Mendrisiotto

21.6.2017, 07:302017-06-21 07:30:00
Daniela Carugati @laRegione

Sul Generoso con MendrisiottoTerroir. Ed è tutto esaurito

Metti un’alba in Vetta al Monte Generoso. Un nutrito drappello di avventurosi, domenica scorsa, ha vissuto l’esperienza: prima arrampicandosi sulla...

Metti un’alba in Vetta al Monte Generoso. Un nutrito drappello di avventurosi, domenica scorsa, ha vissuto l’esperienza: prima arrampicandosi sulla montagna con il trenino a cremagliera; poi godendo del sorgere del sole; quindi ripercorrendo a ritroso il cammino, chi a piedi, chi in bici, per assaporare i prodotti locali come vini, salumi e formaggi della zona. In un centinaio, infatti, hanno raccolto l’invito di MendrisiottoTerroir con l’intento di rendere, così, omaggio al solstizio d’estate che cade oggi sul calendario.

Insomma, l’iniziativa lanciata nel settembre del 2015 e determinata a far (ri)scoprire la regione e le sue virtù paesaggistiche ed enogastronomiche sta facendo breccia fra ticinesi e no. Il filo conduttore delle sue proposte? Fare turismo in modo lento e dolce. Il che , in questo caso, ha comportato l’impegno a salire sul Generoso alle 4 del mattino. A quel punto non è restato che lasciarsi guidare dai vari Cicerone che hanno accompagnato sapientemente i partecipanti lungo gli itinerari: l’astrofila Anna Cairati, Edy e Cristina Lucchini, Eros Ruffoni, Dario Cereghetti, Marco Steiger e Stefano Bergamaschi. A coronare il tutto un pranzo a base di polenta e brasato. L’idea è di farne un appuntamento fisso.

21.6.2017, 07:152017-06-21 07:15:00
@laRegione

Fior di… Bisbini. Sul Generoso...

Fior di… Bisbini. Sul Generoso non spuntano solo fiori di pietra. Anche i cavalli del Bisbino amano la flora locale. Lo hanno dimostrato mettendosi a... corolla. Lo testimonia lo scatto che hanno voluto condividere con noi.

Fior di… Bisbini. Sul Generoso non spuntano solo fiori di pietra. Anche i cavalli del Bisbino amano la flora locale. Lo hanno dimostrato mettendosi a... corolla. Lo testimonia lo scatto che hanno voluto condividere con noi.

21.6.2017, 06:202017-06-21 06:20:00
Daniela Carugati @laRegione

Un lenzuolo bianco di protesta per un'aria migliore

Nel Mendrisiotto salgono la temperatura e i tassi d’ozono e cresce pure il numero di chi si schiera contro la tappa nostrana del Rally Ronde del Ticino. Ieri sono...

Nel Mendrisiotto salgono la temperatura e i tassi d’ozono e cresce pure il numero di chi si schiera contro la tappa nostrana del Rally Ronde del Ticino. Ieri sono stati imbucati all’indirizzo del Tribunale amministrativo cantonale altri ricorsi, rimpinguando così il numero dei cittadini (141 fino alla settimana scorsa) che si sono mobilitati al fianco di alcune associazioni ambientaliste, Verdi e Ps per chiedere l’annullamento della kermesse. In queste condizioni meteorologiche (e di smog estivo), dare luce verde, si ribadisce in una nota, risulta “inammissibile”. Del resto, il distretto (o almeno una parte di esso) appare deciso a far sentire la sua voce. E per ribadire la propria contrarietà è nato, infatti, anche il Gruppo ‘No al rally del Mendrisiotto’, che lancia un appello alla...

20.6.2017, 15:412017-06-20 15:41:59
Prisca Colombini @laRegione

A Mendrisio la quarta Festa della musica

Otto palchi allestiti attorno a piazza del Ponte, 35 concerti e oltre 200 artisti. Sono questi i numeri della quarta Festa della musica in programma sabato 24 giugno nel...

