Locarnese

Ieri, 06:552017-12-16 06:55:37
Mario Campo @laRegione

Lista dei beni culturali a Locarno, le critiche del Ps

Critiche e perplessità da parte della sezione del Partito socialista di Locarno – tramite il suo Gruppo territorio (Gt) – in merito alle proposte municipali...

Critiche e perplessità da parte della sezione del Partito socialista di Locarno – tramite il suo Gruppo territorio (Gt) – in merito alle proposte municipali relative ai beni culturali da iscrivere nel Piano regolatore, la cui consultazione è scaduta venerdìi. Innanzitutto, viene espressa “una certa sorpresa” nel constatare la vetustà e l’incompletezza del piano catastale usato per segnalare i singoli beni culturali. “Il piano, infatti – si legge – riporta ancora edifici ormai scomparsi da tempo, come il vecchio Lido o l’hotel Cécile sul lungolago. D’altra parte non si tratta di un piano vecchio, poiché vi sono riportati edifici costruiti di recente, come il nuovo Liceo, la Ferriera o altri, ma nello stesso tempo mancano in maniera eclatante edifici che sono stati realizzati anche prima di quelli citati. Tra questi vi è il Centro di Pronto intervento, edificio che sarebbe necessario vedere sulla pianta non solo per la sua importanza urbanistica, ma anche perché porta la firma dell’architetto Livio Vacchini, i cui edifici su suolo locarnese sono in genere oggetto di proposta di tutela locale”. Il Gruppo territorio del Ps (ne fanno parte Michele Bardelli, Giorgio Beretta Piccoli, Marco Büchler, Gustavo Groisman, Alberto Inderbitzin, Franco Patà, Valérie Perret-Gentil Patà e Sabina Snozzi Groisman) sottolinea poi che il Municipio propone la tutela a livello locale di un numero decisamente minore di oggetti rispetto agli edifici che l’Autorità cantonale ha ritenuto potessero essere iscritti dal Comune nella lista dei beni culturali. “Già solo la riduzione del numero di oggetti proposti – osserva – avrebbe dovuto essere spiegata in modo esaustivo nella documentazione a disposizione. Non si capisce bene quale sia il criterio che ha portato a una drastica riduzione degli oggetti da tutelare, ma non è difficile scorgere una cautela fuori luogo nei confronti della proprietà privata (analizzando il tipo di proprietà delle tutele proposte, il Gt intravede in effetti una scelta di comodo che privilegia edifici già in mano pubblica), se non addirittura di fastidio”. Il Ps elenca quindi una lunga serie di edifici che ritiene meritino di essere tutelati e che invece sono stati “inspiegabilmente” omessi.

15.12.2017, 18:062017-12-15 18:06:55
@laRegione

Pulizie a Losone, il Vpod sostiene le quattro licenziate

Il Sindacato Vpod “sostiene le coraggiose ‘donne delle pulizie’ di Losone, che si stanno battendo per difendere il proprio posto di lavoro in Comune a...

Il Sindacato Vpod “sostiene le coraggiose ‘donne delle pulizie’ di Losone, che si stanno battendo per difendere il proprio posto di lavoro in Comune a Losone”. Lo rileva il segretario cantonale aggiunto Stefano Testa, ricordando che lo scorso 11 dicembre le quattro dipendenti del Comune di Losone avevano distribuito “un toccante volantino” al Consiglio comunale di Losone contro la privatizzazione dei lavori di pulizia e che negli scorsi giorni è stata lanciata una petizione alla popolazione “contro questa tristissima decisione dell’esecutivo comunale”. Anche la Commissione interna del personale ha scritto nelle scorse settimane un’articolata lettera al Municipio, “esprimendo la sua contrarietà e solidarizzando con le colleghe toccate dalla misura di privatizzazione”. Poi è giunta la risoluzione del legislativo, che invita il Municipio a fare dietrofront. La Vpod invita la cittadinanza a sostenere la petizione contro questa privatizzazione e dice no a tutte le altre, che determinano ‘“un peggioramento della qualità dei servizi”.

15.12.2017, 14:372017-12-15 14:37:00
@laRegione

Locarno, cori a teatro con 'Goccia di voci' e 'Harlem Gospel'

'Gospel & Spirituals' festeggia 20 anni di vita. Ad aprire la manifestazione, domenica 17 dicembre alle 17 al Teatro di Locarno, il coro...

