Mendrisiotto

3.8.2017, 16:062017-08-03 16:06:47
@laRegione

Estradati via Chiasso due 'ndranghetisti di Frauenfeld

La Svizzera ha estradato oggi in Italia due presunti membri della cellula ’ndranghetista di Frauenfeld. Altri dieci affiliati sono stati incarcerati...

La Svizzera ha estradato oggi in Italia due presunti membri della cellula ’ndranghetista di Frauenfeld. Altri dieci affiliati sono stati incarcerati nuovamente venerdì scorso, precisa una nota dell’Ufficio federale di giustizia (Ufg), in vista dell’estradizione. La decisione è stata motivata col rischio di fuga, dopo che il 21 luglio il Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona ha respinto 12 ricorsi contro questa misura. Le due persone consegnate oggi alle autorità italiane a Chiasso hanno rinunciato a impugnare la decisione davanti al Tribunale federale (Tf), mentre le altre dieci intendono farlo.

Nel marzo 2016 le polizie cantonali di Turgovia e Zurigo avevano arrestato 13 italiani accusati dalle autorità di Roma di far parte di un’organizzazione mafiosa. Visto che i sospettati vivevano in Svizzera da anni ed erano a conoscenza delle indagini italiane prima ancora del loro arresto, l’Ufg aveva considerato esiguo il rischio di fuga e di collusione e li aveva fatti scarcerare su cauzione o predisponendo altre misure cautelari come la consegna dei documenti o l’obbligo di notifica.

La loro estradizione era stata autorizzata dall’Ufg nella seconda metà del 2016. I sospettati avevano però impugnato la decisione davanti al Tpf. Il 25 gennaio il Tpf non era entrato nel merito di uno dei ricorsi poiché non era stata presentata alcuna motivazione entro il termine legale. La persona in questione aveva poi rinunciato a ricorrere al Tf ed è quindi stato estradato in Italia il 10 febbraio 2017.

2.8.2017, 19:272017-08-02 19:27:26
@laRegione

La 15enne di Vacallo di cui no...

La 15enne di Vacallo di cui non si avevano notizie dal 31 luglio è stata ritrovata in buone condizioni di salute. Lo comunica stasera la Polizia cantonale revocando l'avviso di scomparsa.

La 15enne di Vacallo di cui non si avevano notizie dal 31 luglio è stata ritrovata in buone condizioni di salute. Lo comunica stasera la Polizia cantonale revocando l'avviso di scomparsa.

2.8.2017, 13:522017-08-02 13:52:58
@laRegione

Rapina in un distributore di Ligornetto

Rapina oggi verso le 12:10 a Ligornetto in via Cantinetta, presso un distributore con annesso negozio. Un individuo a viso scoperto, armato con un coltello, è entrato nel...

Rapina oggi verso le 12:10 a Ligornetto in via Cantinetta, presso un distributore con annesso negozio. Un individuo a viso scoperto, armato con un coltello, è entrato nel negozio ed ha minacciato una dipendente facendosi consegnare i soldi della cassa. È fuggito con il bottino a piedi in direzione del confine. Non vi sono stati feriti.  Le ricerche subito intraprese non hanno dato, per ora, esito positivo. Connotati del rapinatore:

Uomo, età apparente 25/30 anni, capelli scuri di media lunghezza. Indossava un cappellino nero e vestiva maglietta azzurra e pantaloni lunghi chiari. Si è espresso in lingua italiana senza accenti particolari.

Eventuali testimoni che hanno notato movimenti sospetti nelle vicinanze del distributore sono pregati di contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

2.8.2017, 11:452017-08-02 11:45:13
@laRegione

Chiasso: prese sul fatto due ladre d'appartamento

Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia comunale di Chiasso comunicano che ieri sono state arrestate una cittadina italiana e una cittadina bulgara...

Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia comunale di Chiasso comunicano che ieri sono state arrestate una cittadina italiana e una cittadina bulgara, entrambe 22enni, residenti in provincia di Monza e della Brianza. Le due donne, grazie alla celere segnalazione di un cittadino, sono state fermate in flagranza di reato da agenti della locale Polizia comunale mentre effettuavano un furto con scasso in un appartamento al quinto piano di una palazzina in via Emilio Bossi. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di furto; danneggiamento e violazione di domicilio. L'indagine dovrà ora appurare le eventuali responsabilità delle arrestate in relazione ad altri furti avvenuti nella regione. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Zaccaria Akbas.

Si rinnova l'invito alla popolazione a segnalare tempestivamente movimenti sospetti e, nel caso di veicoli, a rilevare la marca e i numeri di targa e a comunicarli alla Centrale operativa della Polizia c antonale allo 0848 25 55 55. Inoltre, rammentiamo i seguenti consigli di prevenzione contro i furti con scasso:

chiudete porte e finestre prima di lasciare il vostro domicilio, anche se si tratta di una breve assenza
chiudete a chiave le porte d'entrata e le porte finestre anche nel caso in cui vi spostiate solo sulla terrazza, in giardino o sul balcone
conservate le chiavi in un luogo sicuro, evitate di nasconderle sotto un vaso di fiori o sotto lo zerbino
palesate la vostra presenza all'interno dell'abitazione; di sera inserite il timer delle lampade, durante il giorno lasciate una radio accesa
fate svuotare la bucalettere, oppure bloccate il servizio di corrispondenza tramite l'ufficio postale (vi è la possibilità di farlo attraverso Internet)
in caso di assenza prolungata, informate i vicini.

2.8.2017, 06:202017-08-02 06:20:00
Daniela Carugati @laRegione

La Filanda a Mendrisio è un cantiere aperto

Vista da fuori, l’antica Filanda moderna maniera, appare sempre fedele a se stessa. Del lavorio degli operai non sembra esserci traccia. Eppure, al di là del muro di...

Vista da fuori, l’antica Filanda moderna maniera, appare sempre fedele a se stessa. Del lavorio degli operai non sembra esserci traccia. Eppure, al di là del muro di mattoni gialli e rossi, in un certo senso si sta facendo una piccola ‘rivoluzione’. Il cantiere del futuro Centro culturale nel ‘cuore’ di Mendrisio avanza, stavolta per davvero. Anzi, è in pieno fermento, ci fanno notare. La trasformazione degli spazi è in atto, quella dei contenuti seguirà, si assicura. Qualche delibera, è vero, al momento degli appalti è risultata un po’… indigesta, ma oggi è acqua passata, come i ricorsi. Oggi si procede a spron battuto. Tant’è che il capodicastero Museo e cultura della Città, Samuele Cavadini, è fiducioso di aprire i battenti de La Filanda per il settembre del 2018. Insomma, ancora un...

2.8.2017, 00:062017-08-02 00:06:00
Daniela Carugati @laRegione

Primo agosto, finale col… botto

Finale, è il caso di dirlo, pirotecnico a Lugano, per le celebrazioni della festa nazionale. Dopo aver ascoltato le parole della Consigliera federale Doris Leuthard, la cittadinanza...

Finale, è il caso di dirlo, pirotecnico a Lugano, per le celebrazioni della festa nazionale. Dopo aver ascoltato le parole della Consigliera federale Doris Leuthard, la cittadinanza si è spostata, infatti, sul lago per assistere allo spettacolo di fuochi d'artificio lanciati sul golfo.

 

Eccone un assaggio anche negli scatti Ti-Press.

1.8.2017, 21:502017-08-01 21:50:59
@laRegione

Dopo la biciclettata, spazio alle parole

Posteggiate le bici, in piazza Municipio a Chiasso si è dato il via questa sera, martedì, alle celebrazioni della festa nazionale. La cittadina di confine si è affidata alle...