Otto palchi allestiti attorno a piazza del Ponte, 35 concerti e oltre 200 artisti. Sono questi i numeri della quarta Festa della musica in programma sabato 24 giugno nel nucleo di Mendrisio. Quella che l’associazione presieduta da Kilian Poli vuole proporre è una giornata di musica non-stop con artisti locali e internazionali per celebrare la musica in tutte le forme e i generi. I concerti inizieranno alle 16 con la Ti-X-Project in piazza del Ponte; mentre alle 16.15, in piazzetta Borella, toccherà ai Crazy Stools. Sui palchi si alterneranno volti noti – Make Plain e Bumblebees giusto per fare un paio di esempi –, realtà musicali tutte da scoprire (come i Pablo Infernal, stelle nascenti del rock svizzero) e band internazionali e svizzere che hanno calcato prestigiosi palchi (tra loro i Rootical Foundation, presenti lo scorso anno al Rototom Sunsplash a Benicàssim, i Royal Bravada reduci da un tour nella scena underground di Tokyo o gli Antipods, gruppo romando già sul palco del Paléo Festival). Durante la giornata si potranno ascoltare dal rock al reggae, dal metal al jazz, senza dimenticare la musica classica e quella popolare che avranno un palco dedicato. E non è tutto: nottambuli e amanti delle sonorità elettriche potranno approfittare anche dell’after previsto al bar Trinità di Rancate (ci sarà un bus navetta gratuito). Durante l’evento nel nucleo saranno allestiti bar, food truck e uno shop con gadget dei gruppi e dell’evento. La festa della Musica è sostenuta da Città di Mendrisio e Società commercianti del Mendrisiotto. «Quattro anni fa gli organizzatori sono partiti senza sapere bene dove sarebbero andati – sono le parole del capodicastero Sport e tempo libero Samuele Cavadini –. La scommessa è stata vinta e ogni anno si vede una crescita nell’offerta proposta ma anche, e soprattutto, nel coinvolgimento che gli organizzatori riescono a raccogliere». Tiziana Grignola, vice presidente della Scm, sottolinea che «a Mendrisio ci sono tanti appuntamenti importanti dove si cerca di sollevare le sorti dei centri storici che rischiano di essere un po’ abbandonati. È un momento di cambiamento fondamentale e bisogna trovare il ritmo per adattarsi».

20.6.2017, 06:302017-06-20 06:30:00
Daniela Carugati @laRegione

I 'Cittadini' dicono basta ad altre attività a Santa Margherita

Ogni ‘modina’ in più, oggi, è un colpo al cuore per le associazioni ambientaliste, che nel Mendrisiotto continuano a tenere gli occhi ben aperti,...

Ogni ‘modina’ in più, oggi, è un colpo al cuore per le associazioni ambientaliste, che nel Mendrisiotto continuano a tenere gli occhi ben aperti, soprattutto se si va a incidere fuori zona edificabile. Ecco che i ‘Cittadini per il territorio’ davanti all’intenzione di mettere mano a un vecchio stabile al numero 25 di via Santa Margherita a Stabio hanno dato l’altolà. Quella domanda di costruzione (cfr. ‘laRegione’ del 31 maggio), sollecita l’Associazione per voce del coordinatore Ivo Durisch, va respinta. Insomma, il progetto di ristrutturare e ammodernare l’edificio – con l’appartamento al primo piano – e di prevedere, da un lato, l’insediamento di un’attività per la sistemazione di attrezzatura edile e, dall’altro, il ripristino del deposito di materiale edile (definito non...

20.6.2017, 06:102017-06-20 06:10:00
Prisca Colombini @laRegione

Il turismo ritrova una certa stabilità

Coraggio e determinazione. Sono queste le caratteristiche che hanno accompagnato l’Organizzazione turistica regionale del Mendrisiotto e Basso Ceresio (Otr) nel corso del 2016...

Coraggio e determinazione. Sono queste le caratteristiche che hanno accompagnato l’Organizzazione turistica regionale del Mendrisiotto e Basso Ceresio (Otr) nel corso del 2016. Nel corso dell’ultima assemblea, la direttrice Nadia Fontana Lupi ha evidenziato che “ci siamo impegnati per trovare partner e soluzioni che sono frutto di un grande lavoro di coordinamento e di promozione all’interno della regione”. L’impegno ha portato a un miglioramento dei conti, chiusi grazie anche ai contributi volontari e straordinari dei Comuni, con un avanzo d’esercizio di 170 franchi a fronte di un deficit preventivato di 64’956 franchi. Un risultato che “ci rende orgogliosi perché non era per nulla scontato riuscire a ottenerlo”. Un sentimento condiviso anche dal presidente del Consiglio d’...

