BENCIC B. (SUI)
1
PENG S. (CHN)
0
2 set
(6-3 : 4-5)
BENCIC B. (SUI)
1 - 0
2 set
6-3
4-5
PENG S. (CHN)
6-3
4-5
WTA-S
HOUSTON USA
Winner plays Osuigwe.
Ultimo aggiornamento: 15.11.2018 18:34
Impact Journalism
24.06.2017 - 08:300

Un robot compagno di banco

Il tredicenne Yusuf Warsame frequenta la scuola, anche se non può essere fisicamente presente.

Con i suoi compagni di classe, sta imparando le 120 parole più usate in lingua danese, ciascuno dei sette alunni ha ricevuto una piccola nota rosa con una parola scritta su di essa. Hanno il compito di collocare la nota da qualche parte all’interno della scuola.

«Mettiamo la nota qui».

Le parole provengono da un piccolo schermo fissato su un supporto che si sposta su tre ruote. Il viso sul monitor è quello di Yusuf: anche se sta seduto a casa sua, a tre chilometri dalla sua scuola di Frederiksberg, una zona residenziale di Copenaghen, segue attivamente le lezioni. Da casa, Yusuf accede al robot chiamato Beam e lo controlla tramite il computer. Così, nonostante soffra di una mutazione genetica che gli causa lo sviluppo di tumori e debba essere protetto da rischi di infezione, è in grado di “stare” a scuola.

L’istruttore di informatica Morten Jacobsen e l’insegnante Francis Nørgaard sono i cervelli dietro a Beam, il progetto che ha anche consentito a Yusuf di prendere attivamente parte alle discussioni in classe. Da quando la scuola ha iniziato a utilizzare il robot per la prima volta due anni fa, i due hanno dedicato molto del loro tempo a svilupparlo ulteriormente. Anziché limitarsi ad osservare, Yusuf può ora scrivere sulla lavagna interattiva e partecipare a giochi sulla smart board.

L’uso e lo sviluppo del robot sono tra le ragioni per cui Jacobsen e Nørgaard sono stati inseriti nella rosa di candidati per Politikens Undervisningspris, un premio che viene assegnato a insegnanti di eccezione in Danimarca.

L’uscita al bowling e l’allarme antincendio

Il viso di Yusuf è diventato più piccolo. Un video YouTube in cui si vede un grande camion che viene caricato riempie la maggior parte del display, per il divertimento dei suoi amici Faizaan e Zain. 

«Il bello di questa tecnologia è che Yusuf si stia comportando come farebbe se fosse fisicamente presente. Ed è un gran casinista», commenta Jacobsen.

Inizialmente, Yusuf poteva partecipare solo quando l’insegnamento aveva luogo a scuola, dal momento che Beam necessita di una connessione Internet. Ora Morten e Francis hanno assicurato che  Beam e Yusuf siano sempre connessi a Internet, usando un modem portatile. 

«Quando siamo andati allo Experimentarium (centro scientifico), ci siamo recati lì in automobile e abbiamo legato il robot con le cinture di sicurezza, in modo che Yusuf potesse unirsi a noi per l’uscita. E quando siamo andati al bowling, Francis ha messo la palla da bowling sul pavimento, e Yusuf l’ha lanciata lungo la corsia», dice Morten Jacobsen. Quando gli alunni, recentemente, hanno allestito un concerto per i loro genitori, Yusuf ha cantato utilizzando Beam.

Come sempre, il piccolo ragazzo danese fa comunella con i suoi amici. Quando l’allarme antincendio è scattato, Yusuf è uscito nel cortile della scuola proprio come il resto degli alunni. 

Di ritorno in classe, gli alunni cercano le note rosa. Dato che Yusuf può vedere solo davanti a sé, non è un compito facile. E ditatti è tra gli ultimi a trovare la nota, ma non se ne fa un cruccio. Quando la campanella suona per l’intervallo, il robot si precipita verso la porta. «Se avessi qualche opzione in più per calibrare il robot, probabilmente disabiliterei YouTube e ne ridurrei la velocità», dice Jacobsen con una risata.

Potenziale Globale

La scuola statale che Yusuf frequenta è dotata di due robot di telepresenza Beam, sviluppati da Suitable Technologies, che costano 2.000 e 4.700 euro rispettivamente. I prezzi dipendono normalmente dalla durata della batteria. I progetti sono stati finanziati dall’istituto scolastico e dalla municipalità.

Durante l’intervallo, lo schermo di Yusuf diventa nero. Mentre Morten Jacobsen sta armeggiando con  Beam, si sente un urlo dalle scale. Yusuf è riuscito ad accedere al robot Beam di riserva della scuola, custodito nella sala insegnanti. «Bisognerà stare attenti durante le feste natalizie degli insegnanti, e fare in modo che non riesca a collegarsi improvvisamente», scherza Morten, prima di rientrare in classe, con Yusuf e i suoi compagni.

Tags
robot
scuola
yusuf
beam
jacobsen
morten
nota
classe
alunni
insegnanti
© Regiopress, All rights reserved