Svizzera

12.1.2017, 12:372017-01-12 12:37:49
@laRegione

'Usuali' i salari dei macchinisti Crossrail

Non è dumping salariale assumere un macchinista italiano e versargli uno stipendio del 15% inferiore a quelli più bassi finora pagati in Svizzera. Lo ha stabilito,...

Non è dumping salariale assumere un macchinista italiano e versargli uno stipendio del 15% inferiore a quelli più bassi finora pagati in Svizzera. Lo ha stabilito, esprimendosi sul "caso Crossrail", l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) giustificando la sua decisione con il fatto che questi ferrovieri risiedono in Italia e lavorano principalmente in questo Paese.

L’UFT è stato chiamato ad esprimersi dal Tribunale amministrativo federale (TAF) in relazione a una denuncia presentata dal Sindacato del personale dei trasportatori (SEV). Quest’ultimo accusa di dumping salariale l’impresa ferroviaria, rea di aver trasferito i propri macchinisti da Domodossola (I) a Briga (VS).

Presso FFS e BLS gli stipendi di un macchinista sono compresi tra 5400 e 5700 franchi. Quelli di Crossrail ammonterebbero a 3600 franchi secondo il SEV, a oltre 4000 secondo l’azienda. (ats)

"Kubi" di Flavio Stroppini e Monica De Benedictis

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo che si terrà il 19 gennaio alle ore 20.45 al Teatro Sociale di Bellinzona. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR KUBI.
12.1.2017, 12:342017-01-12 12:34:03
@laRegione

Maurer ora parla di licenziamenti

Le misure di austerità avranno ripercussioni più gravi del previsto nell’amministrazione federale. Il consigliere federale Ueli Maurer ha annunciato che sarà necessario risparmiare 50...

Le misure di austerità avranno ripercussioni più gravi del previsto nell’amministrazione federale. Il consigliere federale Ueli Maurer ha annunciato che sarà necessario risparmiare 50 milioni di franchi in questo settore e che potrebbero essere operati licenziamenti.

Maurer ha rivelato alla radiotelevisione della Svizzera tedesca (SRF) che la situazione economica è risultata essere peggiore di quanto si pensava in dicembre, quando erano state evocate misure di risparmio.

Al Dipartimento federale delle finanze "potrebbero rendersi necessari licenziamenti", ha detto il ministro. Per quanto riguarda gli altri dipartimenti "non posso giudicare", ha aggiunto. Maurer non pensa comunque che vi sarà un’ondata di licenziamenti, si tratterà molto probabilmente di casi isolati a suo avviso. (ats)

"Kubi" di Flavio Stroppini e Monica De Benedictis

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo che si terrà il 19 gennaio alle ore 20.45 al Teatro Sociale di Bellinzona. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR KUBI.
12.1.2017, 11:102017-01-12 11:10:56
@laRegione

Si voterà sulla Strategia energetica

Il popolo sarà chiamato ad esprimersi sulla Strategia energetica 2050. L’UDC, che ha promosso un referendum contro la legge federale sull’energia (LEne), afferma di aver...

Il popolo sarà chiamato ad esprimersi sulla Strategia energetica 2050. L’UDC, che ha promosso un referendum contro la legge federale sull’energia (LEne), afferma di aver largamente superato la soglia delle 50’000 firme necessarie per sottoporre la riforma al voto.

Sulle colonne del Blick, il presidente del partito Albert Rösti afferma che il numero delle sottoscrizioni raccolte "supera abbondantemente quota 60’000". L’UDC ha tempo fino al 19 gennaio per depositarle alla Cancelleria federale, che dovrà poi convalidarle. Prima di Natale, sulla stampa, i vertici del partito non avevano nascosto le difficoltà nel raccogliere le 50’000 firme necessarie.

Proprio ieri, il Consiglio federale aveva deciso che in caso di successo del referendum la Strategia energetica 2050 sarà posta in votazione il prossimo 21 maggio. Quel giorno non ci saranno altri oggetti federali sottoposti al popolo. (ats)

"Kubi" di Flavio Stroppini e Monica De Benedictis

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo che si terrà il 19 gennaio alle ore 20.45 al Teatro Sociale di Bellinzona. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR KUBI.
11.1.2017, 15:112017-01-11 15:11:10
@laRegione

Vaccinazioni fuori dalla franchigia

In futuro le vaccinazioni a carico dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie saranno esentate dalla franchigia. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale adottando...

