Tennis

28.1.2017, 10:592017-01-28 10:59:30
@laRegione

Serena Williams batte la sorel...

Serena Williams batte la sorella Venus 6-4 6-4 e si aggiudica per la settima volta gli Australian Open. Per la mitica americana è il 23esimo trionfo in un Grande Slam. Superata la Graf, davanti resta solo Smith Court con 24.

Serena Williams batte la sorella Venus 6-4 6-4 e si aggiudica per la settima volta gli Australian Open. Per la mitica americana è il 23esimo trionfo in un Grande Slam. Superata la Graf, davanti resta solo Smith Court con 24. 

27.1.2017, 14:432017-01-27 14:43:15
@laRegione

Sarà Federer-Nadal!

La finale da tutti sognata è realtà. Rafael Nadal (Atp 9) sconfigge al termine di una vera battaglia durata 5 ore il bulgaro Grigor Dimitrov (Atp 15) 6-3 5-7 7-6 6-7 6-4 e conquista la finale degli...

La finale da tutti sognata è realtà. Rafael Nadal (Atp 9) sconfigge al termine di una vera battaglia durata 5 ore il bulgaro Grigor Dimitrov (Atp 15)  6-3 5-7 7-6 6-7 6-4 e conquista la finale degli Australian Open dove lo attende il suo rivale/amico di sempre Roger Federer.

La sfida infinita tra Roger Federer e Rafael Nadal è una di quelle epiche e va oltre ai confini del tennis. Il 35enne elvetico e il trentenne spagnolo si affronteranno domenica mattina alle 9.30 per la 35esima volta. El Matador ha finora vinto 23 volte, il King è fermo a quota 11 vittorie.

Il primo incontro risale al 2004 a Miami, nell’occasione vinse il 18enne Nadal 6-3 6-3, mentre l’ultimo data 2015 a Basilea in finale, nella circostanza fu l’idolo di casa a imporsi in 3 set.  Sono sinora 8 le finali disputate dai due campioni  nei tornei dei Grande Slam. Nadal conduce 6-2.

La prima finale si svolse a Parigi nel 2006, Nadal vinse in 4 set. Poche settimane dopo Federer si prese la rivincita a Wimbledon, sempre in 4 set. Nel 2007, al Roland Garros, Nadal trionfò nuovamente in 4 set. Ma qualche settimana dopo il “Maestro” si prese una nuova rivincita sconfiggendo Rafa a Wimbledon in 5 frazioni. Nel 2008 finalissima senza storia al Roland Garros, Nadal lasciò appena 4 giochi a Roger e in seguito riuscì pure a vincere Wimbledon  al termine di una delle sfide più memorabili nella storia del tennis: 6-4 6-4 6-7 6-7 9-7 il risultato in favore dell’iberico in quasi 5 ore. La battaglia si concluse quasi nell’oscurità, a quei tempi il centrale di Wimbledon non era ancora dotato di tetto.  Nel 2009 l’atto conclusivo degli Australian Open vide il trionfo di Nadal in 5 set.  Dopo una pausa di 2 anni, Rafa e Roger si ritrovarono nel 2011 in finale al Roland Garros e l’iberico s’impose in 4 manche.

In totale sono 31 i Grande Slam vinti dai due, 17 per Federer, 14 per Nadal (a pari merito con Sampras). Il Maestro vinse l’ultimo a Wimbledon nel 2012, El Matador nel 2014 a Parigi. Nessuno ha mai fatto meglio di loro. E ora, parecchi anni più tardì e malgrado gli acciacchi dell’età, i due più grandi tennisti della storia sono pronti a scrivere un nuovo capitolo da leggenda.

26.1.2017, 12:392017-01-26 12:39:40
@laRegione

Federer batte Wawrinka e vola in finale

7-5 6-3 1-6 4-6 6-3: Roger Federer conquista il quinto set e va in finale sconfiggendo Stan Wawrinka al termine della prima sfida tra i due terminata in cinque frazioni! Nell'...

7-5 6-3 1-6 4-6 6-3: Roger Federer conquista il quinto set e va in finale sconfiggendo Stan Wawrinka al termine della prima sfida tra i due terminata in cinque frazioni! Nell'ultimo set Stan fallisce delle palle di break nel terzo e nel quinto game, mentre Federer riesce a togliere il servizio al vodese nel sesto gioco, terminato con un doppio fallo del vodese.

