, il rapporto con i bambini può esserci in tutti i reparti, qualora facciano visita a un genitore o ad altri parenti ricoverati.

Leggi l'articolo completo sull'edizione di domani.

16.2.2017, 10:472017-02-16 10:47:34
@laRegione

Roveredo: partito il Carnevale, sparita la cerniera

S'indaga a Roveredo sulla sparizione della Riri, la straordinaria cerniera che avrebbe potuto risolvere i problemi di ricucitura del villaggio dopo lo...

S'indaga a Roveredo sulla sparizione della Riri, la straordinaria cerniera che avrebbe potuto risolvere i problemi di ricucitura del villaggio dopo lo smantellamento del tratto di A13. Rubata, persa, vittima di una burla? Il mistero ha investito ieri sera la cerimonia inaugurale del Carnevale Lingera. Re Brenno Martignoni, che domina sul regno da alcuni anni, ha ingaggiato per le indagini «il famosissimo ispettore Jacques Clouseau, forte della sua fama di infallibile segugio, che in questo delicatissimo incarico sarà affiancato dalla sua amica di sempre, fedele compagna di tantissime avventure: la celeberrima Pantera Rosa». Ma appunto, notizie della cerniera? «Sembra sia stata rapita da chi non vuole il ricongiungimento di Roveredo!».

Il tema caratterizzerà anche il carro reale: intitolato “Pink Boeri e la Riri Ri-trovata” sfilerà dapprima al Rabadan di Bellinzona (domenica 27 febbraio) e in seguito al Carnevale Naregna di Biasca. Ma intanto un mistero tira l'altro, come le ciliege. Infatti anche delle chiavi del villaggio non si hanno notizia: «Sono state consegnate durante le votazioni per la ricucitura e non hanno fatto ritorno», ha dichiarato ufficialmente Re Brenno.

16.2.2017, 06:402017-02-16 06:40:00
Samantha Ghisla @laRegione

Dalla valle di Blenio al deserto di sale negli Usa per diventare i più veloci del mondo

Di professione macellaio, ma nel tempo libero amante dell’adrenalina. E sarà proprio un pieno d’adrenalina quello che...

Di professione macellaio, ma nel tempo libero amante dell’adrenalina. E sarà proprio un pieno d’adrenalina quello che farà il pilota Tiziano Vescovi, 33enne di Olivone, durante la gara che disputerà a fine agosto a Bonneville (Utah), negli Stati Uniti. Per l’edizione 2017 dei “Bonneville Motorcycles Trials” l’équipe bleniese KR-RaceTeam sta infatti preparando una missione che li porterà a gareggiare per tentare di portarsi a casa il record mondiale di velocità nella loro categoria. La motocicletta, presentata ieri al pubblico nell’ambito della fiera Swiss-Moto di Zurigo, è stata interamente realizzata dal direttore del team Ralph Ruckstuhl (proprietario dell’officina KR-Motorcycle situata alla Cima Norma di Dangio) assieme al meccanico Hysni Jupa, che nel team ricopre il ruolo di...

15.2.2017, 15:522017-02-15 15:52:46
@laRegione

Bellinzonese: rubavano bici e le rivendevano online

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che nei mesi di settembre e ottobre sono state arrestate due persone in merito ai furti di biciclette...

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che nei mesi di settembre e ottobre sono state arrestate due persone in merito ai furti di biciclette segnalati nel Bellinzonese da privati cittadini. Si tratta di un 33enne, cittadino svizzero domiciliato nel Bellinzonese, e di un 20enne cittadino italiano pure residente nella nostra regione. L'inchiesta ha permesso di accertare che le biciclette rubate venivano rivendute tramite portali online. Il valore della refurtiva è di circa 30mila franchi svizzeri. I due sono stati nel frattempo rilasciati. L'inchiesta prosegue e nel frattempo i due accusati sono tornati a piede libero.