'Gospel & Spirituals' festeggia 20 anni di vita. Ad aprire la manifestazione, domenica 17 dicembre alle 17 al Teatro di Locarno, il coro polifonico Goccia di voci diretto dal maestro Oskar Boldre, recentemente premiato alle finali svizzere del Concorso per cori. A seguire, gli Harlem Gospel di Anthony Morgan, ensemble proveniente da New York, già al fianco di Edwin Hawkins (l'autore della famosa ‘Oh Happy Day’) ed esibitosi con Stevie Wonder ed Aretha Franklin. L’evento si svolge con i contributi dalla Fondazione per la cultura del Locarnese, di Coop Culture, Banca Stato e Swisslos. I biglietti sono in prevendita all'Ente Turistico Lago Maggiore in stazione a Locarno. Per informazioni chimare lo 091 759 76 60. Approfondimenti su www.freegreen.ch e facebook (Gospel & Spirituals).

15.12.2017, 12:392017-12-15 12:39:30
@laRegione

Si è 'diplomato' un cane per attività sociali. Lo si può incontrare domenica a Locarno

La Fondazione Barry, nata 12 anni fa per garantire un futuro alla razza svizzera più famosa al mondo – i cani San...

La Fondazione Barry, nata 12 anni fa per garantire un futuro alla razza svizzera più famosa al mondo – i cani San Bernardo – apre al pubblico le porte del suo Infoshop situato in Piazzetta de Capitani a Locarno. Un’occasione per conoscere l’attività, parlare con i responsabili e incontrare Magnum, il giovane San Barnardo, mascotte dell’antenna della Svizzera italiana diplomatosi questa settimana nuovo cane per attività sociali. L’incontro avrà luogo domenica 17 dicembre, dalle 15 alle 18.

La Fondazione Barry desidera cogliere l'occasione dell’aperture del suo spazio nella Città vecchia di Locarno per portare l'attenzione su due aspetti importanti: assicurare la prosecuzione dell'allevamento del Gran San Bernardo e delle attività sociali con i cani San Bernardo. Da 10 anni viene promosso sempre più il contatto tra cane e uomo, soprattutto con le persone svantaggiate e anziane. I simpatici cani salvataggio si sono trasformati in cani sociali.

La Fondazione è molto attiva e intende proseguire sistematicamente la strada intrapresa verso l'ottenimento di cani sociali e da compagnia, all'insegna del motto "sociale e geniale". “Sono estremamente lieto di continuare ad adoperarmi, accompagnato dal San Bernardo Magnum, a favore dello sviluppo e della prosecuzione della Fondazione Barry", così il direttore Claudio Rossetti spiega la sua visione per i prossimi anni. Un programma di attività a 360° per i cani, visite negli istituti e nelle scuole, lavoro in campi per giovani e ampliamento e promozione del museo dei San Bernardo a Martigny, ribattezzato in “Barryland”, sono le sue priorità. A Locarno la Fondazione ha aperto una nuova sede che si occuperà della promozione delle sue attività nella Svizzera italiana e nel Norditalia.

Nel corso del secolo scorso, il loro prezioso fiuto sarà poi sostituito da quello più tecnologico dei moderni apparecchi di ricerca-persone e dallo sviluppo del soccorso alpino e ora, grazie alla Fondazione Barry di Martigny i cani San Bernardo sono utilizzati per attività e scopi sociali. “I cani San Bernardo riescono, grazie al loro particolare carattere, portare gioia a grandi e piccini – conferma Rossetti –. Residenze per anziani e scuole possono da subito rivolgersi alla nostra antenna ticinese per discutere e organizzare una visita puntuale oppure ricorrente con i nostri cani”. Magnum, che ha concluso di recente con successo la sua formazione di cane sociale e di assistenza sarà il primo cane della Fondazione Barry attivo in questo campo in Ticino.

Altre informazioni contattare: Fondazione Barry del Gran San Bernardo, Piazzetta de Capitani 10,
 Locarno,
 +41 (0)91 600 33 44, 
ticino@fondation-barry.ch o www.fondation-barry.ch.

14.12.2017, 16:462017-12-14 16:46:35
@laRegione

Shopping natalizio, a Locarno gratis l'autosilo di Largo Zorzi domenica prossima

Non solo Lugano, anche Locarno si 'attrezza' per l'ultima fase di shopping natalizio. Per favorire la popolazione negli acquisti...

Non solo Lugano, anche Locarno si 'attrezza' per l'ultima fase di shopping natalizio. Per favorire la popolazione negli acquisti in occasione delle aperture prenatalizie dei negozi, il Municipio locarnese ha deciso infatti di rendere gratuito il parcheggio all’autosilo Largo Zorzi domenica 17 dicembre dalle 9 alle 19.

