Luganese

Oggi, 06:102017-04-24 06:10:00
Leonardo Terzi @laRegione

Gli anziani e l'urgenza abitativa

Il trasloco in casa anziani rimane per molti un’esperienza traumatica, che si potrebbe evitare, o almeno rimandare se esistessero strutture alternative. Una ‘terra di mezzo’ fra la...

Il trasloco in casa anziani rimane per molti un’esperienza traumatica, che si potrebbe evitare, o almeno rimandare se esistessero strutture alternative. Una ‘terra di mezzo’ fra la propria abitazione e la casa di riposo. Se ne discute da tempo, ma per ora ha trovato pochi sbocchi concreti. Si possono citare alcuni esempi, come la ‘Sosta’ di Massagno e la ‘Girasole’ di Viganello. Per questo la maggioranza della Commissione pianificazione chiede di destinare ad alloggi per gli anziani una proprietà comunale di 2’700 metri quadrati nella zona di via al Chioso, vicino all’Ospedale Italiano. Tra i firmatari il consigliere Plr Giordano Macchi, che si ricorda bene la genesi di questo progetto. «A Viganello, il sindaco, che allora era mio papà Sergio, un medico di grande esperienza con gli...

Ieri, 18:312017-04-23 18:31:36
@laRegione

In 6mila allo Streetfood village di Caslano

Circa 6mila persone sono state… prese per la gola dallo Streetfood Village che ha tenuto banco sabato a Caslano dalle 11 alle 22, dove si trovavano piatti di tutti i tipi...

Circa 6mila persone sono state… prese per la gola dallo Streetfood Village che ha tenuto banco sabato a Caslano dalle 11 alle 22, dove si trovavano piatti di tutti i tipi e origine proposti da ristoratori tutti con sede in Ticino. Prossimo appuntamento con lo Streetfood Village il 18 giugno ad Agno.

Ieri, 16:242017-04-23 16:24:10
Marco Marelli

Ripreso (e già aggiornato) il processo Enderlin

E' ripreso a Milano, davanti alla XI sezione del Tribunale penale, il processo a carico di Davide Enderlin, consunte d’affari luganese, già consigliere comunale a...

E' ripreso a Milano, davanti alla XI sezione del Tribunale penale, il processo a carico di Davide Enderlin, consunte d’affari luganese, già consigliere comunale a Lugano, per il Plr. A sostenere l'accusa è il pubblico ministero Sergio Spadato. L'accusa è di riciclaggio a seguito della maxi truffa ai danni del ramo assicurativo Carige (Cassa di risparmio genovese). Il 22 maggio 2014 l'arresto di sei persone, fra cui Giovanni Berneschi, presidente della Carige e numero due dell'Associazione bancaria italiana, Sandro Maria Calloni, residente a Lugano e all'epoca dei fatti gestori di un grande albergo di Paradiso e Davide Enderlin, il quale nega qualsiasi responsabilità. Il processo dopo un inizio puramente formale in gennaio è ripreso dopo che da Genova sono arrivati gli atti del processo, che ha portato alle condanne di di Berneschi e Calloni. La truffa che avrebbe fruttato 23 milioni di euro vede al centro la compravendita di quote dell'albergo Holiday In di Lugano. L’udienza è aggiornata al 29 giugno

21.4.2017, 19:342017-04-21 19:34:30
Marco Marelli

Lago di Como, due piromani arrestati

Primi due arresti per gli incendi che dall'inizio dell'anno stanno devastando i boschi tra Lario e Ceresio. Gli arrestati, giovani del posto, sono accusati di aver appiccato il...

Primi due arresti per gli incendi che dall'inizio dell'anno stanno devastando i boschi tra Lario e Ceresio. Gli arrestati, giovani del posto, sono accusati di aver appiccato il fuoco il tre occasioni, nel periodo compreso fra il 27 marzo e l'altroieri notte, in Alto Lago. Gli arresti sono stati fatti dai Carabinieri forestali del comando provinciale di Como.Gli investigatori si sono trovati di fronte a due incendiari seriali, che una volta appiccato il fuoco, si fermavano sul posto per seguire le le operazioni di spegnimento, da parte dei pompieri e deu volontari. La scorsa notte i due incendiari sono stati bloccati nei boschi di San Siro, dopo che avevano appiccato l'incendio. Accertamenti per appurare se sono responsabili di altri roghi che dall'inizio nei monti tra Lario e Ceresio sono stati 45.

21.4.2017, 10:502017-04-21 10:50:31
Leonardo Terzi @laRegione

Che fine ha fatto il 'Parco Viarno' di Pregassona? Lo chiede mezzo Consiglio comunale

Capita raramente di ricevere un'interpellanza firmata da metà dei Consiglieri comunali, una trentina: il Municipio di...

