70°
Festival del film
Locarno
2–12 | 8 | 2017

Locarno70

12.8.2017, 17:192017-08-12 17:19:15
@laRegione

I Pardi secondo Ugo: 'Scontati come Ferrari messe contro delle auto ousider'

Annunciati i Pardi del 70 esimo Locarno Festival, andiamo a chiedere a Ugo come valuta le scelte della giuria. I premi sono andati a...

Annunciati i Pardi del 70 esimo Locarno Festival, andiamo a chiedere a Ugo come valuta le scelte della giuria. I premi sono andati a nomi come quello di Isabelle Huppert, grandissima attrice, ma non proprio una novità. Anche riguardo il miglior film Ugo ha qualche dubbio...

12.8.2017, 15:332017-08-12 15:33:15
@laRegione

Il Pardo d'oro va in Cina, pre...

Il Pardo d'oro va in Cina, premiato "Mrs. Fang" di Wang Bing, racconto di un finale di vita segnato dall'Alzheimer. Premio speciale per "As boas maneiras" dei brasiliani Juliana Roias e Marco Dutra.

Il Pardo d'oro va in Cina, premiato "Mrs. Fang" di Wang Bing, racconto di un finale di vita segnato dall'Alzheimer. Premio speciale per "As boas maneiras" dei brasiliani Juliana Roias e Marco Dutra. 

11.8.2017, 20:322017-08-11 20:32:37
@laRegione

Il caffè che... non c'è

I segni di una scomparsa... Marco Jeitziner e la vita da Festival, quando arranchi fin su al Rialto ma non c'è più nessuno a vendere da bere...

I segni di una scomparsa... Marco Jeitziner e la vita da Festival, quando arranchi fin su al Rialto ma non c'è più nessuno a vendere da bere...

11.8.2017, 13:082017-08-11 13:08:00
Ugo Brusaporco

Una bionda atomica che vale la pena

Stasera in Piazza Grande non dovrebbe piovere. E allora si può venire a scoprire Charlize Theron in versione "Atomic Girl", una storia di azione e di spie e di amore che Ugo...

Stasera in Piazza Grande non dovrebbe piovere. E allora si può venire a scoprire Charlize Theron in versione "Atomic Girl", una storia di azione e di spie e di amore che Ugo raccomanda caldamente. Insomma, un blockbuster ma di quelli fatti bene, e con dei sentimenti.

10.8.2017, 15:172017-08-10 15:17:00
@laRegione

Spazio Mono, casa dei The Parders

Spazio Mono, dove The Parders hanno casa durante il Festival. Giacomo ci presenta l'associazione e le attività, fra cui la presentazione della Fanzine alla Rada con i progetti di tre...

Spazio Mono, dove The Parders hanno casa durante il Festival. Giacomo ci presenta l'associazione e le attività, fra cui la presentazione della Fanzine alla Rada con i progetti di tre fotografi e la proiezione chicca di "O sole mio" del 1946, di Giacomo Gentilomo, primo film a essere proiettato 70 anni fa al Festival di Locarno!

10.8.2017, 13:582017-08-10 13:58:59
Ugo Brusaporco

Il pakistano e la studentessa divorziata

Il mondo sta cambiando e il cinema sa ancora creare storie. Come quella di questa sera, con due personaggi credibili, un pakistano e una studentessa universitaria già...

Il mondo sta cambiando e il cinema sa ancora creare storie. Come quella di questa sera, con due personaggi credibili, un pakistano e una studentessa universitaria già divorziata. A Locarno lo vedranno. Se Amazon, che lo distribuisce, lo porterà nelle sale, lo vedremo tutti. Parola di Ugo.

9.8.2017, 14:272017-08-09 14:27:00
Ugo Brusaporco

Una donna meravigliosa fra gli scorpioni

La Piazza probabilmente stasera sarà umidina, ma ci può sempre rifugiare al Fevi. In ogni caso Ugo ci parla del film, "The Song of Scorpions", e soprattutto della sua...

La Piazza probabilmente stasera sarà umidina, ma ci può sempre rifugiare al Fevi. In ogni caso Ugo ci parla del film, "The Song of Scorpions", e soprattutto della sua protagonista, una splendida donna iraniana esiliata in vita ed esiliata sullo schermo, anche all'interno della sua società. Una storia di amore malato, di violenza sulle donne e soprattutto di rinascita...