13.12.2017, 07:142017-12-13 07:14:00
@laRegione

Fiamme domate a Verscio

Esplosioni, fumo e fiamme verso le 16 di ieri pomeriggio sulle montagne intorno a Verscio, in località La Piécc a circa 400 metri di quota. Ad andare distrutto è stato un accampamento abusivo,...

Esplosioni, fumo e fiamme verso le 16 di ieri pomeriggio sulle montagne intorno a Verscio, in località La Piécc a circa 400 metri di quota. Ad andare distrutto è stato un accampamento abusivo, già oggetto di precedenti sgomberi. Due militi del Corpo Pompieri di Montagna Melezza, allertato alle 16.28, si sono incamminati verso una zona raggiungibile in circa 20 minuti da Verscio, esclusivamente a piedi.
Sul posto, anche un forestale, un milite più l’ufficiale di picchetto dei pompieri di Locarno e due agenti per i rilievi del caso. Mobilitate altre quattro persone per un eventuale sviluppo verso il basso dell’incendio, rimasto fortunatamente circoscritto. Il personale aggiuntivo è così tornato in caserma. Le fiamme sono state domate intorno alle 18.30 con piccoli mezzi di spegnimento, grazie alla presenza nelle immediate vicinanze di una vasca d’acqua, risultata di grande utilità. Il fuoco ha interessato diverse tende al cui interno erano presenti fornelli a gas e bombole. L’esplosione delle stesse ha causato molto rumore e un po’ d’apprensione

12.12.2017, 07:242017-12-12 07:24:37
@laRegione

Losone, premio Dalcol ai volontari Augustoni e Di Feo

Erano arrivati nel Locarnese per presentare il progetto di solidarietà del quale saranno protagonisti fra poco, i volontari che la Diocesi di Lugano invierà...

Erano arrivati nel Locarnese per presentare il progetto di solidarietà del quale saranno protagonisti fra poco, i volontari che la Diocesi di Lugano invierà presto ad Haiti. E hanno avuto una gradita sorpresa. Al termine della serata svoltasi nei giorni scorsi a Losone, Nicole Agustoni e Nicola Di Feo hanno infatti ricevuto un assegno di tremila franchi dall’Associazione amici di Giovanna Dalcol, la quale ogni anno destina un generoso premio ad un progetto meritevole legato all’istruzione, che abbia ricadute positive sulla crescita personale dei giovani. A consegnare il riconoscimento è stata la presidente dell’associazione, Elena Dalcol, sorella della docente scomparsa nella notte di Natale di 35 anni fa in un incidente stradale e alla cui memoria è dedicato il premio. Fino al 2012, ha spiegato durante la cerimonia Serena Müller, membro di comitato, il riconoscimento era stato assegnato – nella sede delle medie di via Varesi a Locarno, dove Giovanna Dalcol insegnava - ad un allievo particolarmente meritevole dal punto di vista umano. Negli ultimi anni si è invece deciso di premiare progetti a sostegno della formazione e dell’insegnamento.

Ad illustrare quello ticinese nella Diocesi haitiana di Anse-à-Veau-Migroâne è stato Mauro Clerici, presidente della Conferenza missionaria della Svizzera italiana, alla quale ne è affidata l’attuazione. I volontari ticinesi partiranno per l’isola caraibica (colpita negli ultimi anni da un violento terremoto e da vari uragani) con l’obiettivo – fortemente voluto dagli operatori locali – di contribuire ad una migliore formazione dei docenti. Ad essere coinvolti nell’iniziativa saranno una novantina di sedi scolastiche, gestite per lo più dalle Parrocchie, per un totale di 6'500 allievi. Il progetto dovrebbe durare 9 anni e i primi volontari rimarranno sul posto per 12 mesi. Agustoni e Di Feo partiranno a metà gennaio, successivamente altri interessati si sono già fatti avanti per portare avanti il lavoro. La Conferenza missionaria è pure alla ricerca di operatori del settore disposti a raggiungere Haiti per periodi più limitati per proporre ai docenti locali corsi in ambiti puntuali.

12.12.2017, 07:102017-12-12 07:10:53
@laRegione

Centovalli, problemi alla corrente elettrica

A causa delle importanti nevicate, la linea primaria 16kV è fuori servizio nelle Centovalli e più precisamente nelle località di Bordei, Borgnone, Camedo, Lionza, Moneto...