Capita raramente di ricevere un'interpellanza firmata da metà dei Consiglieri comunali, una trentina: il Municipio di Lugano  una qualche domanda dovrà farsela. Segno che l'argomento è sentito. Si tratta della 'Casa Rossa' alias Villa Viarnetto, storico edificio sulla prima collina di Pregassona, attorno al quale dovrebbe sorgere un importante parco pubblico. Così almeno decise nel 2013 il Consiglio comunale di Lugano, approvando una variante di Piano regolatore. Spesa prevista:7,5 milioni di franchi. In ballo ci sono delle espropriazioni e relativi ricorsi dei proprietari per, stimati, 4,8 milioni. Ne ha riparlato ultimamente la 'Rivista di Castagnola'. Che cosa è successo nel frattempo a questo importante progetto? È ciò che chiede appunto l'interpellanza (prima firmataria Sara Beretta Piccoli) interrogando il Municipio anche sulle condizioni della Casa Rossa, apparentemente pericolante.

21.4.2017, 06:002017-04-21 06:00:00
Dino Stevanovic @laRegione

Ricette d'autore... letterario

E dopo le cene con delitto, arrivano quelle direttamente con gli autori. Il connubio fra gastronomia e letteratura genera sempre nuovi trend e a proporre l’ultimo in ordine di tempo è l’...

E dopo le cene con delitto, arrivano quelle direttamente con gli autori. Il connubio fra gastronomia e letteratura genera sempre nuovi trend e a proporre l’ultimo in ordine di tempo è l’albergo The View di Paradiso. Durante il suo “Maggio letterario 2017” la lussuosa boutique hotel aperta meno di due anni fa proporrà infatti sei accattivanti incontri, che coniugheranno le delizie del palato con quelle dell’intelletto e dell’anima: cibo e letteratura. «Li abbiamo pensati come stimolo – ci spiega la responsabile marketing Silvana Redemagni –, da un lato desideravamo fare delle proposte interessanti e originali e dall’altro farci conoscere non solo come albergo di lusso». Malgrado The View possa contare su una buona clientela – spesso giovane e internazionale, in ogni caso esclusiva –,...

20.4.2017, 08:102017-04-20 08:10:54
@laRegione

Campus di Viganello, il Tribunale federale chiude la vicenda dell'appalto a favore di Usi e Supsi

Chiusa la diatriba quinquennale tra Usi, Supsi – da una parte – e l'architetto Arbnor Murati, dall'altra. Il...

Chiusa la diatriba quinquennale tra Usi, Supsi – da una parte – e l'architetto Arbnor Murati, dall'altra. Il Tribunale federale ha dichiarato inammissibile il ricorso con cui l'architetto chiedeva una nuova procedura d'appalto per la progettazione del Campus universitario di Viganello. Confermata così la decisione del Tribunale cantonale amministrativo.

Murati, con il "Team Essentia", si era aggiudicato nel 2011 il concorso d'architettura. Ma, come ben si legge nella sentenza dell'Alta corte losannese, la prima e la seconda consegna intermedia non erano state accettate dal mandanti. Usi e Supsi avevano così deciso di attribuire il mandato ai secondi qualificati (il team Zenobia).

20.4.2017, 07:072017-04-20 07:07:00
@laRegione

Spento l'incendo in Capriasca

È stato domato il rogo divampato ieri sera nei boschi sopra Corticiasca. I pompieri hanno quindi avuto ragione del rogo che li ha tenuti impegnati durante la notte. La zona rimane...

È stato domato il rogo divampato ieri sera nei boschi sopra Corticiasca. I pompieri hanno quindi avuto ragione del rogo che li ha tenuti impegnati durante la notte. La zona rimane monitorata.

Le fiamme sono divampate attorno alle 22 non lontano dalla capanna del Monte Bar. Sul posto, come riferito da Rescue Media, sono intervenuti i pompieri della Capriasca e di Lugano che hanno raggiunto il fronte delle fiamme cercando di contenerlo evitando la propagazione. Missione resa difficile dal forte vento che soffiava sulla zona.

20.4.2017, 06:102017-04-20 06:10:00
Leonardo Terzi @laRegione

Quadri all'asta per saldare i debiti

Mobili di ufficio, furgoni, scavatrici. Le aste delle ditte escusse, o fallite, sono solitamente un mesto sfilare di apparecchiature tecniche, vecchie auto intestate alla ditta,...