19.6.2017, 17:102017-06-19 17:10:12
Daniela Carugati @laRegione

Agenti delle Polizie svizzere in... campo

Gli agenti scendono in campo. Questa volta, però, il terreno d’azione non è quello della piccola e grande criminalità, bensì il rettangolo verde di gioco. È toccato, infatti...

Gli agenti scendono in campo. Questa volta, però, il terreno d’azione non è quello della piccola e grande criminalità, bensì il rettangolo verde di gioco. È toccato, infatti, al Ticino ospitare quest’anno il Campionato di calcio delle Polizie svizzere. Giunta alla sua edizione numero 63, la kermesse si disputa sui campi del Mendrisiotto, dall’Adorna di Mendrisio a Rancate, da Morbio Inferiore a Balerna, passando per Riva San Vitale. Regista della manifestazione è l’Associazione sportiva delle Polizia cantonale che, alla testa Athos Solcà, ha curato l’organizzazione della ‘due giorni’ calcistica aperta oggi, lunedì, con le qualificazioni e che si chiuderà domani, martedì, alle 13, con la finalissima allo stadio comunale di Mendrisio. Partita cui farà seguito, alle 14.15, la premiazione. A giocarsela sono in totale 36 squadre, suddivise in cinque categorie, in rappresentanza di tutti i cantoni svizzeri. A tenere alti i colori ticinesi è la compagine Fc Cantonale Ticino, inserita nel Girone A. Per saperne di più e conoscere i risultati basta consultare il portale web del Campionato cliccando su https://www.63campionaticalciopoliziesvizzere.com/

19.6.2017, 13:422017-06-19 13:42:47
@laRegione

Infortunio sul lavoro a Castel San Pietro

La Polizia cantonale comunica che oggi poco prima delle 11.30 presso un cantiere in via Alla Chiesa a Castel San Pietro vi è stato un infortunio sul lavoro. Un 36enne...

La Polizia cantonale comunica che oggi poco prima delle 11.30 presso un cantiere in via Alla Chiesa a Castel San Pietro vi è stato un infortunio sul lavoro. Un 36enne operaio italiano della provincia di Como si trovava su un ponteggio interno per effettuare dei lavori con un trapano. Per cause che l'inchiesta di polizia dovrà stabilire, l'uomo è caduto dal ponteggio da un'altezza di circa due metri. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del Sam che dopo aver prestato le prime cure all'operaio lo hanno trasportato in ambulanza all'ospedale. Le condizioni del 36enne sono giudicate gravi dai medici e la sua vita è in pericolo. Sul posto anche la Polizia cantonale per i rilievi del caso.

19.6.2017, 06:102017-06-19 06:10:00
Stefano Lippmann @laRegione

Il risveglio delle cave di Arzo

Rappresenta la settima generazione di una famiglia di cavatori e scalpellini. E si nota sin da subito. Valentina Rossi ti accoglie alle cave di Arzo come fossero casa sua. Ne ha ben...

Rappresenta la settima generazione di una famiglia di cavatori e scalpellini. E si nota sin da subito. Valentina Rossi ti accoglie alle cave di Arzo come fossero casa sua. Ne ha ben donde, quegli spazi – essendoci cresciuta: «Ci venivo a giocare quando papà (Oreste, ndr) lavorava – li conosce a menadito. A tal punto che da un suo progetto ‘Il risveglio delle cave’, ne è seguito un mandato conferito dal Patriziato di Arzo. Che il marmo di Arzo corra metaforicamente nelle sue vene, lo si capisce all’istante, mentre ci accompagna all’anfiteatro naturale – al centro di un progetto di riqualifica diretto dall’architetto Enrico Sassi – che verrà inaugurato il prossimo mese di settembre. Prima di arrivare all’ex cava Calderari (ora anfiteatro), scorgiamo altri due spazi una volta adibiti all’...

