Brian May, 70 anni nel mito dei Queen

Culture
17.7.2017, 13:452017-07-17 13:45:31
@laRegione
@laRegione

Brian May, 70 anni nel mito dei Queen

Allegati

Il dottore in astrofisica Brian May mercoledì 19 luglio compirà 70 anni, con la serenità di chi continua nel mondo a incarnare il mito dei Queen. Chi oggi può sostenere che non sia stata giusta la scelta compiuta cinquant’anni fa di rinunciare al dottorato in Astrofisica, dopo la laurea con lode in Fisica e Astronomia all’Imperial College di Londra, per dedicarsi al rock’n’roll?

Evidentemente era proprio destino, perché tutto è iniziato proprio all’università: lì ha cominciato a suonare, ha formato le prime band e incontrato Roger Taylor, che a sua volta ha lasciato nel cassetto la sua laurea in biologia per sedersi dietro la batteria dei Queen e, grazie a lui, Freddy Mercury, che allora usava ancora il suo vero nome, Farrokh Bulsara. Quando, nel 1971, ai tre si aggiunge il bassista John Deacon, dal canto suo un preparato ingegnere elettronico, la line up è pronta per consegnarsi alla storia.

Con gli anni e il successo clamoroso ai quattro angoli del mondo, compresa l’Ungheria dei tempi dell’Unione Sovietica e la Cortina di Ferro, Brian May è stato l’alter ego di un performer leggendario, uno dei più grandi di sempre. Un ruolo svolto anche fuori dal palco, come compositore, ('We Will Rock You', 'Who Wants To Live Forever', 'I Want It All', 'The Show Must Go On' sono sue), coautore, arrangiatore, per non dire del contributo come cantante. Come Roger Taylor, anche Brian May è un buon vocalist ed è questa abilità, unita ai virtuosismi di Freddy Mercury, a rendere così peculiari le polifonie della band.

Nel 2007, a 60 anni, si è tolto la soddisfazione di prendere il dottorato in astrofisica cui aveva rinunciato per diventare un mito: ha collaborato con la missione della sonda New Horizons, per esplorare Platone, gli è stato intitolato un asteroide (si chiama 52265 brianmay) e dal 2005 è Commendatore dell’Impero dell’Ordine Britannico.