Posteggiate le bici, in piazza Municipio a Chiasso si è dato il via questa sera, martedì, alle celebrazioni della festa nazionale. La cittadina di confine si è affidata alle parole di un “semplice cittadino”, Battista Ghiggia, per sottolineare il compleanno della Confederazione elvetica. Ghiggia ha esortato il Paese a serrare i ranghi per “difendere questa nostra preziosa Svizzera, che molti purtroppo non prendono più a cuore e che fanno di tutto per vederla sparire e cedere il suo posto a strutture sopranazionali che non ci appartengono e ci sono aliene. Dobbiamo temere la resa di noi stessi di fronte ai problemi che caratterizzano questo momento storico e il nemico si chiama sconforto, mancanza di coraggio, mancanza di fiducia, abdicazione e resa al corso delle cose per sfinimento”.

Ha invece scelto una scrittrice come Elvira Dones la città di Mendrisio. Un intervento, il suo, in perfetto equilibrio tra la “patria che ho scelto” e la patria “che ho ricevuto in regalo” (l'Albania), per dirla con le sue stesse parole. “Ma soprattutto – ha invitato – non dimentichiamoci la fame che a suo tempo costrinse tanti ticinesi a emigrare. Ricordiamoci la loro fatica nel costruirsi una nuova esistenza dall'altra parte del pianeta. Ricordiamoci che tutti quanti su questa madreterra siamo solo donne e uomini in moto  perpetuo, spinti da bisogni elementari o da forze e interessi molto più grandi di noi. Fuggiamo dalle dittature, dalla miseria, dalle guerre, dalle case bruciate, dalle bombe, dallo stupro della carne e dell'anima. Siamo tutti sospesi tra cielo e terra e mare in cerca della sopravvivenza. O della felicità. Se nel giorno della festa della nostra patria ci fermiamo un istante a riflettere sull’assoluta necessità almeno della comprensione e dell’empatia nei confronti di chi lascia la propria terra, credo che la Svizzera di domani sarà ancora migliore”.

1.8.2017, 15:532017-08-01 15:53:30
Daniela Carugati @laRegione

A Chiasso il Primo d'agosto è alternativo e aperto a tutti

Lungo il lato di piazza Indipendenza che affaccia sul centrale Corso San Gottardo, a Chiasso, c'è chi ha voluto stendere dei teli a cui affidare poche...

Lungo il lato di piazza Indipendenza che affaccia sul centrale Corso San Gottardo, a Chiasso, c'è chi ha voluto stendere dei teli a cui affidare poche semplici (ma chiare) parole. 'Patria e umanità' dice il primo. E a seguire: 'Umanità e giustizia, non carità'. E ancora: 'Nessun essere umano è illegale'. In città c'è aria di 'Primo d'agosto senza frontiere'. Ormai è diventata una consuetudine in questi anni. La mattina si danno due calci a un pallone; poi spazio al pranzo in comune, alla musica e a un momento di riflessione. Una festa alternativa, quella proposta da 'Stopallignoranza', che vuole mostrare il volto di una Svizzera “aperta ai migranti e ai richiedenti l’asilo, contraria alle esportazioni di armi, allo sfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici, solidale con le organizzazioni terzomondiste”. Una festa a cui non manca, del resto, la presenza di rappresentanti politici locali e no. È lo spirito con cui partecipano a essere diverso.

Quest'anno, per sottolineare la ricorrenza, si è voluto dare spazio e ospitalità  in particolare a due testimoni del tempo che viviamo: il parroco di Rebbio don  Giusto Della Valle e Diego, «un semplice migrante come tanti altri e altre». Due voci per altrettante testimonianze di apertura in un periodo storico che tende ad alzare muri.

Oggi a Como, ha ricordato martedì don Giusto, si contano 1'500 migranti in tutto. Un numero significativo di persone alle quali le istituzioni, ha rimarcato il parroco, danno un'accoglienza di «basso profilo: la pancia piena, un vestito, un letto». Una forma di ospitalità su cui si investe parecchio, ha ribadito, ma che non prevede quella che dovrebbe essere la «risposta giusta: ovvero la possibilità di apprendere la lingua e di seguire un tirocinio formativo». Rebbio, ha spiegato ancora, è «un luogo aperto, nel quale si cerca di offrire una risposta dal basso, al fianco delle istituzioni». E ciò, ha concluso rivolgendosi anche ai richiedenti l'asilo che hanno pranzato con i residenti, «immaginandosi un mondo nuovo e aperto nelle relazioni, nel lavoro e nell'abitare».