17.6.2017, 06:202017-06-17 06:20:00
Daniela Carugati @laRegione

Residenza a Montalbano, negata la licenza a Stabio 

Per il comparto di Montalbano, a Stabio, il Municipio ha dei piani. E pare proprio che questi non coincidano del tutto con i progetti del tris di imprenditori...

Per il comparto di Montalbano, a Stabio, il Municipio ha dei piani. E pare proprio che questi non coincidano del tutto con i progetti del tris di imprenditori locali oggi proprietario dei 5mila metri quadrati che includono lo storico ristorante (che si prevede di ammodernare) e i terreni circostanti. L’esecutivo, infatti, ha negato la licenza edilizia per la costruzione di quella che, nelle intenzioni, avrebbe dovuto essere la prima di tre abitazioni. Un veto sottoscritto, a quanto pare, a maggioranza e che potrebbe preludere ad altri ‘no’. A circa un anno dalla domanda di costruzione che ha rotto il ghiaccio, dichiarando gli intenti dei promotori immobiliari, la primavera scorsa sul tavolo del Comune sono approdate le altre richieste edilizie. Iniziative che, come nel primo caso,...

17.6.2017, 06:102017-06-17 06:10:00
@laRegione

Truffe dei garage, indagato assicuratore

Tra gli inquisiti per le truffe dei garage c’è anche un assicuratore. L’uomo, che opera nel Mendrisiotto, è stato indagato a piede libero per un episodio emerso nel corso dell...

Tra gli inquisiti per le truffe dei garage c’è anche un assicuratore. L’uomo, che opera nel Mendrisiotto, è stato indagato a piede libero per un episodio emerso nel corso dell’inchiesta condotta, dall’autunno scorso, dal procuratore pubblico Andrea Maria Balerna. L’accusa che gli viene mossa? Essere stato d’accordo, in quel caso, con la concessionaria di Mendrisio, il cui titolare, già consigliere comunale a Stabio, è tornato in libertà giusto martedì (come riferito dalla Rsi), dopo una carcerazione durata più di quattro mesi. Ed è proprio sul garage del capoluogo – coinvolto nella vicenda con altri quattro del Sottoceneri – che si è concentrata l’attenzione degli inquirenti dall’inizio dell’anno. Nel caso specifico, il 62enne ha riconosciuto una cinquantina di casi. Al di là delle...

16.6.2017, 13:442017-06-16 13:44:00
@laRegione

Scarcerato il consigliere di Stabio sotto inchiesta per le truffe dei garage

Martedì il procuratore pubblico Andrea Maria Balerna ha disposto la scarcerazione del consigliere comunale di Stabio, titolare di una...

Martedì il procuratore pubblico Andrea Maria Balerna ha disposto la scarcerazione del consigliere comunale di Stabio, titolare di una concessionaria di Mendrisio. dove dal 2003, secondo gli inquirenti, sarebbero stati inscenati un centinaio di danni totali. In prima battuta il 62enne (difeso da Alexander Henauer) aveva riconosciuto tre casi. Il numero di quelli da lui ammessi è ora salito a una cinquantina.

Ne ha dato notizia la Rsi.

Da notare che lunedì era già tornato in libertà il capomeccanico. Delle dieci persone arrestate, dietro le sbarre resta ormai solo il capovendita del garage in questione.

Per tre delle altre ditte coinvolte il problema riguarda essenzialmente danni di portata minore, maggiorati o simulati. La quinta è finita invece nel mirino della procura perché sospettata di avere venduto un’auto rubata.

16.6.2017, 07:002017-06-16 07:00:00
Daniela Carugati @laRegione
,

Metti, una sera (di Festate) a cena

A Chiasso le donne migranti si sono infilate il grembiule e si sono messe ai fornelli per il popolo di Festate. Per la prima volta, quest'anno, il Festival di culture e musiche del...

A Chiasso le donne migranti si sono infilate il grembiule e si sono messe ai fornelli per il popolo di Festate. Per la prima volta, quest'anno, il Festival di culture e musiche del mondo ha deciso, infatti, di ritagliare uno spazio, nella piazzetta di via Vela (sul retro del palazzo dell'Age), e di allestire una sorta di ristorante cosmopolita sotto le stelle. Oggi, venerdì, e domani, a partire dalle 18, ci si potrà lanciare in un viaggio del globo in una trentina di piatti. «Sarà come avere una rappresentanza del proprio vicino di casa», ci dice Lucia Ceccato di Chiasso_Culture in Movimento. Perché in città può capitare.