8.8.2017, 16:002017-08-08 16:00:03
Ugo Brusaporco

Ugo: 'Che ci fanno questi film in concorso?'

Andiamo a trovare Ugo in ufficio, oggi è provato dalla giornata del Concorso, come a volte accade nei festival. Due film, uno incomprensibile e uno che in realtà è una...

Andiamo a trovare Ugo in ufficio, oggi è provato dalla giornata del Concorso, come a volte accade nei festival. Due film, uno incomprensibile e uno che in realtà è una video installazione. La domanda è: ma cosa c'entra con il festival? Poco o niente, ci spiega Ugo.

7.8.2017, 13:382017-08-07 13:38:13
@laRegione

'Chien', un film davvero bello secondo Ugo 

Ugo tiene a spiegare che il film stasera in Piazza, "Chien", è davvero bello, di certo il migliore tra quelli fin qui presentati in prima serata. Quando la vita ti toglie...

Ugo tiene a spiegare che il film stasera in Piazza, "Chien", è davvero bello, di certo il migliore tra quelli fin qui presentati in prima serata. Quando la vita ti toglie tutto, quando accetti tutto, ma non puoi tollerare di non proteggere chi è come te, un cane, fino alle estreme conseguenze. Un film potente, per umani e per cani.

6.8.2017, 15:082017-08-06 15:08:06
@laRegione

Un Garden in centro a Locarno? Ci voleva

Il Festival punta sempre di più sull'esperienza che può offrire al pubblico. Quindi non solo film, ma anche intrattenimento, musica e luoghi in cui incontrarsi e condividere...

Il Festival punta sempre di più sull'esperienza che può offrire al pubblico. Quindi non solo film, ma anche intrattenimento, musica e luoghi in cui incontrarsi e condividere dei momenti a Locarno. Fra questi, la novità il Garden in via Borghese, a quanto risulta una novità necessaria ed apprezzata. Marco Jeitziner è andato a verificare per noi, ovviamente di notte, quando a Locarno c'è voglia di tirare tardi… Nonostante i limiti orari.

6.8.2017, 14:312017-08-06 14:31:46
@laRegione

I giovani del Festival, domande 'normali' e 'anormali'

Uno dei nostri amici al Festival, Franco Cavalleri, ha incontrato due tra i tanti giovani che ogni giorno fanno funzionare la macchina del Festival, spesso a...

Uno dei nostri amici al Festival, Franco Cavalleri, ha incontrato due tra i tanti giovani che ogni giorno fanno funzionare la macchina del Festival, spesso a contatto diretto con il pubblico. È così che, ci spiegano, a volte gli vengono fatte domande "normali", altre invece un tantino "anormali"...

4.8.2017, 17:462017-08-04 17:46:25
Clara Storti

Suoni e nebbia, il gioco percettivo di "Fog Sound Space VI" allo SpazioCinema

Quattro passerelle, formano una sorta di corridoio esterno, una pendice, attaccato alla rampa che porta allo SpazioCinema....

Quattro passerelle, formano una sorta di corridoio esterno, una pendice, attaccato alla rampa che porta allo SpazioCinema. Attraversandole, in maniera sembrerebbe aleatoria, un percorso di tubi eroga nebulizzandola dell'acqua. Percorrendo il tragitto si viene invasi e avvolti da un suono bizzarro...

Passando per lo SpazioCinema del Festival, in quanti si saranno chiesti e si chiederanno, ma che cosa è tutta questa nebbia e da dove proverrà questo suono? La risposta è Edwin van der Heide, artista, compositore e ricercatore nel campo del suono dello spazio e della loro interazione. Oggi pomeriggio, l'artista olandese ha inaugurato la sua installazione "Fog Sound Ambient VI", un elettronico-art.space siatuato fra il Fevi e lo SpazioCinema.

L'intervento artistico, curato da HeK (Electronic-Art Foundation) di Basilea, crea un paesaggio nebuloso, con nebbia reale accompagnata da un suono elettronico; gli elementi si fondono con l'ambiente circostante per originare un'esperienza nuova e diversa. L'artista "espande i termini di composizione e lingua musicale in direzioni spaziali, interattive e interdisciplinari. Il pubblico è messo al centro del lavoro e sfidato a esplorare attivamente, interagire e relazionarsi" con ciò che lo circonda.