Diego, dal canto suo, lo sa cosa vuol dire essere un migrante. Oggi vive qui. E anche lui ha voluto festeggiare questa giornata «in modo diverso». Un intervento appassionato il suo. «Noi – ha sottolineato in un passaggio – non vogliamo una Svizzera di dicorsi nazionalisti e populisti. Non accettiamo che si sporchi in questa maniera il sentire di una nazione. Perché la Svizzera, anche se a tanti darà fastidio sentirlo, è anche nostra, di tutti noi migranti. I quali, anche senza passaporto, senza gli stessi diritti, senza la stessa dignità, contribuiamo al benessere di tutta la società. Viviamo qui da anni – non nei posti dove siamo nati –, perciò dovremmo avere gli stessi diritti di quelli che sono qua. Giorno dopo giorno anche il nostro sforzo, il nostro sudore contribuisce alla crescita di questo Paese».

31.7.2017, 08:432017-07-31 08:43:08
@laRegione

Mendrisio: 'C'è un problema di manutenzione'

Il Magnifico Borgo avverte diverse problematiche legate alla gestione del territorio. A farsi portavoce del disagio i consiglieri comunali di Mendrisio Giovanni Poloni e...

Il Magnifico Borgo avverte diverse problematiche legate alla gestione del territorio. A farsi portavoce del disagio i consiglieri comunali di Mendrisio Giovanni Poloni e Tiziano Calderari. In un'interrogazione al Municipio gli esponenti del Partito liberale radicale elencano una serie di problemi, in particolare la manutenzione che non sarebbe 'pari livello rispetto alla situazione pre-aggregativa'. I due consiglieri riportano l'aumento di graffiti su superfici private e pubbliche, la sporcizia e scarsa illuminazione presente nei sottopassaggi, la pulizia dei marciapiedi, la manutenzione delle strade comunali e il degrado di alcune arterie cantonali nonché il forte traffico di transito. 

31.7.2017, 06:002017-07-31 06:00:00
Stefano Lippmann @laRegione

Squadre momò e campi non a norma: una stagione in... trasferta

Per tutti gli appassionati di calcio si avvicina la nuova stagione che vedrà impiegate, a seconda della fede, molte società del Mendrisiotto. In...

Per tutti gli appassionati di calcio si avvicina la nuova stagione che vedrà impiegate, a seconda della fede, molte società del Mendrisiotto. In alcuni casi, però, i beniamini potranno essere seguiti soltanto in... trasferta. Il Novazzano, fresco di promozione in Seconda Lega interregionale, giocherà (dopo Seseglio) a Morbio. Stesso discorso vale per la compagine del Vacallo 1. Il Castello, invece, si batterà negli incontri casalinghi a Rancate. In Terza Divisione, per fare un altro esempio, i tifosi del Maroggia potranno seguirne le gesta a Castel San Pietro, mentre in settimana le sedute di allenamento sono previste al campo San Giorgio di Morbio. Insomma, un bel puzzle che impegna società, giocatori, uffici tecnici dei vari Comuni e tifosi. La motivazione? È presto detto, molti...

30.7.2017, 15:542017-07-30 15:54:30
@laRegione

Riva San Vitale, cade dalla bicicletta e si ferisce alla testa

Soccorritori a Riva San Vitale per un incidente occorso a un ciclista quest'oggi a mezzogiorno. L'uomo – riferisce Rescue Media – è rimasto ferito in...