Mobili di ufficio, furgoni, scavatrici. Le aste delle ditte escusse, o fallite, sono solitamente un mesto sfilare di apparecchiature tecniche, vecchie auto intestate alla ditta, consunti mobili d’ufficio. Qualche volta però l’arte fa capolino nella sala del banditore. Sarà il caso dell’incanto previsto martedì prossimo, quando ad essere battuti saranno ben 44 quadri, del noto pittore piemontese Dino Pasquero. Il lotto fa parte delle proprietà escusse alla ditta Amiart Sa, e andrà all’asta insieme a... una sega elettrica e due legatrici. In effetti negli scopi sociali della Amiart, fondata nel 1989 e tuttora attiva, figura proprio “la commercializzazione, la produzione, la propaganda, l'acquisto e la vendita di opere editoriali ed artistiche di ogni genere”. Le tele sono 36: di...

19.4.2017, 21:122017-04-19 21:12:32
@laRegione

Fiamme al centro compostaggio di Sessa

Un incendio è divampato questa sera, attorno alle 20, a Sessa in via alle Bolle, al centro di compostaggio locale. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Monteggio e Caslano...

Un incendio è divampato questa sera, attorno alle 20, a Sessa in via alle Bolle, al centro di compostaggio locale. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Monteggio e Caslano che hanno iniziato le operazioni di spegnimento. Per agevolare il lavoro dei pompieri la Polizia cantonale ha provveduto a chiudere il tratto di strada interessato.

19.4.2017, 15:112017-04-19 15:11:54
Dino Stevanovic @laRegione

Quanti e quali spazi d'aggregazione a Lugano?

Sette anni d'attesa e ancora manca un inventario dei luoghi di aggregazione di Lugano. A lamentare l'eccessivo tempo trascorso sono i Verdi, i cui rappresentanti in...

Sette anni d'attesa e ancora manca un inventario dei luoghi di aggregazione di Lugano. A lamentare l'eccessivo tempo trascorso sono i Verdi, i cui rappresentanti in Consiglio comunale hanno inoltrato oggi un'interrogazione per capire come mail il Municipio non abbia – a loro dire – evaso l'incarico datogli nel 2010 dal Legislativo, che aveva votato una mozione sul tema. Il documento chiedeva di fare un elenco in sostanza di tutti quei posti (sale, grotti, capannoni, palestre, terrazze, parchi, ecc.) che potrebbero servire per feste, grigliate, riunioni, conferenze, corsi, picnic, concerti, spettacoli e altre attività. Anche privati e corporazioni avrebbero dovuto essere invitati a inserire anch'essi i loro spazi disponibili nella lista. In tal modo, comunità religiose, associazioni sportive, culturali o professionali potrebbero infatti farsi conoscere e ricavare contributi per le proprie strutture. Infine, l'elenco sarebbe dovuto essere reso pubblico sul sito della Città, agli sportelli degli Uffici rionali e di altri servizi comunali (Agorateca, case per anziani) e privati (sale d'attesa, esercizi pubblici). Le liste avrebbero dovuto contenere numerose informazioni utili: dalla capienza alle attrezzature disponibili, dai costi alle distanze dai trasporti pubblici, dai regolamenti speciali alla possibilità di effettuare carico e scarico di merce.

Tuttavia, come sottolinea l'interrogazione dei consiglieri comunali ecologisti, l'esecuzione del testo sarebbe rimasta inspiegabilmente incompiuta a distanza di diversi anni, malgrado si tratti di incoraggiare la condivisione di spazi per nobili fini. Da un lato vi sarebbe un consumo più efficiente delle risorse (territorio, energia per il riscaldamento, denaro investito nella costruzione e nella gestione degli spazi stessi) e dall'altro s'incoraggerebbe la collaborazione tra le varie comunità, prevenendo disagi tipici della ghettizzazione.

19.4.2017, 14:272017-04-19 14:27:42
Dino Stevanovic @laRegione

Lugano, wc chiusi a Pasqua e turismo penalizzato

La Pasqua 2017 entrerà verosimilmente nell'albo d'oro del turismo luganese e ticinese in generale. Malgrado questo, c'è chi pensa che le cose sarebbero potute andar...

La Pasqua 2017 entrerà verosimilmente nell'albo d'oro del turismo luganese e ticinese in generale. Malgrado questo, c'è chi pensa che le cose sarebbero potute andar ancora meglio. È il caso della consigliera comunale Petra Schnellmann, che in un'interrogazione depositata oggi in cancelleria a Lugano riferisce di alcune segnalazioni di turisti che si sarebbero lamentati per i wc pubblici chiusi, come per esempio a Bogno e Cureggia. 

La giovane liberale-radicale – anche alla luce del consuntivo 2016 in attivo presentato pochi giorni fa – chiede così di rivedere la misura di risparmio introdotta un paio d'anni fa. O di rivederla perlomeno durante il periodo turistico per non penalizzare i numerosi turisti che sembrerebbero aver scelto Lugano e la sua regione per un po' di relax.