In futuro le vaccinazioni a carico dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie saranno esentate dalla franchigia. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale adottando la nuova Strategia nazionale di vaccinazione (SNV). Lo scopo di tale misura, precisa l’esecutivo in un comunicato, è di "incentivare i giovani adulti ad aggiornare il loro stato vaccinale". La SNV fa parte della strategia "Sanità2020", tra i cui obiettivi vi è quello di garantire alla popolazione un’elevata tutela della salute. (ats)

Tango - Historias de amor

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo in programma il 19 gennaio alle ore 20.30 al Cinema Teatro di Chiasso. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR TANGO.
11.1.2017, 15:032017-01-11 15:03:26
@laRegione

Economia digitale, nessun affanno legislativo

È necessario adeguare le leggi esistenti per sfruttare al meglio la svolta digitale. Lo ha affermato oggi in una conferenza stampa il ministro dell'Economia Johann...

È necessario adeguare le leggi esistenti per sfruttare al meglio la svolta digitale. Lo ha affermato oggi in una conferenza stampa il ministro dell'Economia Johann Schneider-Ammann. Il Consiglio federale, in mattinata, aveva adottato un rapporto che traccia un quadro positivo delle condizioni attuali ed evidenzia le potenzialità dell’economia di condivisione (sharing economy).

La digitalizzazione non ha prodotto solo un cambiamento della struttura dell’occupazione – meno impieghi nell’industria e di più nei servizi – ma ha modificato anche il modo di lavorare. I portali internet hanno creato nuovi modelli imprenditoriali che offrono opportunità ma comportano anche rischi, sul piano sociale, di protezione dei lavoratori e dei consumatori. Le nascite di portali come Uber e Airbnb ne sono l’esempio più significativo.

Dal rapporto emerge che la legislazione vigente offre una base adeguata e non sono necessari ulteriori strumenti di regolamentazione, sottolinea una nota del Dipartimento federale dell’economia (DEFR).

Occorre invece modificare singoli aspetti delle attuali norme per cogliere al meglio le nuove opportunità, senza ostacolare le innovazioni con regolamentazioni spicce e inappropriate. Il Consiglio federale ricorda di essere già intervenuto nel trasporto professionale di persone (imprese di taxi) e in quello dei servizi finanziari.

Ora intende esaminare altri settori, come quelli dei pernottamenti, dei trasporti, dei servizi multimediali, della tecnologia finanziaria, della politica della concorrenza, della formazione e della ricerca. Oltre a ciò, seguirà l’evoluzione della regolamentazione a livello internazionale. (ats)

Tango - Historias de amor

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo in programma il 19 gennaio alle ore 20.30 al Cinema Teatro di Chiasso. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR TANGO.
11.1.2017, 12:242017-01-11 12:24:18
@laRegione

Strategia energetica, si vota il 21 maggio (forse)

Se entro il 19 gennaio l’UDC riuscirà a raccogliere le 50’000 firme necessarie per la riuscita del referendum, il prossimo 21 maggio il popolo svizzero sarà...

Se entro il 19 gennaio l’UDC riuscirà a raccogliere le 50’000 firme necessarie per la riuscita del referendum, il prossimo 21 maggio il popolo svizzero sarà chiamato alle urne per esprimersi sulla strategia energetica 2050. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale.

Nell’ottobre scorso l’Unione democratica di centro ha promosso un referendum contro la legge federale sull’energia (LEne) approvata dalle Camere federali, che persegue anche l’obiettivo dell’uscita dal nucleare e il rafforzamento delle rinnovabili.

Prima di Natale, sulla stampa, i vertici dell’UDC non avevano nascosto le difficoltà nel raccogliere le 50 mila sottoscrizioni necessarie. (ats)

Un giorno di spesa in collaborazione con il Centro Tenero!

Giovedì 12 e lunedì 16 gennaio dalle 9.00 alle 14.00 vieni a trovarci al Centro Tenero e partecipa al nostro concorso. In palio un buono acquisto di CHF 200.-.
10.1.2017, 15:412017-01-10 15:41:32
@laRegione

Islam e nuoto fanno a pugni? La Cedu boccia il ricorso di genitori musulmani

La Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) di Strasburgo ha bocciato il ricorso di due genitori musulmani di Basilea che avevano...

La Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) di Strasburgo ha bocciato il ricorso di due genitori musulmani di Basilea che avevano rifiutato di lasciar partecipare le figlie ancora impuberi alle lezioni obbligatorie miste di nuoto impartite agli scolari delle elementari. La Corte, nella sentenza resa oggi, giudica che le autorità basilesi non abbiano violato la libertà di coscienza e di religione infliggendo loro una multa di complessivi 1400 franchi. (ats)

Un giorno di spesa in collaborazione con Migros Mendrisio!