Soccorritori a Riva San Vitale per un incidente occorso a un ciclista quest'oggi a mezzogiorno. L'uomo – riferisce Rescue Media – è rimasto ferito in modo apparentemente non grave a seguito di una caduta mentre percorreva la strada Cantonale, provenendo da Brusino. Stando alle prime informazioni, nel sinistro non sarebbero coinvolti altri protagonisti. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del Sam con un’ambulanza e un’automedica che hanno prestato le prime cure allo sventurato, in seguito trasportato al pronto soccorso per ulteriori accertamenti. La Polizia ha disciplinato il traffico ed effettuato i rilevi del caso.

29.7.2017, 06:502017-07-29 06:50:00
Daniela Carugati @laRegione

Comparto stazione 2.0 a Mendrisio. Piace anche alle Ffs

Oggi chi passa da via Franscini a Mendrisio si ritrova davanti allo scalo ferroviario, ma soprattutto di fronte a un gran viavai di traffico. Domani il...

Oggi chi passa da via Franscini a Mendrisio si ritrova davanti allo scalo ferroviario, ma soprattutto di fronte a un gran viavai di traffico. Domani il Municipio vorrebbe poterne fare una sorta di ‘salotto’, dal quale dare il benvenuto a quanti arrivano in città. Il primo atto (pianificatorio) sarà, dunque, trasformare quello che adesso è uno spazio stradale in ‘piazza’. Un cambio deciso di prospettiva – volto a dare la precedenza a pedoni e mobilità lenta – che ruota attorno alla stazione. La vera protagonista della variante di Piano regolatore appena sottoposta in consultazione (cfr. ‘laRegione’ dell’8 giugno e del 19 luglio), del resto, è proprio lei, l’area ferroviaria. In effetti, la stazione, come si legge nel dossier curato dall’architetto Felix Günther, è intesa “come luogo di...

28.7.2017, 06:002017-07-28 06:00:00
Daniela Carugati @laRegione

Un Gruppo accompagna verso il Centro d'asilo

Sul luogo, ormai, ci si può mettere una pietra sopra: tutto sembra essere deciso. Il futuro Centro d’asilo si realizzerà in località Pasture, sul territorio a metà fra...

Sul luogo, ormai, ci si può mettere una pietra sopra: tutto sembra essere deciso. Il futuro Centro d’asilo si realizzerà in località Pasture, sul territorio a metà fra Novazzano e Balerna. Di dettagli da discutere sull’operazione che spiana la strada alla struttura destinata ad accogliere fino a 350 richiedenti l’asilo, però, ce ne sono, e diversi. Ecco perché dalle parti dei due Comuni sede si attendeva con ansia di creare il Gruppo di accompagnamento al progetto, annunciato dalla stessa consigliera federale Simonetta Sommaruga durante il suo incontro con le autorità locali il febbraio scorso, ospite di Novazzano. Alfine si è arrivati al dunque: a fine settembre a Chiasso il gremio si riunirà per la prima volta. E al tavolo siederanno così le delegazioni dei due Municipi guidate dai...

27.7.2017, 11:002017-07-27 11:00:23
@laRegione

Asilo 'veloce' a Chiasso, in arrivo domanda di costruzione e 70 nuovi impieghi 

Settanta nuovi posti di lavoro a Chiasso, in una struttura modulare temporanea che la Segreteria di Stato della migrazione (Sem)...

Settanta nuovi posti di lavoro a Chiasso, in una struttura modulare temporanea che la Segreteria di Stato della migrazione (Sem) intende realizzare su un terreno di proprietà della Confederazione situato in Via Milano 23, proprio di fronte all’edificio amministrativo dell’attuale Centro di registrazione e di procedura (Crp). La domanda di costruzione verrà inoltrata "prossimamente", indica la Sem in una nota diffusa stamane. 

La soluzione è transitoria: permetterà per qualche anno di svolgere le procedure d’asilo secondo le nuove disposizioni. I 70 posti di lavoro per collaboratori della Sem e partner esterni (rappresentanti legali, aiuto al ritorno, sicurezza) vengono a completare gli attuali posti amministrativi al Crp: assieme a questi ultimi, sono destinati allo svolgimento delle procedure d’asilo velocizzate a partire dall’entrata in vigore della nuova legge sull’asilo, nel corso del 2019, fino all’apertura ("presumibilmente nel 2022") del futuro Centro federale d’asilo (Cfa) a Balerna e Novazzano in zona Pasture.

