laRegione
Nuovo abbonamento
Keystone
ULTIME NOTIZIE Archivio
Locarno Festival
10 mesi
Marco Solari: ‘Il Festival non chiede più soldi‘
Assemblea straordinaria del Locarno Film Festival, complimenti a Lili Hinstin e Raphaël Brünschwig
Locarno Festival
10 mesi
Il miglior pubblico è quello del Locarno Film Festival
Battute a caldo: un primo bilancio viene tracciato dopo la 72esima edizione da Marco Solari, Lili Hinstin e Raphaël Brunschwig
Locarno Festival
10 mesi
Pardo d'Oro in Portogallo, premiato 'Vitalina Varela'
Il film di Pedro Costa si aggiudica anche il Pardo per la miglior attrice: “Un evento cinematografico mondiale”, secondo la presidente della giuria.
Video
Locarno Festival
10 mesi
'Adoration', stasera meglio il film in piazza
La pellicola proiettata venerdì 16 agosto a Locarno è da vedere. Parola del nostro critico cinematografico Ugo Brusaporco
Video
Locarno Festival
10 mesi
Meglio il film in Piazza o una birra in Rotonda? (8)
'Diego Maradona' del regista Asif Kapadia e poi 'Il Nido' di Roberto De Feo: vale la visione oppure no?
Video
Locarno Festival
10 mesi
Film in Piazza o Rotonda questo mercoledì?
Stasera sarà proiettato "Days of the Bagnold Summer". Ecco cosa ne pensa il nostro critico Ugo Brusaporco
Locarno Festival
10 mesi
Meglio il film in Piazza o una birra in Rotonda? (6)
'Camille' del regista Boris Lojkine vale la visione oppure no?
Video
Locarno Festival
10 mesi
Meglio il film in Piazza o una birra in Rotonda? (5)
'Instinct' dell'olandese Halina Reijn vale la visione oppure no?
Locarno Festival
10 mesi
Regola del risotto o della gran leoparda
Momenti indimenticabili fra vips e consiglieri vari, fra il buffet dei salumi e quello dei vini, mentre c'è chi aggira in agilità la fila per l'agognato risotto
Video
Locarno Festival
10 mesi
Meglio il film in Piazza o una birra in Rotonda? (4)
Stasera in Piazza commedie dalla Francia e dalla Svizzera: vale la pena o meglio rifugiarsi a un bancone in Rotonda? Ce lo dice Ugo...
gallery
11 mesi
Dalla roulotte all'Oscar, incontro con Hilary Swank
L'attrice due volte premio Oscar si è raccontata al pubblico di Locarno: dal lincenziamento da Beverly Hills 90210 al successo. In mezzo tanto lavoro...
Mondiali di hockey
12.05.2019 - 22:320

Hischier decide la sfida tra Svizzera e Lettonia

Una rete del giovane prodigio al 56'21'' permette ai rossocrociati di venire a capo di una complesso lettone molto coriaceo

Buona anche la seconda, seppur con molta fatica. La Svizzera impegnata ai Mondiali in Slovacchia sconfigge la Lettonia 3-1 al termine di un incontro molto combattuto e resta così a punteggio pieno. Patrick Fischer ripropone la stessa formazione schierata ieri contro l’Italia, con però Genoni a difesa della gabbia al posto di Berra, oggi in tribuna e rimpiazzato da Mayer. Nella Lettonia esordisce a questo Mondiale l’ex bianconero Merzlikins. Per Elvis è la prima partita dopo ormai quasi 2 mesi di stop.

Dopo una breve fase di studio la sfida diventa immediatamente intensa. Le occasioni da rete si fanno però attendere. Il primo tentativo è dopo 7’, ma il tiro di Fiala viene bloccato da Merzlikins. La reazione lettone non si fa attendere, Balcers impensierisce Genoni in due circostanze. La gara è equilibrata, i tiri scagliati verso le due gabbie sono pochi. Al 13’ primo powerplay per la Svizzera, ma non dà frutti, anche perché Merzlikins ferma il tiro di Haas dalla corta distanza. Al 17’ il solito Balcers, indiavolato, impegna nuovamente Genoni. Nel finale Ambühl in mischia semina il panico, ma il suo sforzo non viene premiato. Nel complesso il risultato di 0-0 dopo 20’ è logico e giusto.

Il secondo periodo si apre con la prima superiorità numerica lettone, Fiala viene penalizzato. La Svizzera si difende con ordine e non concede possibilitâ a Kulda e compagni. La prima vera opportunità della frazione centrale è per Hischier al 25’, ma il backhand del centro di New Jersey è parato da Merzlikins. Poco dopo secondo powerplay elvetico, Ambùhl viene in effetti steso irregolarmente. Paradossalmente la migliore occasione è lettone, il tiro di Gegeris, partito in break dopo un errore di Loeffel, viene neutralizzato da Genoni. Prima del giro di boa di metà partita, Frick da buona posizione spara a lato. La Svizzera adesso preme un po’ di più, Loeffel, ben servito da un Hischier in crescita, impegna Merzlikins. La Lettonia dal canto suo ci mette i suoi muscoli per far fronte alla manovra rossocrociata.  Finalmente al 34’44’ la situazione si sblocca. Un brillante spunto di Kurashev permette a Hofmann di aprire le marcature. Determinante nella circostanza anche il lavoro di Martschini, molto presente in ogni frangente. La Lettonia reagisce purtroppo immediatamente. in powerplay arriva il pareggio di Indrasis dopo appena 31’’. Ora la Lettonia ci crede e si guadagna una nuova superiorità numerica. Seppur con qualche brivido la difesa elvetica resiste. Al 38’Indrasis colpisce con una bastonata al volto Loeffel e si becca 4’ di penalità visto che il bianconero sanguina. Pochi istanti dopo nuova penalità ai lettoni per ritardo di gioco, la Svizzera può agire in 5 contro 3 per 2’. Dopo 1’14’’di doppia superiorità numerica non sfruttato e a 11’’ dalla seconda sirena Fischer chiama a sorpresa il timeout, ma la mossa non dà frutti.

La ghiotta occasione non viene sfruttata nemmeno in entrata del terzo tempo. La Svizzera continua ad aver un maggior possesso del disco, ma i lettoni si difedono con ordine. Dopo 48’ è Bertschy (debolissimo agli ingaggi, si vede eccome che la posizione di centro non è la sua) a finire sulla panchina dei cattivi, ma la Lettonia non crea nulla. La scena si ripete qualche istante più tardi, stavolta è Kurashev il punito. I lettoni sfiorano il vantaggio con Darzins. La mancanza di disciplina sembra non finire, al 53’ è Diaz a ricevere 2’ di penalità. Genoni è bravo a opporsi ai tentativi avversari. I 7'773 spettatori, di maggioranza lettone, seguono il match con passione. Al 56’21’’ arriva, un po’ dal nulla, il nuovo vantaggio svizzero. Dalla corta distanza è Hischier a superare Merzlikins. La Lettonia tenta l’assalto finale e toglie Elvis per fare spazio a un sesto uomo, ma l’operazione non va a buon fine. Simon Moser a porta vuota segna il punto del definitivo 3-1. E così la Nazionale festeggia.

© Regiopress, All rights reserved