Locarnese

Oggi, 22:092017-07-25 22:09:55
@laRegione

Fatale un selfie per una 15enne travolta da un'onda in Sardegna

È stata travolta mentre si stava facendo un selfie con la zia, la ragazza ungherese di 15 anni annegata questa sera nel mare di Costa Paradiso a...

È stata travolta mentre si stava facendo un selfie con la zia, la ragazza ungherese di 15 anni annegata questa sera nel mare di Costa Paradiso a Trinità
d'Agultu, in Gallura. Secondo la ricostruzione della Capitaneria
di Porto Torres, intervenuta sul posto con due motovedette,
l'adolescente si trovava con la zia su una roccia a picco sul
mare e si stava scattando una fotografia con il cellulare quando
un'onda alta sette metri l'ha trascinata in acqua. (Ansa).

Oggi, 19:422017-07-25 19:42:06
@laRegione

Losone, tre anni di squalifica al giovane calciatore che picchiò l'arbitro

È stato condannato a tre anni di squalifica il 18enne del Fc Losone che due mesi fa sferrò un pugno a un arbitro suo coetaneo, durante...

È stato condannato a tre anni di squalifica il 18enne del Fc Losone che due mesi fa sferrò un pugno a un arbitro suo coetaneo, durante una partita di calcio giovanile. Come anticipato dalla Rsi, si tratta della decisione adottata dall'Associazione svizzera di calcio, alla quale il caso era stato segnalato dalla federazione ticinese. Il 18enne, che si era pentito e scusato, ha ora la possibilità di ricorrere contro il verdetto. Il fattaccio aveva indotto la federazione a fermare per una giornata i campionati regionali degli allievi e pene e multe saranno più pesanti dalla prossima stagione.  Intanto, un gruppo di lavoro sta predisponendo nuove misure per limitare i casi di violenza e maleducazione non solo in campo ma anche fra i tifosi.

Oggi, 06:472017-07-25 06:47:19
@laRegione

Cardada, più sicurezza e attrattività con il nuovo laghetto antincendio

Non si tratterà solo di un bacino in grado di garantire – nell’ambito di una rete di altri laghetti ad alta quota – una maggior sicurezza...

Non si tratterà solo di un bacino in grado di garantire – nell’ambito di una rete di altri laghetti ad alta quota – una maggior sicurezza contro gli incendi, ma anche di un significativo elemento di arredo paesaggistico e per lo svago, per ulteriormente migliorare l’attrattività della montagna locarnese. L’investimento è considerevole (840mila franchi), ma l’opera potrà essere concretizzata dalla Cardada impianti turistici (Cit) grazie a un sussidio di oltre mezzo milione da parte della Sezione forestale cantonale e al coinvolgimento di cinque Comuni che garantiranno 225mila franchi: Locarno 60mila, Minusio 50, Muralto e Orselina 40 e Brione sopra Minusio 35mila. Il progetto rientra nell’ambito del piano di valorizzazione promosso nel 2011 dalla Cit e affidato allo Studio d'ingegneria ambientale Dionea Sa di Locarno che, a conclusione di un’analisi conoscitiva, ha presentato una trentina di possibili miniprogetti, di cui sei ritenuti prioritari. Si tratta, ricordiamo, del parco giochi per bambini e ragazzi presso la stazione a monte della teleferica (già eseguito); della cura dei prati prioritari (progetto in corso con il sostegno della Sezione cantonale dello sviluppo territoriale); della formazione di nuovi punti panoramici per riaprire la vista coperta nel tempo dall'avanzamento incontrollato del bosco (progetto in fase di preparazione); di un nuovo sentiero panoramico-storico-culturale da Colmanicchio a Mergoscia, via Aroca e Redrisc (in fase di definizione); del completamento e riordino dei percorsi di Mtb (in preparazione da parte dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli) e di un laghetto multifunzionale nella conca antistante il cosiddetto “Stallone” all’Alpe Cardada. Il laghetto viene definito “multifunzionale” perché intende – come si legge nel messaggio all’esame dei vari legislativi – predisporre un punto di rifornimento acqua per gli elicotteri in caso di incendio e creare un nuovo e significativo elemento di arredo paesaggistico e per lo svago. Negli intendimenti della Cit, la creazione del laghetto persegue l’obiettivo principale di creare, in posizione strategica, un bacino per lo stoccaggio di acqua da destinare alla lotta antincendio con elicotteri, conformemente alla pianificazione forestale in materia.

Ieri, 19:542017-07-24 19:54:51
@laRegione

Collegio Papio, consegnati gli attestati di maturità

Lunedì 26 giugno, con una cena nel chiostro del Collegio Papio, si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati di maturità. Alla presenza dei...

Lunedì 26 giugno, con una cena nel chiostro del Collegio Papio, si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati di maturità. Alla presenza dei rappresentanti del Consiglio di Fondazione e delle autorità locali, il rettore don Patrizio Foletti, felicitandosi con i “maturati” e con coloro che hanno superato il cosiddetto “esame passerella” (studenti che avevano prima conseguito una maturità professionale), ha ricordato l’importanza di questo “passaggio”, l’impegno necessario per conseguirlo ed ha invitato i futuri studenti universitari ad affrontare gli studi superiori con sana curiosità e con la preoccupazione di conoscere le nuove realtà, in particolare aprendosi positivamente all’incontro con i futuri docenti e colleghi di studio.

È intervenuto anche il vicesindaco Maurizio Checchi, che si è pure felicitato con i promossi ed ha sottolineato il valore degli anni che essi hanno potuto trascorrere in Collegio. Quest'anno è anche un anno particolare poiché tra i maturati vi è la prima studentessa che ha conseguito la maturità bilingue con inglese come seconda lingua. Vittoria Bolongaro è infatti l'apripista di questo percorso di studi che conta ora oltre 20 iscritti nelle diverse classi del liceo.