Unitamente ai circa 100 posti di lavoro, per poter introdurre le procedure d’asilo velocizzate, la Confederazione deve disporre in Ticino di 350 posti letto. In collaborazione con il Cantone Ticino, scrive ancora la Sem, la Confederazione sta vagliando delle opzioni per assicurare i citati posti letto tramite soluzioni transitorie. Allo stato attuale non vi è ancora nulla di deciso.

27.7.2017, 06:102017-07-27 06:10:00
Stefano Lippmann @laRegione

'Insoddisfacente' la qualità dell'acqua di Faloppia e 'bassa' Breggia. E nel Distretto si ripopola

La qualità dell’acqua di fiumi e torrenti è da sempre sotto osservazione. A maggior ragione quando si parla...

La qualità dell’acqua di fiumi e torrenti è da sempre sotto osservazione. A maggior ragione quando si parla dei corsi d’acqua del Mendrisiotto, zona ‘sensibile’ e tristemente famosa per i vari inquinamenti che si sono susseguiti negli anni. Dal luglio 2015 ad oggi – dove ci fu un inquinamento lungo il Faloppia causato dall’immissione di ammoniaca nel depuratore di Ronago, in Italia – non si sono più registrati allarmi. Ma oggi come stanno le nostre acque? «Stiamo preparando un rapporto sulla qualità dell’acqua complessivo per il Ticino con i dati aggiornati – premette il capo ufficio protezione acque e approvvigionamento idrico Mauro Veronesi –. Il Mendrisiotto – taglia subito corto – è zona più delicata sotto il profilo della qualità». A pesare sono soprattutto i deflussi, «molto...

26.7.2017, 06:302017-07-26 06:30:00
Daniela Carugati @laRegione

m.a.x. museo, un'estate a La Rinascente

Andare al m.a.x. museo di luglio? Può essere un’idea. Mentre fuori l’estate ribolle, dentro la colonnina di mercurio scende repentinamente (anche più del previsto). A...

Andare al m.a.x. museo di luglio? Può essere un’idea. Mentre fuori l’estate ribolle, dentro la colonnina di mercurio scende repentinamente (anche più del previsto). A riscaldare, però, c’è la solarità dei grandi cartelloni che, nell’accogliere il visitatore, cadenzano le epoche attraversate, dal 1917 in poi, da La Rinascente. Sì, proprio quello, il grande magazzino milanese. Tema insolito per una mostra? Affatto. Stavolta lo spazio espositivo di Chiasso ha voluto dedicare la temporanea – aperta fino al 24 settembre – a uno dei marchi-simbolo nel panorama degli empori. Per il museo cittadino era difficile, del resto, resistere alla tentazione di ripercorrere i suoi primi cento anni. Anche perché, a ben vedere, La Rinascente ha molto a che fare con la grafica, con Max Huber – l’autore...

26.7.2017, 06:002017-07-26 06:00:00
Stefano Lippmann @laRegione

Anche falsi danneggiamenti fatti dai cani, condannato il trio delle truffe

Infortuni mai realmente verificatisi, rimborsi per abbonamenti in palestra mai sottoscritti, prestazioni di aiuto domiciliare,...

Infortuni mai realmente verificatisi, rimborsi per abbonamenti in palestra mai sottoscritti, prestazioni di aiuto domiciliare, trattamenti dentistici in realtà mai ricevuti, falsi sinistri (come aver ad esempio fatto cadere una spazzola che aveva rotto il lavabo o ancora un fulmine che aveva causato danni a una stampante, un telefono portatile e un computer), senza dimenticare le richieste per l’ottenimento di finanziamenti a favore di terze persone allegando falsa documentazione. È una lunga lista quella presente nell’atto d’accusa redatto dalla procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti nei confronti di una 50enne italiana residente nel Mendrisiotto che, tra il 2009 e il 2013 è riuscita nell’intento di truffare funzionari delle assicurazioni complementari delle casse malati,...

