laRegione
Nuovo abbonamento
Elezioni federali 2015
18.10.2015 - 14:260
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:09

Il presidente del Pbd Martin  Landolt ce la fa. Per il resto bisognerà attendere qualche ora 

Cominciano ad arrivare i primi risultati finali per le elezioni del Consiglio nazionale e non mancano le sorprese: ad Appenzello Esterno l’Udc ha strappato il seggio che il Plr deteneva da tre legislature. I democentristi hanno conquistato il mandato radicale anche ad Uri: ma in questo caso il Plr aveva deciso di non difendere il seggio dell’uscente Gabi Huber per concentrarsi sulla corsa degli Stati. Lo spoglio è ormai concluso anche a Glarona: il presidente del Pbd  svizzero Martin Landolt è riuscito a difendere la poltrona da lui occupata dopo il ritiro, alla fine del 2008, del socialista ed ex mister prezzi Werner Marti. Il tentativo del figlio di quest’ultimo, Jacques Marti, di riconsegnare il mandato al Ps è stato vano. Indicazioni interessanti arrivano peraltro anche dalle proiezioni a livello cantonale. Argovia, che nella prossima legislatura ha un mandato in più, svolterebbe decisamente a destra: Udc e Plr conquisterebbero infatti un mandato a testa, mentre il Ps ne perderebbe uno. Nei Grigioni la congiunzione delle liste in campo borghese andrebbe a beneficio del Pld (il Plr locale) a scapito dei Verdi liberali. Ma a livello percentuale l’Udc  appare forte e non sono quindi tramontate le speranze di Magdalena Martullo-Blocher, figlia di Christoph Blocher, di conquistare il seggio verde liberale. Notevole è inoltre il calo percentuale del Partito borghese democratico nel Cantone di origine della sua consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf. A Soletta – sempre in base alle proiezioni – il mandato perso dal Cantone andrebbe ad assottigliare la presenza Ppd a Berna. Invariata la situazione per gli altri partiti, con l’Udc che conserverebbe due deputati, così come il Ps, mentre il Plr uno. A Basilea città per contro a vincere sarebbero i Verdi, che conquisterebbero una poltrona a scapito del Ppd. La deputazione sarebbe così composta: 2 Ps, 1 Udc, 1 Plr, 1 Verde. Mischiando risultati finali con proiezioni e parziali – un’operazione poco ortodossa dal profilo metodologico – al momento a livello nazionale l’Udc conquisterebbe 4 seggi, mentre il Ps e il Ppd ne perderebbero 2 a testa. Per avere indicazioni di migliore qualità occorrerà aspettare le prime proiezioni nazionali ufficiali, previste alle 17. Poco dopo le 16 quelle ufficiose 

© Regiopress, All rights reserved