A causa delle importanti nevicate, la linea primaria 16kV è fuori servizio nelle Centovalli e più precisamente nelle località di Bordei, Borgnone, Camedo, Lionza, Moneto, Palagnedra, Rasa, Sassalto e Verdasio. In considerazione delle avverse condizioni meteorologiche, il ripristino dell’erogazione di corrente elettrica è previsto nel corso di questo pomeriggio.

 

11.12.2017, 15:542017-12-11 15:54:03
Serse Forni @laRegione

Losone, 'no' ai licenziamenti e alla privatizzazione del servizio pulizia. È in corso una raccolta di firme

Il prospettato licenziamento di quattro impiegate del Comune di Losone, addette alla pulizia, e...

Il prospettato licenziamento di quattro impiegate del Comune di Losone, addette alla pulizia, e la successiva privatizzazione del servizio sono oggetto di una raccolta firme. Per chiedere al Municipio di rivedere la sua decisione è stata lanciata una petizione, che in questi giorni sta ottenendo un buon riscontro. Il testo è tanto chiaro quanto conciso: “No alla privatizzazione delle pulizie nelle scuole e negli uffici comunali. No alla perdita di posti di lavoro per favorire ipotetici risparmi finanziari. Aiutaci a mantenere i posti di lavoro a Losone”. Oltre a dare seguito alla richiesta delle persone che stanno raccogliendo le firme, chi desiderasse manifestare il proprio sostegno troverà formulari in cancelleria comunale. Alla fine di novembre la notizia dei futuri licenziamenti aveva suscitato vive reazione; oltre alla disdetta del contratto delle quattro impiegate (che per volere del Municipio dovranno essere riassunte dalla ditta privata che effettuerà il servizio), perderanno il lavoro altre donne, che operano nello stesso settore per il Comune, ma su chiamata.

10.12.2017, 22:562017-12-10 22:56:20
David Leoni @laRegione

Intragna, i vertici del Patriz...

Intragna, i vertici del Patriziato sostengono il Parco Nazionale. 'Sì' convinto al progetto il prossimo mese di giugno. Per l'ente è l'unico modo per garantire progettualità e la realizzazione delle diverse opere previste.

Intragna, i vertici del Patriziato sostengono il Parco Nazionale. 'Sì' convinto al progetto il prossimo mese di giugno. Per l'ente è l'unico modo per garantire progettualità e la realizzazione delle diverse opere previste.

7.12.2017, 06:572017-12-07 06:57:00
Beppe Donadio @laRegione

Assolto, ergo innocente

I familiari dell’ergoterapista sono nell’atrio delle Criminali di Lugano molto prima della sentenza. Qualcuno in più del folto gruppo che lo scorso lunedì attendeva fuori dall’aula la...

I familiari dell’ergoterapista sono nell’atrio delle Criminali di Lugano molto prima della sentenza. Qualcuno in più del folto gruppo che lo scorso lunedì attendeva fuori dall’aula la conclusione delle requisitorie; qualcuno in più del 28 novembre quando, a porte chiuse, la stampa udiva nei dettagli i particolari di un atto d’accusa pesante come una pietra al collo. Partiamo dalla fine, dalle parole del giudice Rosa Item: «Che il condannato sia scarcerato, il dibattimento è chiuso».

Poco prima delle 19 di ieri, il 52enne accusato di ripetuta coazione sessuale su 4 pazienti, e di sfruttamento dello stato di bisogno di altri 2, è tornato ad essere un uomo libero. Con due premesse: la non ammissibilità di un precedente del ’98 («questione conclusa con abbandono definitivo», sottolinea la giudice, dunque «senza alcuna valenza probatoria») e lo sconfinamento in ambiti fisioterapici («che non significa che travalicando i confini abbia commesso reato»).

L’impianto accusatorio della pp Margherita Lanzillo si è sgretolato sotto i colpi della credibilità dei due principali accusatori. Pressoché nulla, per la Corte, quella del più anziano dei due, per le contraddizioni e i numerosi cambi di versione. Pesa, più di ogni altra incongruenza, l’agire di un paziente che attende ben 3 presunti abusi con l’intento di voler scattare un’immagine dell’atto, cosa che «non appare verosimile». Nei confronti del secondo accusatore c'è «discrepanza tra denuncia scritta e dichiarazioni rese nel verbale di accusa, oltre alla confusione enorme che traspare dal verbale di confronto con l’imputato». A fare da collante, il fatto che «coazione è costringere e qui manca l’atto coercitivo, fisico o psicologico, dunque la tesi accusatoria non può ritenersi realizzata», così la Corte. Gli altri due pazienti inseriti nel medesimo capo d’accusa non hanno mai manifestato di essersi sentiti a disagio, «men che meno hanno pensato di denunciare», conclude la giudice.