La partita, dopo un inizio favorevole al Maestro basilese e con Wawrinka dolorante al ginocchio, ha cambiato faccia a partire dal terzo set. Federer ha accusato un leggero calo commettendo qualche errore di troppo. Ma proprio quando Stan sembrava in grado di completare la rimonta, il renano ha mantenuto i nervi saldi e con la sua immensa classe e complice qualche svarione di Wawrinka, è riuscito a vincere il set decisivo dopo oltre 3 ore di gioco. Roger diventa così il giocatore più anziano a raggiungere una finale del Grande Slam negli ultimi 43 anni (Ken Rosewall nel 1974 aveva 39 anni).

"È andato tutto così veloce, è una sensazione incredibile. Nemmeno nei miei sogni più selvaggi avrei pensato di arrivare così lontano", ha dichiarato Federer a fine partita ai microfoni dei colleghi della Srf. "Sono felice di avere ora 2 giorni di tempo per prepararmi alla finale, così c'è una possibilità di recuperare completamente dal punto di vista fisico", conclude il 35enne, il quale ha detto inoltre di avere qualche problema agli adduttori.

Per Federer quella di domenica sarà la 28esima finale in un torneo del Grande Slam, la sesta agli Australian Open. Sono finora 4 i titoli conquistati a Melbourne dal Maestro.

Il primo fu contro Safin nel 2004, nel 2006 seguì la vittoria su Baghdatis, nel 2007 quella contro Gonzalez e nel 2010 il successo ai danni di Murray. L’unica sconfitta è datata 2009, quando il King si arrese a Nadal.

Federer non disputava più una finalissima di uno dei quattro tornei maggiori dal 2015. L’ultima fu agli Us Open, quando venne battuto da Djokovic. Il basilese avrà dunque domenica l’occasione di conquistare il 18esimo trionfo in un Grande Slam. Il suo avversario in finale si conoscerà domani. Ci sarà una nuova epica sfida contro l’avversario di sempre, ovvero Rafael Nadal, oppure ad attenderlo troverà il 25enne bulgaro Dimitrov?  Una cosa è però già sicura, domenica alle 9.30 del mattino tutta la Svizzera sarà davanti alla Tv per ammirare l’ennesima impresa del suo Campione.

26.1.2017, 08:042017-01-26 08:04:48
@laRegione

La finale in famiglia è servit...

La finale in famiglia è servita! Serena Williams strapazza Lucic-Baroni 6-2 6-1 e raggiunge la sorella Venus in finale degli Australian Open. Era dal 2009 (Wimbledon) che le 2 non si sfidavano in una finale del Grande Slam!

La finale in famiglia è servita! Serena Williams strapazza Lucic-Baroni 6-2 6-1 e raggiunge la sorella Venus in finale degli Australian Open. Era dal 2009 (Wimbledon) che le 2 non si sfidavano in una finale del Grande Slam!

26.1.2017, 07:202017-01-26 07:20:00
Marzio Mellini @laRegione

Mirjana, nel baratro e ritorno

«Non dimenticherò mai questo giorno, ha rimesso a posto molte delle cose che mi sono successe». Forse non tutte, visto che Mirjana Lucic Baroni, 35 anni croata sposata con un...

«Non dimenticherò mai questo giorno, ha rimesso a posto molte delle cose che mi sono successe». Forse non tutte, visto che Mirjana Lucic Baroni, 35 anni croata sposata con un imprenditore italiano proprietario di due ristoranti, ne ha viste e provate (sulla sua pelle) di tutti i colori. È però innegabile che l’accesso alla semifinale ha il peso di un riscatto per una donna che si è riaffacciata al tennis dopo anni di distacco. Balzò alla ribalta da bambina prodigio: vinse il primo titolo Wta a Bol nel 1997, a 15 anni, e l’anno successivo vinse il doppio con Martina Hingis proprio agli Australian Open. Si ritirò giovanissima, 21enne, agli albori della carriera. Si è ripresentata in veste di donna finalmente felice. Una donna che quando era una giovane promessa della racchetta è stata...

25.1.2017, 12:192017-01-25 12:19:22
@laRegione

Rafael Nadal (Atp 9) sconfigge...

Rafael Nadal (Atp 9) sconfigge Milos Raonic (Atp 3) 6-4 7-6 6-4 e conquista così la semifinale degli Australian Open. Lo spagnolo si misurerà con il bulgaro Grigor Dimitrov (Atp 16).

Rafael Nadal (Atp 9) sconfigge Milos Raonic (Atp 3) 6-4 7-6 6-4 e conquista così la semifinale degli Australian Open. Lo spagnolo si misurerà con il bulgaro Grigor Dimitrov (Atp 16).

25.1.2017, 07:002017-01-25 07:00:00
Marzio Mellini @laRegione

In Australia ne resterà uno solo

Uno svizzero in finale ci sarà. Consolante, anche se a giudicare dal momento di forma attraversato da Roger Federer e Stan Wawrinka, avrebbero anche potuto essercene due. Il sorteggio...