Nella breve clip video, Edwin van der Heide ci spiega la sua installazione "Fog Sound Ambient VI". «L'installazione combina nebbia artificiale, ma anche reale, poiché prodotta con acqua. Ci sono quattro sezioni che circondano il pubblico, che entra in interazione con l'opera grazie al movimento, attivando le varie parti del lavoro. Questo perché volevo che la nebbia giocasse con il terreno circostante, con il publico che scompare e riappare. Volevo che l'installazione giocasse con tutte queste dinamiche». La volontà è quella di portare temporaneamente il pubblico in un'altra dimensione, per farlo poi atterrare nuovamente. Dal canto suo l'elemento del «suono fluttua nello spazio, coinvolgendo molto la persona, giocando con le sue percezioni... secondo una dinamica molto simile al movimento della nebbia».

L'elettronico-art.space è accessibile durante tutto il periodo del Festival dalle 10 alle 19.

4.8.2017, 17:122017-08-04 17:12:37
Claudio Lo Russo @laRegione

La “experience” di Locarno Festival

Incontriamo Mario Timbal, direttore operativo del festival, dove quest'anno si punta molto sulla "experience" da offrire al pubblico. Un intrattenimento trasversale, in cui non...

Incontriamo Mario Timbal, direttore operativo del festival, dove quest'anno si punta molto sulla "experience" da offrire al pubblico. Un intrattenimento trasversale, in cui non c'è solo il cinema, per un grande evento che si vuole moderno. Che cosa deve aspettarsi il pubblico? C'è lo spiega il direttore.

4.8.2017, 14:062017-08-04 14:06:18
Ugo Brusaporco

I film di stasera in Piazza Grande secondo Ugo Brusaporco

Ugo corre come tutti i veri festivalieri da una sala all'altra. Per noi ha già visto i due film in programma in Piazza stasera, dove tra l'altro verrà...

Ugo corre come tutti i veri festivalieri da una sala all'altra. Per noi ha già visto i due film in programma in Piazza stasera, dove tra l'altro verrà premiato Adrien Brody. Vale la pena di andare a vederli?

4.8.2017, 06:152017-08-04 06:15:00
@laRegione

Festival 4 agosto, Ugo fra i gladiatori moderni

«Vedere un film di Denis Côté è sempre un'esperienza unica. Vederlo qui a Locarno è il segno che qualcosa di buono in concorso c'è». Il nostro Ugo ha un consiglio:...

«Vedere un film di Denis Côté è sempre un'esperienza unica. Vederlo qui a Locarno è il segno che qualcosa di buono in concorso c'è». Il nostro Ugo ha un consiglio: dopo un'apertura così così, in Concorso oggi (venerdì, ore 14, Fevi) c'è “Ta peau si lisse”, un film che porta il pubblico nel mondo dei bodybuilder. Tanti muscoli per un film che insegna a raccontare i corpi, più che a usare i pollici... Da vedere assolutamente.

3.8.2017, 12:442017-08-03 12:44:39
@laRegione

Fanny Ardant in Lola Pater? 'Uno degli uomini più belli che abbia visto sullo schermo'

Incontriamo il nostro Ugo al PalaCinema. Ha appena visto per noi "Lola Pater", in programma stasera in Piazza Grande,...

Incontriamo il nostro Ugo al PalaCinema. Ha appena visto per noi "Lola Pater", in programma stasera in Piazza Grande, protagonista una Fanny Ardant nei panni di un uomo diventato donna... cioè il più bell'uomo visto su uno schermo...

2.8.2017, 22:172017-08-02 22:17:25
@laRegione

Ciak... si proietta! Inaugurata l'edizione numero 70 del Festival del film

Il 70esimo Festival del film di Locarno si è aperto questa sera con il dramma francese "Demain et tous les autres jours" proiettato...

Il 70esimo Festival del film di Locarno si è aperto questa sera con il dramma francese "Demain et tous les autres jours" proiettato sullo schermo di Piazza Grande: il primo di circa 250 film provenienti da tutto il mondo che saranno presentati nel corso della manifestazione che terminerà il 12 agosto.