L’accusa di sfruttamento dello stato di bisogno, ora. La Corte cita il Tribunale federale, per il quale devono sussistere situazioni di «sconforto, indigenza, dipendenza, sfruttate dall’autore». Nulla di tutto ciò è riscontrabile in due individui che hanno addirittura giudicato “professionale” il trattamento ricevuto. Quanto al materiale pornografico, è stata rilevata «l’assenza di prove su quale e quanto visionato». Per quelli contenenti animali, «non vi è prova che i video siano stati scaricati e visto il breve lasso di tempo, vale il dubbio pro reo». Il risarcimento, infine, quantificato in poco più di 275mila franchi, comprensivi di spese legali e ogni tipo di danno.

Gli abbracci all’uscita dell’aula avvolgono un uomo con una reputazione da ricostruire dopo quasi 270 giorni di carcere di sicurezza, e una figlia che cercherà di ritrovare l’accettazione dei compagni di scuola. Per lei, che in questa storia non c’entra, c’è il bacio di un coetaneo, dal quale ripartire.

6.12.2017, 19:012017-12-06 19:01:00
@laRegione

Nessuna coazione: l'ergoterapista è un uomo libero

Sgretolato l'impianto accusatorio. L'ergoterapista è un uomo libero. Arriva poco prima delle 19 dal giudice Rosa Item l'assoluzione per tutti i punti contenuti...

Sgretolato l'impianto accusatorio. L'ergoterapista è un uomo libero. Arriva poco prima delle 19 dal giudice Rosa Item l'assoluzione per tutti i punti contenuti nell'atto d'accusa. Nessuna coazione, nessuno sfruttamento dello stato di bisogno. Pressoché totale l'inattendibilità del primo accusato, le sue contraddizioni e i numerosi cambi di versione. Totale discrepanza tra verbale e denuncia scritta, e una generale confusione anche per il secondo accusatore. Cadute le accuse di sfruttamento dello stato di bisogno per due pazienti che, per altro, non hanno mai manifestato di essersi sentiti a disagio, men che meno hanno denunciato. Totale assenza di prove per il materiale pornografico contestatogli. Riconosciuto un risarcimento complessivo circa 276mila franchi.

6.12.2017, 18:482017-12-06 18:48:49
@laRegione

Scongiurato dai pompieri il pericolo d'inquinamento

Questa mattina, verso le 11, il picchetto e l'unità di intervento tecnico del Corpo pompieri di Locarno sono stati allarmati a causa dell'incidente d'elicottero a...

Questa mattina, verso le 11, il picchetto e l'unità di intervento tecnico del Corpo pompieri di Locarno sono stati allarmati a causa dell'incidente d'elicottero a Gordola. Il velivolo si trovava ad una quota di circa 600 metri sul fondo valle della Valle del Carcale, all'altezza di alcuni bacini della rete idrica. Dopo un avvicinamento di circa 20 minuti a piedi, i pompieri hanno potuto appurare che gli occupanti eran già stati presi in consegna dal personale sanitario. In seguito i militi dei pompieri di Tenero - Contra hanno provveduto ad assicurare il velivolo incidentato, mentre i militi di Locarno hanno scongiurato il pericolo di inquinamento. Un settore di attesa è stato allestito nei pressi dell'aeroporto cantonale, per coordinare i soccorsi a livello pompieristico.

6.12.2017, 18:222017-12-06 18:22:23
@laRegione

Ex docente  in carcere, il Decs: 'Gli abusi non sono avvenuti a scuola'

Non sono stati commessi a scuola i circa quaranta abusi, avvenuti dal 2002 al 2010, di cui è accusato il docente del Locarnese rinviato a...

Non sono stati commessi a scuola i circa quaranta abusi, avvenuti dal 2002 al 2010,  di cui è accusato il docente del Locarnese rinviato a giudizio martedì. Secondo quanto reso noto dalla Rsi,  il  Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs) ha avuto accesso agli atti dell'inchiesta e dalla direzione e dagli allievi della scuola professionale in cui lavorava il 51enne prima del licenziamento, non erano giunte segnalazioni. L'uomo si trova ora in regime di espiazione anticipata della pena. Le accuse nei suoi confronti sono coazione sessuale, ripetuti atti sessuali con fanciulli e pornografia dura.

6.12.2017, 17:012017-12-06 17:01:46
@laRegione

Intragna, impiegato comunale precipita dalla finestra dell'ufficio e muore

Stamattina è arrivato in ufficio, ha aperto la finestra al secondo piano e, per cause ancora da chiarire, è caduto nel vuoto,...