Uno svizzero in finale ci sarà. Consolante, anche se a giudicare dal momento di forma attraversato da Roger Federer e Stan Wawrinka, avrebbero anche potuto essercene due. Il sorteggio pone però i due elvetici l’uno di fronte all’altro, in virtù delle rispettive vittorie contro il tedesco Mischa Zverev, troppo inferiore al basilese per competere con lui a certi livelli, e contro Jo-Wilfried Tsonga, che ha pagato a caro prezzo i propri limiti con il rovescio, opposto com’era alla completezza del repertorio di Wawrinka, lui sì autorizzato a credere nel bis, dopo il trionfo del 2014. Da verificare, vi sono però le condizioni del ginocchio del vodese, che – lo dicono voci di spogliatoio – lo costringono a limitare le ore spese in allenamento, tra un match e l’altro. Nessuna esitazione, però...

24.1.2017, 21:382017-01-24 21:38:42
@laRegione

Sceglie la squadra migliore, l...

Sceglie la squadra migliore, la Federtennis americana, per la sfida di Davis (3-5 febbraio) contro una Svizzera orfana di Federer e Wawrinka: l'Usta ha infatti convocato Isner (Atp 19), Sock (20), Johnson (30) e Querrey (32)

Sceglie la squadra migliore, la Federtennis americana, per la sfida di Davis (3-5 febbraio) contro una Svizzera orfana di Federer e Wawrinka: l'Usta ha infatti convocato Isner (Atp 19), Sock (20), Johnson (30) e Querrey (32)

24.1.2017, 16:512017-01-24 16:51:47
@laRegione

In palio la finale. Anzi, il titolo

Che derby sia, allora. Federer contro Wawrinka, in quest’ordine, per rispetto di gerarchie scolpite nella leggenda del tennis. O Wawrinka contro Federer, in ossequio ai numeri e al...

Che derby sia, allora. Federer contro Wawrinka, in quest’ordine, per rispetto di gerarchie scolpite nella leggenda del tennis. O Wawrinka contro Federer, in ossequio ai numeri e al tabellone di Melbourne. Bello? Per come si stanno mettendo le cose sarebbe stato più bello ritrovarli l’uno contro l’altro in una finale dai contenuti tecnici ed emotivi di altissimo livello. Troppa grazia? Solo per colpa del sorteggio, che ci costringe a sceglierne uno, investendolo del ruolo di pretendente al titolo. Con tutte le credenziali del caso per alzare al cielo australiano l’ambito trofeo.

Già, perché chi avrà la meglio in un duello tra Federer (basta il nome, non aggiungiamo altro) e uno che gli Australian Open ha già vinto e che quel successo ha poi confermato due volte (a Parigi e New York), ha tutto quello che serve per completare l’opera domenica. Ma prima c’è il derby, e che derby, tra 2 giorni: da una parte il vodese, che alla semifinale poteva ambire dall’alto di una classifica invidiabile (numero 4 al mondo). Uno che quando si sintonizza sulla modalità “indice alla tempia” e supera un paio di turni soffrendo (è puntualmente avvenuto), solitamente non ce n’è più per nessuno. Nessuno escluso. Chiedere a Djokovic, che ne sa qualcosa. Sull’altro fronte c’è Roger Federer, che invece il quarto di finale so sognava, ma come traguardo massimo, e si ritrova invece un passo oltre le sue più rosee aspettative, lui che tornava da tanto lontano da neppure sapere bene cosa attendersi. Ma lui è Federer, e in cuor suo non poteva non sapere che, una volta ritrovate la condizione atletica migliore e la motivazione dei giorni più lieti, nulla gli sarebbe stato precluso. Non che vederlo liquidare gli avversari come se avesse dieci anni di meno non sia un tantino sorprendente, tuttavia non imbarazza di certo doverne analizzare la qualificazione al penultimo atto di un torneo al quale si è riproposto più tonico, più carico – e quindi più forte – di quando decise di chiamarsi fuori, per quella che sembra proprio essere stata una salutare pausa di riflessione. Contro Berdych ha fatto intendere di essere tornato. Contro Nishikori ha fornito un paio di conferme, sia mai che qualcuno avesse ipotizzato un fuoco di paglia. Contro Zverev non c’è stata partita. Discorso simile per Stan contro Tsonga. troppo forte, il vodese, serissimo pretentende al bis australiano, tre anni dopo il trionfo che gli cambiò la carriera. Una semifinale magnifica. Ne resterà uno solo, ed è un peccato per il tennis.

22.1.2017, 13:402017-01-22 13:40:52
@laRegione

Federer: «Sono molto felice del mio gioco»

«È stato un grande match», afferma Roger Federer nella tradizionale conferenza stampa a fine partita. «Su questa superficie veloce le cose possono cambiare velocemente....