Quello di 'Sapore di casa - Cucine dal mondo', del resto, è più un momento della manifestazione. È una vera e propria prova reale di convivenza. Gli ingredienti sono quelli universali del rispetto reciproco e di un approccio scevro da pregiudizi. Con un buon impasto la ricetta riuscirà di sicuro. Dietro i banchi 'cuoche' di Afghanistan, Santo Domingo, Bolivia, Tibet, Eritrea, Iran, Libano e Siria; a tavola i commensali della festa. Per farne parte basta staccare un tagliando (da 5 franchi). Il ricavato sarà diviso… alla romana fra le protagoniste in cucina.

Viste le premesse, ci è quindi venuta voglia di anticipare l'assaggio. E Ibtissam e Glennis ci hanno aiutato. Di più ci hanno aperto per qualche ora le porte della loro casa, ma soprattutto della loro cucina. Ed è stato un po' come fare un viaggio nel loro Paese e nella loro storia personale di migranti, sintetizzato negli scatti di Pablo Gianinazzi (Ti-Press).

La seconda vita di Ibtissam (Siria)

In anteprima potremo assaggiare le foglie malfuf. Ovvero foglie di vite ripiene di riso aromatizzato con spezie e un pizzico di menta essiccata, e condito con salsa di pomodoro. «Si tratta di un piatto della tradizione – ci spiega Ibtissam impastando con delicata perizia i vari elementi –. Al mio Paese quando si invita una persona a pranzo o a cena questa è la pietanza principale. Guai se si va al ristorante e non si trova Malfuf». È come fare un salto a casa. Anche se del passato e di ciò che era prima di lasciare la loro città al confine fra Siria e Turchia, Ibtissam non ama parlare. Meglio concentrarsi sulla seconda vita iniziata in Svizzera, con il marito e i tre figli (di 18, 17 e 10 anni), che ora studiano e non hanno fatto troppa fatica, ci racconta, ad ambientarsi . «Questa estate – tiene a sottolineare – saranno cinque anni che siamo arrivati in Ticino». Tappa finale di un viaggio passato per la Germania. «Il nostro sogno adesso? Trovare un lavoro per mio marito e per me», risponde con semplicità, mentre non si risparmia in ospitalità. «La Svizzera ha fatto tanto per noi», sembra quasi giustificarsi.

Malfuf, la ricetta

Un bicchiere medio di riso (per persona)
Foglie di vite verdi fresche (una per porzione)
Salsa di pomodoro (due cucchiai per porzione)
Due spicchi d'aglio (a scelta)
Una cipolla piccola (a scelta)
Un pizzico di menta secca
Un pizzico di sale
Un pizzico di peperoncino in polvere
Una noce di burro
Un cucchiaio di olio d'oliva
Un limone
Un bicchiere d'acqua

Tempo di cottura: un'ora a fuoco lento in una pentola con un filo di olio e l'acqua, coprire con un coperchio
Servire caldi o freddi

Il sorriso di Glennis (Santo Domingo)

Glennis ha già predisposto tutto per mostrarci il segreto delle sue empanadas. Qui non si trovano tutti i profumi del luogo da dove proviene, ma si cerca di ovviare facendosi spedire da Santo Domingo l’origano e le salse che, con decisione, sfidano il palato. La cucina è piccola, ma la voglia di cimentarsi ai fornelli è grande: «Mi piace», ci confida. Ecco perché ha accolto volentieri l’invito di Festate e ha pensato di proporre una pietanza che, di solito, si mette in tavola in occasione di battesimi e compleanni. Anche lei, insegnante, è approdata a Chiasso con il marito e le figlie, due inizialmente (di 17 e 14 anni), oggi tre con la piccola di 6 anni nata qui. In Svizzera Glennis vive da 8, da quando si è ricongiunta al suo compagno di vita, che l’ha preceduta in Europa. Un altro mondo. «Qui è un po’ diverso rispetto al nostro Paese, ma dopo i primi tempi, non facili, anche le bambine sono riuscite a integrarsi e a farsi apprezzare», ripercorrono Glennis e il marito. Proprio per loro la donna, pratica e solare, ha cercato subito il contatto con gli abitanti del posto. «Frequentando l’oratorio e le altre mamme; dando una mano al preasilo I Monelli», ci spiega. La speranza di un futuro migliore resta. Come la voglia di vedersi riconoscere i titoli di studio – il consorte è ingegnere informatico – conseguiti a Santo Domingo. C’è bisogno di certezze. Le stesse che mancavano in patria e che li hanno spinti a migrare lontano.