Stamattina è arrivato in ufficio, ha aperto la finestra al secondo piano e, per cause ancora da chiarire, è caduto nel vuoto, precipitando sul selciato sottostante. I fatti sono avvenuti a Intragna, località delle Centovalli. Secondo le prime, sommarie, informazioni, un impiegato che da anni lavora per il Comune è rimasto vittima di una caduta fatale. L’ipotesi più accreditata sarebbe quella del malore: ha spalancato la finestra e in quel momento è stato colto da un mancamento, precipitando nel vuoto. L’intervento di terzi sarebbe già stato escluso e altre possibili eventualità sono al vaglio degli inquirenti. Resta il fatto che nella piccola località il decesso dell’uomo – la piazza è rimasta sbarrata dalla Polizia per le indagini della scientifica – ha destato profondo sconcerto.

6.12.2017, 16:412017-12-06 16:41:27
@laRegione

A Locarno on ice 'la febbre del sabato sera'

A Locarno on ice vi sarà un giovedì all’insegna della "Febbre del sabato sera" . Alle 18, Tognetti auto toglierà i veli alla nuova Volkswagen T-Roc aprendo allo stesso...

A Locarno on ice vi sarà un giovedì all’insegna della "Febbre del sabato sera" . Alle 
18, Tognetti auto toglierà i veli alla nuova Volkswagen T-Roc aprendo allo stesso tempo un concorso con in palio un iPhone X, weekend in T-Roc e buoni consumazioni di Locarno on ice. Per partecipare basta farsi un selfie e invocare la dea fortuna. La serata prosegue con un concerto alle 21.30. La neonata band ".Gee" (pronunciato: punto gee) trasformerà la grande piattaforma di ghiaccio in una vera e propria pista da ballo. ".Gee" è la band più giovane fra le oltre 40 band che salgono quest’anno sul palco di Locarno On Ice, è infatti nata appena 9 mesi fa con musicisti già navigati, nell'aprile di quest'anno, con l'idea di ripercorrere la colonna sonora Pop e Disco degli ultimi 4 decenni. In occasione dei 40 anni dall'uscita de "La febbre del sabato sera", il film che ha cambiato il modo di ballare e di frequentare le discoteche, i ".Gee" proporranno fra l’altro brani tratti dall'omonimo album: un mix ideale per intrattenere tutti i presenti e farli ballare sulla grande piattaforma.

Christmas Show della Crazy Dancers Crew
In collaborazione coi municipi e con le varie associazioni della regione, l’Ente per le iniziative del Locarnese offre da 17 anni spettacoli, musica e divertimento per tutti. Quest’anno l’ente ha ingaggiato la Crazy Dancers Crew e Maurizio e la Pallina Rossa. La Crazy Dancers Crew è un gruppo di ragazzi, di età compresa tra i 20 e i 28 anni, provenienti da background diversi, chi dal teatro, chi dalla danza e chi dal canto, ma uniti da un'unica passione per la musica. Le loro strade si sono incontrate durante un periodo di studio nell'ambito musical a Milano e hanno deciso di dare vita a spettacoli con canto dal vivo, coreografie e qualche acrobazia. La Crazy Dancers Crew si esibirà per un primo spettacolo sulla piattaforma di Locarno On Ice venerdì alle 14.30 e tornerà più tardi, alle 16, con il suo Christmas Show, un medley cantato, ballato e recitato. Si tratta di classiche canzoni natalizie, arrangiate in uno stile esclusivo, caratterizzato da ritmi coinvolgenti e incalzanti, da coreografie in parte inedite e da elementi acrobatici. Mentre i ballerini riprenderanno fiato fra il primo e il secondo spettacolo, il mimo Maurizio Scarpa darà vita alle 15.30 al suo spettacolo dal titolo “Maurizio e la pallina rossa”. Maurizio Scarpa ed è nato a Taranto nel 1966, ha studiato da Odontotecnico ed è mimo e clown. Non a caso i suoi due personaggi preferiti sono Charlot e Mister Bean, interpretati dai due attori britannici Charlie Chaplin e Rowan Atkinson, che hanno elevato il cinema muto a vera e propria arte, facendo sorridere intere generazioni. Maurizio è infatti un artista sordo che si esprime nella lingua dei segni. Il suo motto è: “Non sento, non importa! Si può capirsi bene anche senza parole e lasciare tutti voi a bocca aperta!” A Locarno On Ice si presenterà con abbigliamento colorato, con la pallina rossa sul naso, truccato da clown e con una valigia piena di sorprese.