Il lungometraggio  è stata scelta dal direttore artistico del festival Carlo Chatrian per puntare a riempire Piazza Grande già dalla serata d’apertura, ricevendo una mano dalle condizioni atmosferiche particolarmente favorevoli: in effetti abbiamo visto una Piazza molto ben frequentata.

L’ambiente è stato politicamente elettrico nel pomeriggio: Sabine Gisiger ha presentato per la prima volta e fuori concorso il documentario "Wilkommen in der Schweiz", nel quale viene descritta la relazione tra la Svizzera e i rifugiati. Il caso di Oberwil-Lieli (AG) e del suo sindaco, il consigliere nazionale Udc Andreas Glarner, è infatti al centro del film. Nel 2016, il ricco comune di 2'200 abitanti aveva deciso di pagare 290’000 franchi per non accogliere la sua quota di 10 rifugiati.

Berset: 'È sempre l'arte a trionfare'

Il festival è stato inaugurato come da tradizione dal consigliere federale e ministro della cultura Alain Berset. Espressosi all’inizio della serata, ha ricordato come la kermesse locarnese sia la "vetrina del cinema svizzero", un evento che ha saputo reinventarsi restando contemporaneamente fedele a se stesso: "In caso di dubbio, è sempre l’arte a trionfare", ha affermato Berset. Il ministro ha poi passato in rassegna le varie correnti cinematografiche mondiali che hanno contribuito a plasmare la manifestazione nel corso degli anni e dei decenni.

I vip attesi nei prossimi giorni

Tra gli invitati prestigiosi anche l'attrice tedesca Nastassja Kinski, che dovrebbe arrivare in Ticino domani, e l’attore americano Adrien Brody, atteso per venerdì. I principali protagonisti saranno tuttavia i film in programma. Locarno Festival, che raggiunge la 70esima edizione, presenta circa 250 film, tra cui alcune prime mondiali, vecchi e nuovi film svizzeri e anche famosi successi di Hollywood. Carlo Chatrian, in occasione del giubileo,  ha selezionato una serie di film che in passato hanno segnato la storia del festival di Locarno: tutti da rivedere. Quest’anno saranno 18 le pellicole che partecipano al concorso internazionale, tra cui il dramma svizzero "Goliath" di Dominik Locher.

2.8.2017, 17:212017-08-02 17:21:44
@laRegione

Il co-regista di 'Piazza Grande' si racconta in un'intervista

Abbiamo parlato con Michael Beltrami co-regista, insieme a Misha Györik, di "Piazza Grande". Il docu-film omaggia il cuore pulsante del Festival del...

Abbiamo parlato con Michael Beltrami co-regista, insieme a Misha Györik, di "Piazza Grande". Il docu-film omaggia il cuore pulsante del Festival del Film di Locarno, la Piazza Grande. L'architetto Vacchini, a inizio anni 70, propose l'idea delle proiezioni in piazza, per trasformare la città in un cinema.

2.8.2017, 15:372017-08-02 15:37:00
@laRegione

Stasera in piazza al Festival un film ' che gufa un po' troppo, incoerente e da vedere'

Cosa attendersi da 'Demain et tous les autres jours' di Noémie Lvovsky? Ugo Brusaporco è appena uscito dall'anteprima e...

Cosa attendersi da 'Demain et tous les autres jours' di Noémie Lvovsky? Ugo Brusaporco è appena uscito dall'anteprima e ce lo racconta. Senza spoiler.

2.8.2017, 12:252017-08-02 12:25:00
@laRegione

'Ti pare possibile che un festival di opere prime abbia 70 anni?'

Il Festival sta per iniziare, come ogni anno da quasi 30 anni Ugo arriva a Locarno. E condivide le sue attese con noi, in un nido di aquile... Il...

Il Festival sta per iniziare, come ogni anno da quasi 30 anni Ugo arriva a Locarno. E condivide le sue attese con noi, in un nido di aquile... Il nostro critico nemmeno lo lasciamo scendere dalla macchina e già lo interroghiamo su questa settantesima edizione. La prima cosa che ci dice: pensavo di essere ancora a Cannes. Ma poi...