«È stato un grande match», afferma Roger Federer nella tradizionale conferenza stampa a fine partita. «Su questa superficie veloce le cose possono cambiare velocemente. Mancava poco e avrei perso il primo set 6-0. Mi sono detto che la sfida non sarebbe potuta continuare in maniera peggiore. Anche dopo aver perso il quarto set sono rimasto calmo e ho mostrato di essere in forma. È una grande vittoria, figlia di un'ottima prestazione. Sono molto felice di come abbia giocato. Ho lavorato duro per avere la possibilità di disputare una partita del genere, il fatto che la ricompensa sia arrivata al quinto set è fantastico», conclude il Maestro basilese.

21.1.2017, 13:372017-01-21 13:37:43
@laRegione

Nulla da fare per Timea Bacsin...

Nulla da fare per Timea Bacsinszky, sconfitta al terzo turno degli Australian Open dall'australiana Daria Gavrilova (Wta 26) 6-3 5-7 6-4.

Nulla da fare per Timea Bacsinszky, sconfitta al terzo turno degli Australian Open dall'australiana Daria Gavrilova (Wta 26) 6-3 5-7 6-4.

20.1.2017, 13:512017-01-20 13:51:02
@laRegione

Il dominio di Roger Federer

Roger Federer ha veramente deliziato la platea sconfiggendo Tomas Berdych 6-2 6-4 6-4 in soli 90 minuti. Il ceco, numero 10 al mondo, non ha nemmeno avuto a disposizione una palla di break...

Roger Federer ha veramente deliziato la platea sconfiggendo Tomas Berdych 6-2 6-4 6-4 in soli 90 minuti. Il ceco, numero 10 al mondo, non ha nemmeno avuto a disposizione una palla di break. Ecco alcuni numeri che dimostrano ulteriormente il dominio e la prestazione maiuscola offerta dal basilese:
- 95% di punti sul primo servizio
- 70% di punti vinti ritornando il secondo servizio
- 20 punti conquistati su 23 salite a rete
- 40 colpi vincenti e solo 17 errori non forzati.

È stata la vittoria più veloce degli ultimi 7 anni di Federer in un torneo del Grande Slam contro un avversario inserito nella top 10. Nel 2010 , sempre agli Australian Open, il Maestro sconfisse  in semifinale Tsonga in 88 minuti.

"Dopo 6 mesi lontano dal circuito, non mi aspettavo di giocare in questa maniera, è incredibile", ha dichiarato Federer a fine partita. " Contro Nishikori sarà un'altra sfida, ci sarà da correre maggiormente e dovrò escogitare un'altra tattica", ha poi aggiunto il 35enne.

20.1.2017, 07:512017-01-20 07:51:41
@laRegione

Stan Wawrinka centra la qualif...

Stan Wawrinka centra la qualificazione agli ottavi di finale degli Australian Open. Il vodese ha battuto il serbo Viktor Troicki (Atp 35) 3-6 6-2 6-2 7-6. Il prossimo ostacolo per Stan sarà l'italiano Andreas Seppi (Atp 89).

Stan Wawrinka centra la qualificazione agli ottavi di finale degli Australian Open. Il vodese ha battuto il serbo Viktor Troicki (Atp 35) 3-6 6-2 6-2 7-6. Il prossimo ostacolo per Stan sarà l'italiano Andreas Seppi (Atp 89).

19.1.2017, 10:292017-01-19 10:29:48
@laRegione

Timea Bacsinszky batte la mont...

Timea Bacsinszky batte la montenegrina Danka Kovinic (Wta 68) 6-1 7-6 e approda al terzo turno. La vodese sfiderà ora l'australiana Daria Gavrilova (Wta 26).

Timea Bacsinszky batte la montenegrina Danka Kovinic (Wta 68) 6-1 7-6 e approda al terzo turno. La vodese sfiderà ora l'australiana Daria Gavrilova (Wta 26).

18.1.2017, 09:322017-01-18 09:32:08
@laRegione

Sarà il serbo Viktor Troicki a...

Sarà il serbo Viktor Troicki a sfidare Stan Wawrinka al terzo turno. Il numero 35 al mondo ha sconfitto l'italiano Lorenzi in cinque set.

Sarà il serbo Viktor Troicki a sfidare Stan Wawrinka al terzo turno. Il numero 35 al mondo ha sconfitto l'italiano Lorenzi in cinque set.

Recital del pianista Mikhail Pletnev

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per il concerto che si terrà il 27 gennaio alle ore 20.30 al Cinema Teatro di Chiasso. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR RECITAL.