Sempre venerdì, alle 21.30, salirà sul palco di Locarno On Ice la band “Limited Edition”. Si tratta di una formazione tutta dedicata al blues e al rock nata per gioco nel 2009, con lo scopo di una sola esibizione. Ma poi, si sa come vanno le corse, i musicisti ci hanno preso gusto e così la band, che doveva sciogliersi all’indomani del suo primo concerto, è diventata un’istituzione permanente che ha collezionato poco meno di un centinaio di concerti. Il suo repertorio è composto dai grandi classici di mostri sacri quali: Elvis, Hendrix, B.B.King, i Beatles, Pink Floyd, Dylan, fino ai "nostri" Gotthard. Voce e frontman dei Limited Edition è il chitarrista Frank Crivaro; ad accompagnarlo vi sono Luca Cordasco alla chitarra, Damiano “Dama” Guarnieri al basso, Mauro “Malo” Poretti alle tastiere e all’armonica e Marco “Delme” Delmenico alla batteria.

 

6.12.2017, 16:242017-12-06 16:24:16
@laRegione

Gambarogno in festa per la pista di ghiaccio

Con il motto “Tutti in pista”, venerdì 8 dicembre s’inaugurerà la nuova pista di ghiaccio artificiale, sorta presso il Centro sportivo Gambarogno, a Magadino. Con...

Con il motto “Tutti in pista”, venerdì 8 dicembre s’inaugurerà la nuova pista di ghiaccio artificiale, sorta presso il Centro sportivo Gambarogno, a Magadino. Con quest’ultimo tassello si concludono dunque i lavori di ristrutturazione del Centro sportivo edificato negli anni ‘90, censito nell’inventario cantonale degli impianti sportivi di valenza regionale con un importante ruolo nella promozione delle attività sportive, formative, ludiche e ricreative per la popolazione indigena e i turisti dell’intera Regione. Il progetto di ampliamento e ristrutturazione del Centro sportivo ha valorizzato le peculiarità già presenti, diversificando l’offerta sportiva per rispondere ad una gamma di utenti e di esigenze più ampie. L’investimento è stato autorizzato dal Consiglio comunale alla fine del 2014 con la concessione di un credito di costruzione di 2,8 milioni di franchi, di cui 380'000 sussidiati tramite il fondo Sport Toto e 1,5 milioni tramite aiuti agli investimenti concessi dal Cantone nell’ambito del progetto aggregativo. Il progetto è stato realizzato e diretto dall’Ufficio tecnico comunale e ha riguardato la costruzione di uno spogliatoio, un magazzino, uno snack bar, un campo da calcio in sintetico con illuminazione, un parco giochi, le sistemazioni esterne dei posteggi, le strutture di atletica, l’acquisto dei robot di taglio per l’erba e pure la nuova pista di ghiaccio che d’estate sarà riconvertita per l’inline hockey e altre attività ludico-sportive compatibili con la superficie in duro. Partendo dal Centro sportivo, il Comune ha pure realizzato un “Percosso vita” che si snoda in una suggestiva zona golenale e delle Bolle di Magadino. La nuova pista di ghiaccio è stata realizzata con piastra in calcestruzzo armato, della dimensione di m 40 x 20, serpentine di raffreddamento integrate e l’utilizzo di un gruppo frigorifero elettro modulabile, che permetterà di contenere i costi energetici. La pista sarà dotata di balaustre e reti di sicurezza, illuminazione, audio e servizi esterni di ristorazione presso lo snack bar del Centro. Sarà possibile noleggiare i pattini in loco. Quale successivo passo di sviluppo e ammodernamento del Centro, il Municipio, in collaborazione con il BMX Club Ticino, sta valutando il rifacimento completo della pista di BMX con l’obiettivo di poterla certificare secondo gli standard UCI. Questo progetto sarà realizzato una volta reperiti i fondi necessari e in ogni caso sarà sottoposto per approvazione al Consiglio comunale.

6.12.2017, 16:102017-12-06 16:10:38
@laRegione

Navigazione, maestranze locarnesi soddisfatte per le garanzie su occupazione e salari. 'Ma ora sotto con il Ccl'

“Hanno lottato tanto, con coraggio e dignità. Hanno aspettato anche troppo, con pazienza e...