25.7.2017, 11:222017-07-25 11:22:00
Daniela Carugati @laRegione

Mendrisio in… tasca

Come avere Mendrisio in una... tasca. La Città ha appena dato alle stampe la versione aggiornata di 'Mendrisio Pocket', la guida tascabile fitta di informazioni sulla rete di servizi e le...

Come avere Mendrisio in una... tasca. La Città ha appena dato alle stampe la versione aggiornata di 'Mendrisio Pocket', la guida tascabile fitta di informazioni sulla rete di servizi e le opportunità che il capoluogo (e non solo) offre alla cittadinanza.

L'opuscolo, grazie al suo indice tematico e agli elenchi di ricerca posti nella parte finale, riesce a restituire una panoramica piuttosto esaustiva  di ciò che è a disposizione della popolazione. Si tratta di una sorta di bussola utile per orientarsi tra uffici e sportelli, incentivi e opportunità, possibilità a livello abitativo, scuola e lavoro, proposte culturali e turistiche, attività sportive e mobilità. “L'ambizione – si ammette dal Comune – è di avere 'la città in un opuscolo', così come il portale elettronico offre 'la città in un click'”.

Non resta che sfogliare 'Mendrisio Pocket' per saperne di più. La guida è gratuita e si può ottenere agli sportelli dell'amministrazione o scaricando la versione elettronica  dal portale della Città.

25.7.2017, 06:302017-07-25 06:30:00
Daniela Carugati @laRegione

La Città di Mendrisio inforca la bici. Si fa un Piano

La Città di Mendrisio è pronta a montare in sella alla bici. Ma soprattutto è decisa a far sì che le due ruote diventino un mezzo di trasporto quotidiano sul...

La Città di Mendrisio è pronta a montare in sella alla bici. Ma soprattutto è decisa a far sì che le due ruote diventino un mezzo di trasporto quotidiano sul territorio comunale. Così l’aspirazione – tradotta in mozione il settembre scorso – di un gruppo interpartitico di consiglieri comunali sta prendendo forma e sostanza. Il sigillo dell’aula consiliare sul varo di un Piano comunale della mobilità ciclistica (Pcmc), in effetti, deve ancora essere apposto. Il Municipio, però, non ha voluto perdere tempo. Attinto dai suoi fondi – un credito in delega di 57mila franchi – ha assegnato a uno studio di ingegneria il mandato di elaborare il nuovo strumento. E la strada, in questo caso, appare spianata. Del resto, la Commissione della pianificazione ha sottoscritto all’unanimità la necessità...

24.7.2017, 13:462017-07-24 13:46:37
@laRegione

Rapina a mano armata a Ligornetto

La Polizia cantonale comunica che questa mattina verso mezzogiorno a Ligornetto presso il distributore Piccadilly Eni in Via Cantinetta 6 è avvenuta una rapina. Un uomo impugnando un...

La Polizia cantonale comunica che questa mattina verso mezzogiorno a Ligornetto presso il distributore Piccadilly Eni in Via Cantinetta 6 è avvenuta una rapina. Un uomo impugnando un arma da taglio è entrato nel distributore e si è fatto consegnare l'incasso. È poi fuggito con l'auto Fiat di colore grigio con targhe italiane, verso il vicino valico. A bordo del veicolo vi era pure una seconda persona che attendeva in auto l'autore. Le ricerche subito scattate, finora non hanno dato esito positivo. Non ci sono stati feriti.

Connotati dei due autori:

1) Uomo, 170 cm, corporatura magra, cappellino da baseball.

2) Uomo, corporatura magra, cappellino da baseball.

Eventuali testimoni che hanno notato movimenti sospetti nelle vicinanze del distributore sono pregati di contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55