Empanadas, la ricetta

Pasta sfoglia (anche già confezionata)
Pomodori a pezzettini
Formaggio a pezzettini (fontal o gouda, ad esempio)
Basilico fresco a pezzettini
Spezie in polvere

Tempo di cottura: il tempo di una frittura in padella in olio caldo al punto giusto
Servire con una insalatina fresca

 

16.6.2017, 06:102017-06-16 06:10:00
Stefano Lippmann @laRegione

Traghettatore di migranti

Lui, un 38enne eritreo, quel viaggio della speranza – in fuga dal suo Paese e dall’esercito – l’aveva fatto una decina d’anni orsono. L’approdo in Sudan, un lavoro in caffetteria per...

Lui, un 38enne eritreo, quel viaggio della speranza – in fuga dal suo Paese e dall’esercito – l’aveva fatto una decina d’anni orsono. L’approdo in Sudan, un lavoro in caffetteria per permettersi i 1’200 dollari necessari per raggiungere la Libia, poi il ‘barcone’ verso Lampedusa, e infine l’arrivo nel Nord Italia. Insediatosi – anche a fronte delle difficoltà economiche e nel trovare un lavoro – ha deciso di ‘aiutare’ altri connazionali a compiere il loro viaggio verso il Nord Europa. Fiducia in lui, sì, ma con un tornaconto finanziario. Insomma, ha «sfruttato i più deboli e i più poveri. Invece di mostrare comprensione non ha esitato a farsi consegnare cifre importanti considerando che si tratta di persone in fuga dal proprio Paese». Sono le parole del presidente della Corte delle...

14.6.2017, 06:302017-06-14 06:30:00
Daniela Carugati @laRegione

lastminute.com al Centro Ovale, ci vuole la domanda di costruzione

Tra Corso San Gottardo e il Centro Ovale, a Chiasso, non ci sono che alcuni minuti di cammino. Ma rischia di essere ben più lunga la strada che...

Tra Corso San Gottardo e il Centro Ovale, a Chiasso, non ci sono che alcuni minuti di cammino. Ma rischia di essere ben più lunga la strada che separa l’attuale sede della lastminute.com dai suoi nuovi uffici. Se, infatti, dal profilo della Legge sul lavoro nulla osta a che la società traslochi all’interno dell’ex centro commerciale, la matassa si fa più intricata quando si tratta di procedura edilizia. A quanto pare, in effetti, ai piani alti delle istituzioni c’è chi si aspettava di ricevere l’incarto relativo al cambio di destinazione dei contenuti del complesso: da spazio commerciale, appunto, ad azienda di servizi (la Bravofly per capirci). Invece, da nostre informazioni, al Dipartimento del territorio non è giunta nessuna richiesta. Così, quando si è trattato di arrivare al dunque...

13.6.2017, 15:342017-06-13 15:34:21
@laRegione

Infortunio sul lavoro a Capolago

Oggi pomeriggio, poco dopo le 14, in un cantiere in via Carlo Maderno a Capolago un operaio è caduto da una scala mentre lavorava al terzo piano della palazzina in costruzione.Sul...

Oggi pomeriggio, poco dopo le 14, in un cantiere in via Carlo Maderno a Capolago un operaio è caduto da una scala mentre lavorava al terzo piano della palazzina in costruzione.
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM con un’ambulanza, un’automedica ed il veicolo comando, per prestare le prime cure allo sventurato. Per poterlo recuperare e portare a terra si è reso necessario l’intervento degli specialisti dell’Unità Intervento Tecnica dei pompieri di Mendrisio che, dopo aver adagiato il ferito in una speciale barella, l’hanno calato mediante l’utilizzo dell’autoscala regionale in dotazione ai Pompieri di Chiasso. Una volta raggiunta l’ambulanza l’uomo è stato trasferito d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Civico per gli accertamenti del caso.