“Hanno lottato tanto, con coraggio e dignità. Hanno aspettato anche troppo, con pazienza e sofferenza. Hanno resistito alla rassegnazione finché hanno potuto, anche se alcuni marinai hanno deciso di prendere altre vie per rifarsi una vita professionale”. Ora, comunque, le maestranze locarnesi della Navigazione Lago Maggiore “hanno accolto con un grande sospiro di sollievo la fine di una vicenda che li ha visti protagonisti di una lotta esemplare, vissuta con dignità e determinazione”.

Lo scrivono Sev, Unia e Ocst in relazione alla decisione della Società di navigazione Lago di Lugano di anticipare l’allestimento dei contratti di lavoro per tutto il personale svizzero di Nlm – così come previsto dagli accordi presi con il Consiglio di Stato – in vista della costituzione del Consorzio che opererà sui laghi Ceresio e Maggiore.

I dipendenti, riuniti in assemblea, “hanno dato il loro accordo alla soluzione presentata”, ma sanno che “l’anno prossimo sarà cruciale poiché inizieranno le trattative per il Ccl”. Con in tasca piena occupazione e salari invariati per tutto il 2018 i sindacati si dicono “pronti ad avviare le trattative per il Contratto collettivo di lavoro che, insieme al Ceo di Snl Agostino Ferrazzini, auspicano costruttive. Di sicuro i sindacati faranno quanto in loro potere per favorire migliori condizioni quadro per la navigazione, che rappresenta un biglietto da visita turistico troppo spesso trascurato. La navigazione è anche un settore di sviluppo per l’occupazione, di cui questo Cantone ha gran bisogno”.

5.12.2017, 18:272017-12-05 18:27:04
@laRegione

Docente locarnese in manette per reati sessuali

La procuratrice capo Chiara Borelli ha concluso la delicata inchiesta dopo l'arresto, avvenuto lo scorso mese di maggio, di un cittadino svizzero 51enne, dimorante...

La procuratrice capo Chiara Borelli ha concluso la delicata inchiesta dopo l'arresto, avvenuto lo scorso mese di maggio, di un cittadino svizzero 51enne, dimorante nel Locarnese e professionalmente attivo quale docente nel settore delle scuole professionali. L'uomo è accusato di reati sessuali. È quindi stato deciso il rinvio a giudizio, dinanzi alle Assise criminali di Locarno, dell'insegnante, nei confronti dei quali si ipotizzano i reati di coazione sessuale (ripetuta), atti sessuali con fanciulli (ripetuti) e pornografia dura.

 

5.12.2017, 17:452017-12-05 17:45:01
@laRegione

Locarno, domani tutto l'hockey sarà 'on ice'

La compagnia d’assicurazioni Zurich è uno degli sponsor principali di Locarno On Ice e dell’Hockey Club Lugano. Mercoledì pomeriggio questo impegno per l’hockey sarà...

La compagnia d’assicurazioni Zurich è uno degli sponsor principali di Locarno On Ice e dell’Hockey Club Lugano. Mercoledì pomeriggio questo impegno per l’hockey sarà celebrato in Piazza Grande a Locarno nell’ambito della giornata speciale Zurich On Ice. La compagnia d’assicurazioni ha infatti invitato sulla grande piattaforma di Locarno On Ice diversi giocatori degli Hockey Club Lugano e Ambrì-Piotta. Per l’HCL saranno presenti Vauclair, Reuille, Manzato, Chiesa, Sannitz, Lapierre e Walker mentre per l’HCAP D’Agostini, Emmerton, Taffe, Plastino, Kubalik e Lhotak.

Alle 15.00 Marco Cattaneo, laureato in fisioterapia presso le Università degli Studi di Milano e di Bath nel Regno Unito e attualmente physical therapist dell’Hockey Club Lugano, parlerà di salute e sport. Dopo le 15.30 i giocatori degli Hockey Club Ambrì Piotta e Lugano si esibiranno con tiri in porta nell’ambito di Zurich GOAL. Dopodiché i ragazzi potranno partecipare all’estrazione di una maglia per squadra, presente anche San Nicolao con i suoi doni per i piccini. A fine pomeriggio, fra le 16.45 e le 17.30 i giocatori di hockey presenti saranno a disposizione del pubblico per una seduta di autografi.

Sempre mercoledì, in serata alle 19.30, entreranno sulla pista di Locarno On Ice le ragazze della sezione artistica e della sezione amatori del Club Pattinaggio Biasca. Allenate da Federica Constantini, Simone Vaturi e Dario Betti, esse si esibiranno con un saggio delle attività svolte sul ghiaccio durante la stagione corrente. Trenta minuti di volteggi e coreografie svolte all'insegna dell’eleganza e del fascino che caratterizzano questa disciplina sportiva.