Mercoledì 11 e martedì 17 gennaio dalle 9.00 alle 14.00 vieni a trovarci alla Migros di Mendrisio (Piazzale alla Valle) e partecipa al nostro concorso. In palio un buono acquisto di CHF 200.-.
10.1.2017, 15:202017-01-10 15:20:46
@laRegione

I tibetani potranno manifestare. A debita distanza

I tibetani in esilio hanno il permesso di manifestare durante la visita del presidente cinese a Berna il 15 e 16 gennaio. La dimostrazione non potrà però svolgersi...

I tibetani in esilio hanno il permesso di manifestare durante la visita del presidente cinese a Berna il 15 e 16 gennaio. La dimostrazione non potrà però svolgersi in prossimità di Palazzo federale, ma solo nella parte bassa della Weisenhausplatz, dalle 10 alle 12 di domenica 15 gennaio, prima dell’arrivo previsto di Xi Jinping.

Il municipio di Berna è riuscito a intavolare un "dialogo costruttivo" con gli organizzatori della manifestazione, ha indicato il responsabile della sicurezza, Reto Nause (PPD), confermando una notizia pubblicata oggi dal Bund e dal Tages Anzeiger. (ats)

Un giorno di spesa in collaborazione con Migros Mendrisio!

Mercoledì 11 e martedì 17 gennaio dalle 9.00 alle 14.00 vieni a trovarci alla Migros di Mendrisio (Piazzale alla Valle) e partecipa al nostro concorso. In palio un buono acquisto di CHF 200.-.
10.1.2017, 15:132017-01-10 15:13:57
@laRegione

Si è tolto il preservativo senza dirlo: condannato per stupro

Un uomo di 47 anni è stato riconosciuto colpevole di stupro dal Tribunale correzionale di Losanna: durante un rapporto sessuale avuto nel giugno 2015...

Un uomo di 47 anni è stato riconosciuto colpevole di stupro dal Tribunale correzionale di Losanna: durante un rapporto sessuale avuto nel giugno 2015 si era tolto il preservativo senza avvertire la compagna, che aveva chiesto esplicitamente l’utilizzo di un mezzo di protezione. La condanna è di dodici mesi di carcere con la sospensione condizionale.

Una simile sentenza è finora inedita in Svizzera, rileva l’avvocato della vittima, confermando la notizia data da "20 minutes". La decisione del Tribunale correzionale di Losanna, resa ieri, può essere contestata con un ricorso.

La coppia in causa, un cittadino francese e una svizzera, si erano incontrati tramite la app Tinder. Dopo aver trascorso una prima serata in un ristorante, l’uomo e la donna si erano rivisti in casa di quest’ultima, dove avevano avuto un rapporto sessuale. (ats)

Un giorno di spesa in collaborazione con Migros Mendrisio!

Mercoledì 11 e martedì 17 gennaio dalle 9.00 alle 14.00 vieni a trovarci alla Migros di Mendrisio (Piazzale alla Valle) e partecipa al nostro concorso. In palio un buono acquisto di CHF 200.-.
10.1.2017, 06:402017-01-10 06:40:00
Stefano Guerra @laRegione

Pornografia surrogato dell’incontro ‘reale’

Filmati e fotografie pornografici diffusi dagli adolescenti su internet e sulle chat (anche in quelle utilizzate a scuola dalle classi per scambiarsi i compiti),...

Filmati e fotografie pornografici diffusi dagli adolescenti su internet e sulle chat (anche in quelle utilizzate a scuola dalle classi per scambiarsi i compiti), non di rado ‘autopromozionali’, o fatti circolare contro il volere delle ragazze e dei ragazzi coinvolti. Pochi di loro si rendono conto delle conseguenze. E pochi sanno che mostrare, rendere accessibile o mettere a disposizione materiale pornografico a minori di 16 anni è vietato in Svizzera. I reati di questo tipo sono in forte aumento (nel Canton Zurigo sono stati oltre 200 tra il 2013 e il 2015, contro un paio di dozzine nei tre anni precedenti), ha scritto la ‘Nzz am Sonntag’. Il Ticino non fa eccezione. Anche se le statistiche non lo indicano, poiché «c’è un gran ‘sommerso’: molte situazioni non vengono denunciate, non...

Pucci in "In...tolleranza zero"

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo in programma il 14 gennaio alle ore 20.30 al Cinema Teatro di Chiasso. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR PUCCI.
9.1.2017, 14:222017-01-09 14:22:22
@laRegione

Centrale nucleare di Leibstadt, la perdita di produzione è del 30%

La centrale nucleare di Leibstadt (AG) ha prodotto l’anno scorso 6’075 gigawattora (GWh), con un calo del 30% rispetto al 2015. Il reattore è...