19.4.2017, 12:092017-04-19 12:09:08
Marco Marelli

Campione, il Casinò sta considerando di querelare Report

Report, la trasmissione di Rai3, finisce nella bufera per aver nella puntata di lunedì 17 aprile ''commesso un grave atto di disinfornazione'', su due temi...

Report, la trasmissione di Rai3, finisce nella bufera per aver nella puntata di lunedì 17 aprile ''commesso un grave atto di disinfornazione'', su due temi: il vaccino contro il Papilloma virus e i contributi per un miliardo e duecento milioni di euro di contributi di cui negli ultimi cinque anni ha beneficiato l'industria cinematografica italiana. Nel servizio sul secondo tema si è parlato anche del Casinò di Campione d'Italia, in riferimento al finanziamento da parte della casa da gioco campionese del film del 2014 di Pupi Avati (''Il ragazzo d'oro''). Nel servizio si sostiene che il ''Casinò sulla carta ha messo un milione di euro, ma in realtà alla casa di produzione sono andati dai 250mila ai 300mila euro''. Il finanziamento riguardava uno dei soci co-produttori, Flavia Parnasi, che avrebbe firmato per 1 milione di euro, prendendone 300mila. Stando all'autore del servizio, visto che il film di Avati non andò bene al botteghini, ''il Casinò di Campione è stato l'unico a guadagnarci, 100mila euro di sconto fiscale''. Il servizio ha fatto scalpore anche perchè è andato all'attacco di Roberto Begnini e Nicoletta Braschi, che hanno già incaricato un avvocato romano di presentare querela alla Procura di Roma nei confronti di Giorgio Mottola, che ha realizzato l'inchiesta, e Sigfrido Ranucci, neo responsabile di Report, dopo le dimissioni di Milena Gabanelli. Alla querela del premio Oscar sembra scontato che ne seguirà un'altra: ''Come Begnini anche il Casinò Campione d'Italia sta valutando di sporgere querela nei confronti della trasmissione Report''. Fa sapere l'amministratore delegato del Casinò, Carlo Pagan. Le valutazioni legali del Casinò riguardano lo strumento del tax credit, a seguito del presunto non versamento di quanto contrattualizzato. Circostanza che, sostengono nell'enclave è già stata chiarita. Questo dopo aver ribadito il versamento di un milione di euro.

 

19.4.2017, 06:202017-04-19 06:20:00
Dino Stevanovic @laRegione

Muscoli contro i preconcetti

Sesso debole a chi? Premettendo che il riferimento qui è unicamente alla forza fisica, ci pensano Carolina Poma e Claudia Galli a scardinare ogni pregiudizio sulla questione. Le due sono...

Sesso debole a chi? Premettendo che il riferimento qui è unicamente alla forza fisica, ci pensano Carolina Poma e Claudia Galli a scardinare ogni pregiudizio sulla questione. Le due sono rispettivamente a capo e membro del Lugano Weightlifting Club (Lwc), ossia storicamente la seconda e numericamente la più grande associazione ticinese di sollevamento pesi olimpionico. E l’unica nel Luganese. Nata ufficialmente solo pochi mesi fa, ha già raccolto degli importanti successi a livello nazionale con la vittoria nella categoria Lega B donne a entrambe le competizioni – Basilea e Rorschach – a cui ha preso parte finora. Ed entrambe le vincite sono state conquistate da Carolina. «È una soddisfazione – conferma sorridendo –, ci sono voluti molto impegno, lavoro e costanza e i risultati sono...

18.4.2017, 18:102017-04-18 18:10:28
Dino Stevanovic @laRegione

XCat a Lugano, si rimanda al 2018

Non si terrà a settembre – come inizialmente previsto e dopo un primo slittamento da luglio – la tappa luganese del torneo internazionale di XCat. A comunicarlo è l'associazione Swiss...

Non si terrà a settembre – come inizialmente previsto e dopo un primo slittamento da luglio – la tappa luganese del torneo internazionale di XCat. A comunicarlo è l'associazione Swiss Lugano Lake Trophy (Sllt), specificando come alla base della decisione vi siano importanti cambiamenti all'interno del campionato stesso, legati all'allineamento ai rigorosi parametri imposti dall'Unione internazionale di motonautica in seguito a un passaggio di consegne nel settore. A inizio gennaio infatti, la World Powerboat Pilot Association ha ceduto le sue attività alla Dubai International Marine Club. E così, malgrado la Sllt abbia cercato di scongiurarlo, l'organizzazione di una manifestazione che richiede un notevole sforzo come la gara di catamarani – svoltasti nel giugno 2016 sul Ceresio – è spostata al 2018.