Le sue condizioni non sono note ma, apparentemente, la sua vita non dovrebbe essere in pericolo.

13.6.2017, 10:442017-06-13 10:44:53
Daniela Carugati @laRegione

'Fermate il rally!'. Lanciato il ricorso

In 141 cittadini del Mendrisiotto e del Luganese, associazioni ambientaliste e partitiche, hanno deciso di non far partire il Rally Ronde del Ticino. È partito questa mattina...

In 141 cittadini del Mendrisiotto e del Luganese, associazioni ambientaliste e partitiche, hanno deciso di non far partire il Rally Ronde del Ticino. È partito questa mattina il ricorso all'indirizzo del Tribunale amministrativo cantonale per chiedere di bloccare la manifestazione automobilistica che prevede una tappa nel Basso Mendrisiotto.

13.6.2017, 06:002017-06-13 06:00:00
Daniela Carugati @laRegione

Un orafo in... vetrina a Chiasso per dare visibilità all'artigianato

«Non abbiamo solo una testa, abbiamo anche due mani». Willi Inauen ama ribadirlo. Lui con le mani, infatti, ci lavora da una vita. Insomma, è...

«Non abbiamo solo una testa, abbiamo anche due mani». Willi Inauen ama ribadirlo. Lui con le mani, infatti, ci lavora da una vita. Insomma, è orgogliosamente un artigiano, che da oro e pietre preziose trae delle piccole grandi opere d’arte. «Quattro anni orsono – ci dice mostrando la targa – i russi mi hanno nominato orafo svizzero del Ventunesimo secolo». Era già successo, ricorda, 300 anni orsono, quando lo zar aveva insignito con lo stesso riconoscimento l’orafo svizzero francese Faberger. Un traguardo importante, quindi, che gli ha permesso di far conoscere la sua produzione: all’interno del Museo Sheremetev di San Pietroburgo oggi Inauen, infatti, ha uno spazio riservato a una sua mostra permanente. Occorre andare sin là, adesso, per ammirare l’originale della Croce del Monte...

12.6.2017, 13:192017-06-12 13:19:16
@laRegione

Lavoro, maxi controllo nel Mendrisiotto. Avviata una procedura d'infrazione

Una procedura d'infrazione. Questo il bottino di un'operazione di controllo effettuata oggi da Polizia cantonale, Polizia comunale di...

Una procedura d'infrazione. Questo il bottino di un'operazione di controllo effettuata oggi da Polizia cantonale, Polizia comunale di Mendrisio e ispettori dell'Ufficio dell'Ispettorato del lavoro, della Commissione paritetica cantonale, dell'Associazione interprofessionale di controllo e della Commissione di vigilanza LIA. Nel corso dell'operazione sono state controllate 71 persone. Non sono state rilevate infrazioni di carattere penale in urto alla Legge federale sugli stranieri. Gli ispettori dell'AIC hanno constatato la presenza di una ditta non in regola con le vigenti disposizioni. È stata quindi avviata la procedura d'infrazione. In base ai dati raccolti gli ispettori dell'Ufficio dell'Ispettorato del lavoro approfondiranno gli accertamenti nei prossimi giorni.

11.6.2017, 16:112017-06-11 16:11:21
Prisca Colombini @laRegione

I pompieri di Mendrisio festeggiano i 150 anni con la popolazione

I pompieri di Mendrisio hanno festeggiato ieri i primi 150 anni di attività con una giornata di porte aperte durante la quale hanno mostrato alla...

I pompieri di Mendrisio hanno festeggiato ieri i primi 150 anni di attività con una giornata di porte aperte durante la quale hanno mostrato alla popolazione le loro molteplici attività. All'ex Jelmoli è stato salvato un inquilino rimasto imprigionato in un incendio; in piazza Municipio è stato liberato un automobilista vittima di un incidente stradale; l'unità di intervento tecnica ha lavorato alla torre del Cpi; mentre in piazzale alla Valle erano attivi la sezione della Montagna e i mini pompieri. Le foto di Rescuemedia e Ti-Press/Davide Agosta riassumono la giornata.