La centrale nucleare di Leibstadt (AG) ha prodotto l’anno scorso 6’075 gigawattora (GWh), con un calo del 30% rispetto al 2015. Il reattore è spento da inizio agosto, quando durante la revisione sono stati trovati segni di ossidazione su diversi elementi combustibili.

La centrale, in funzione dal 1984, dovrebbe essere riattivata alla fine di febbraio. Le irregolarità scoperte su 47 dei complessivi 648 elementi combustibili ne hanno reso necessaria la sostituzione o la riattivazione. Lo stop obbligato costa al gestore della centrale 1,3 milioni di franchi al giorno. (ats)

Un giorno di spesa in collaborazione con Denner Mendrisio!

Martedì 10 gennaio dalle 9.00 alle 14.00 vieni a trovarci al Denner di Mendrisio e partecipa al nostro concorso. In palio un buono acquisto di CHF 200.-.
8.1.2017, 19:292017-01-08 19:29:01
@laRegione

Quattro potroghesi morti sulla via del rientro in Svizzera

Quattro cittadini portoghesi sono rimasti uccisi in un incidente di bus questa notte nella Francia centrale, mentre rientravano a Romont (FR) dopo aver...

Quattro cittadini portoghesi sono rimasti uccisi in un incidente di bus questa notte nella Francia centrale, mentre rientravano a Romont (FR) dopo aver trascorso le feste nel loro Paese. La prefettura di Charolles ha comunicato che i feriti sono una ventina, di cui tre in condizioni molto gravi.

Tra questi vi è un bambino di due anni, che si trova tra la vita e la morte.

Il sinistro, che non ha coinvolto altri veicoli, è avvenuto su un tratto ritenuto pericoloso, nel dipartimento di Saona e Loira, tanto da essere soprannominato "la strada della morte". Erano trentadue le persone a bordo del torpedone, che apparteneva alla compagnia "Rota das Gravuras" ed era partito, secondo un giornale lusitano, dalla cittadina Vila Nova de Foz Côa, nel nord del Portogallo.

Il pullman è uscito di strada sfondando il guardrail. Anche se sulla carreggiata non si era formato uno strato di ghiaccio, il fondo stradale era comunque scivoloso, hanno messo in luce i primi rilevamenti.

Il prefetto del dipartimento di Saona e Loira, Gilbert Payet, ha indicato a un media locale che la "velocità del bus non era adatta alle circostanze e alle condizioni della strada. Viaggiava a una velocità di poco superiore ai 90 chilometri orari". Un’inchiesta è stata aperta: il pullman era comunque nuovo e a norma, ha aggiunto il prefetto, citato dalla RTS.

Tramite un comunicato, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha annunciato di aver preso conoscenza con grande costernazione dell’incidente. Ha anche espresso le sue più sentite condoglianze ai parenti delle vittime e gli auguri di pronta guarigione ai feriti. Il DFAE ha confermato inoltre che la maggior parte dei passeggeri è domiciliata in Svizzera romanda.

Lo scorso marzo lungo la statale 79, teatro del sinistro odierno, avevano già perso la vita dodici portoghesi, domiciliati nella regione di Romont, che rientravano nel loro Paese per le festività pasquali.

8.1.2017, 16:022017-01-08 16:02:01
@laRegione

Zurich licenzia

Zurich Insurance ha deciso di sopprimere 123 posti di lavoro in Svizzera. "Ci saranno 71 licenziamenti o pensionamenti anticipati", ha detto alla SonntagsZeitung il CEO Joachim Masur.

L’...

Zurich Insurance ha deciso di sopprimere 123 posti di lavoro in Svizzera. "Ci saranno 71 licenziamenti o pensionamenti anticipati", ha detto alla SonntagsZeitung il CEO Joachim Masur.

L’assicuratore aveva già annunciato lo scorso aprile la soppressione di 77 posti di lavoro, con 25 licenziamenti. L’obiettivo delle misure di risparmio è eliminare doppioni nei rami vita e non vita.

Ora l’azienda ha deciso di rinunciare ad attività che non generano valore aggiunto per i clienti. Nei settori del personale, delle finanze e dell’informatica esistono infatti prestazioni di cui Zurich non ha più bisogno e che quasi nessuno utilizza, secondo Masur.

Nonostante queste misure, la compagnia assicurativa vuole investire circa 100 milioni di franchi nell’informatica per l’unità elvetica. La digitalizzazione modifica infatti sempre di più i metodi di lavoro e gli attuali sistemi informatici stanno invecchiando, ha detto ancora Masur.

6.1.2017, 17:302017-01-06 17:30:52
@laRegione

Indecisione sulla sorte della Riforma III

Terza riforma dell’imposizione delle imprese (Rie III), naturalizzazione facilitata per gli stranieri di terza generazione, Fondo per le strade nazionali e il traffico d’...

Terza riforma dell’imposizione delle imprese (Rie III), naturalizzazione facilitata per gli stranieri di terza generazione, Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (Fostra): a poche settimane dalle votazioni federali del 12 febbraio appare ancora più che mai indecisa la sorte dei tre oggetti sottoposti al popolo. Due sondaggi pubblicati oggi, uno da gfs.bern per la Ssr, l’altro da Tamedia, forniscono risultati contrastanti.

I due sondaggi sono stati realizzati con metodologie diverse e presentano esiti in parte assai discordanti. Secondo quello realizzato dall’istituto gfs.bern, se gli svizzeri avessero votato nella seconda metà di dicembre avrebbero accettato “certamente o piuttosto certamente” in una proporzione complessiva del 50% la Rie III, mentre solo il 35% avrebbe detto ‘no’. Un 15% ancora non sapeva.

Del tutto diverso l’esito del sondaggio Tamedia: la Rie III sarebbe attualmente respinta dal 43% dei votanti e accolta dal 40%, mentre gli indecisi sono il 17%. Più in dettaglio, il 31% degli interpellati voterebbe ‘no’, il 12% ‘tendenzialmente no’, mentre sull’altro fronte i ‘sì’ decisi arriverebbero al 22%; coloro che voterebbero ‘tendenzialmente sì’ sono il 18%.

Esiti divergenti dei due sondaggi anche riguardo alla naturalizzazione agevolata per gli stranieri di terza generazione. Per il gfs.bern essa è sostenuta addirittura dal 74%, contro un 21% che si dice contrario e un 5% di indecisi. Secondo Tamedia invece i favorevoli sono il 50% (39% di ‘sì’ e 11% di ‘tendenzialmente sì’), mentre i ‘no’ incalzano al 48% (39% di ‘no’ e 9% di ‘tendenzialmente no’). Gli indecisi sono il 2% soltanto.

Anche sul terzo oggetto, il fondo stradale Fostra i due sondaggi divergono parecchio, ma sembrano delineare entrambi un ‘sì’ alle urne. Secondo il gfs.bern Fostra è sostenuto dal 60% e avversato dal 32%. Il rilevamento di Tamedia dà un 44% di favorevoli contro un 33% di contrari (il 13% sono ‘no’ decisi, il 20% tendenziali). Ben il 23% gli indecisi. (ats/red)

Il giornale digitale, con te già dalle prime ore del mattino

Scopri tutte le funzionalità de laRegione in digitale. Visita la versione Web oppure scarica l'app per il tuo dispositivo.
6.1.2017, 14:552017-01-06 14:55:26
@laRegione

Tamponamento a catena sulla A3: 14 feriti

Una cinquantina di veicoli sono stati coinvolti questa mattina verso le 9.30 in un tamponamento a catena sulla A3 Zurigo-Coira al confine tra i cantoni di Svitto e Glarona....

Una cinquantina di veicoli sono stati coinvolti questa mattina verso le 9.30 in un tamponamento a catena sulla A3 Zurigo-Coira al confine tra i cantoni di Svitto e Glarona. Secondo le prime informazioni 14 persone sono rimaste ferite.

Nelle prossime ore l’autostrada tra gli snodi di Reichenburg (SZ) e Bilten (GL) in direzione Coira rimarrà chiusa al traffico. Anche le corsie in direzione di Zurigo rimangono chiuse per permettere i lavori di soccorso e di sgombero, ha reso noto Viasuisse. Sul posto sono intervenuti tre elicotteri della Rega e sei ambulanze, ha detto il portavoce della polizia glaronese Daniel Menzi. La polizia chiede di evitare la zona: deviazioni sono segnalate.

La dinamica dell’incidente non è chiara. La causa principale dovrebbe essere la nebbia. "La visibilità era pessima", ha detto Menzi. Inoltre, a causa della nebbia e dell’umidità in alcune zone esposte si è creato un sottile strato di ghiaccio sulla carreggiata. (ats)

Il giornale digitale, con te già dalle prime ore del mattino

Scopri tutte le funzionalità de laRegione in digitale. Visita la versione Web oppure scarica l'app per il tuo dispositivo.