Studentesse e studenti che hanno conseguito l’attestato svizzero di maturità (compresi due che l’hanno conseguito nella sessione dello scorso mese di gennaio):

Baumberger Mathias; Bernasconi Dario; Bertini Lars Oliver; Beti Raissa; Bolongaro Vittoria; Bortolato Samuel; Caldelari Evelina; Cariglia Matteo; Carlon Martina; D'Andrea Teymour; De Lorenzo Andrea; Duca Alyce; Gaia Lea; Guex Morgane; Inauen Aurora; Kovacevic Mirna; Magnetti Lea; Marazza Francesco; Martino Iside; Pedretti Dan; Pereira da Cruz Armando; Pieramico Andreea Elena; Rigas Giorgio; Rizza Massimo; Scettrini Samuele; Schönnagel Lara Elise; Stutz Janina; Tettamanti Deborah; Tomasina Aris; Uhr Geo; Vitali Sebastiano.

Studenti che hanno superato l’esame passerella maturità professionale – scuole universitarie: Binda Samuele; Conti Omar; Rocca Angelo; Taiana Clarissa.

Durante la serata si è svolta la cerimonia di alcuni premi:

● I migliori risultati complessivi all’Esame svizzero di maturità (premio della Società Elettrica Sopracenerina): 1. ex-aequo Vittoria Bolongaro e Matthias Baumberger (106 punti, media 5.05), 3. Dario Bernasconi (104 punti, media 4.95).

● Miglior risultato nella lingua inglese (premio ESL Education): Teymour D’Andrea (nota 6.0).

● Miglior risultato nella lingua tedesca (premio ESL Education): Mathias Baumberger (nota 5.5).

● Miglior risultato nella lingua francese (premio ESL Education): Morgane Guex (nota 6)

● Miglior risultato nella disciplina artistica “Musica” (UBS Ticino): Mirna Kovacevic (media 5.5).

● Miglior risultato nella disciplina artistica “Arti Visive” (UBS Ticino): Alyce Duca (6.0), sono stati premiati anche ex-aequo Lara Schönnagel e Teymour D’Andrea (media 5.5).

● Premio “Mons. Grampa” al miglior risultato complessivo nelle materie d’istituto, religione, filosofia, etica (premio UBS Ticino): Lea Gaia e Vittoria Bolongaro (ex-aequo media 5.5).

● Miglior risultato complessivo nelle lingue (premio Corriere del Ticino): 1. Lea Gaia (media 5.5), 2. Morgane Guex (media 5.17), 3. ex-aequo Mathias Baumberger, Vittoria Bolongaro, Mirna Kovacevic (media 5.00).

Ieri, 18:162017-07-24 18:16:14
@laRegione

Dramma alla Rotonda di Gordola, un pugno al collo la (con)causa della morte del 44enne

Fu un colpo al collo a causare – ancorché indirettamente - la morte del 44enne del Mendrisiotto rimasto ucciso all'alba...

Fu un colpo al collo a causare – ancorché indirettamente - la morte del 44enne del Mendrisiotto rimasto ucciso all'alba del 22 aprile scorso all'esterno della discoteca La Rotonda di Gordola. Lo hanno stabilito i medici legali incaricati dalla Procura ticinese di far più luce su una vicenda ancora in ombra. Lo ha riferito la Rsi, secondo cui la relazione definitiva degli esperti, appena consegnata agli inquirenti, parla di un pugno inferto al collo della vittima; pugno del quale sono state trovate delle tracce sottocutanee. L'impatto, sempre stando al referto, fu di modesta entità ma provocò un abnorme movimento del collo che produsse una lacerazione dell'arteria vertebrale sinistra, che fu la causa dell'emorragia cerebrale fatale.

Il 44enne, poi, non era pronto a ricevere il colpo perché si stava sistemando gli occhiali e aveva il corpo leggermente proteso in avanti, con i muscoli rilassati (anche per effetto di un discreto consumo di alcool).

Tutto ciò fa quindi credere che il 20enne di Biasca in carcere con l'accusa di omicidio non dica il vero, quando afferma di non aver neppure toccato la vittima.

Ieri, 17:302017-07-24 17:30:03
@laRegione

Foroglio 'paese blu', sabato cultura e creatività

Foroglio per una notte si trasformerà in un paese blu, come la luce del celebre film interpretato e diretto nel 1932 da Leni Riefenstahl. È infatti proprio “Notte...

Foroglio per una notte si trasformerà in un paese blu, come la luce del celebre film interpretato e diretto nel 1932 da Leni Riefenstahl. È infatti proprio “Notte Blu” il nome dell’evento che sabato 29 luglio, dalle 18 alle 2 del mattino, trasformerà il paese della Val Bavona nello scenario unico di una serie di proposte ricreative e culturali adatte ad ogni tipo di pubblico. Alle 19, nell’oratorio, Alessandro Martini leggerà poesie tratte dalla sua nuova pubblicazione “Biografemi” (introduzione di Jacopo Giovanettina e accompagnamento alla chitarra classica di Renato Mastelli e Roberto Nicola). Alla 20, nella saletta dell’osteria La Froda, prima proiezione (la seconda alle 22.30) del film “Das blaue Licht” (La bella maledetta), girato in parte proprio a Foroglio. Alla 20.30, nel capannone sulla piazzetta davanti al nucleo, concerto di Marica Canavese e Marco Soria, duo piemontese. Alle 22, nel prato vicino al lavatoio, si esibirà la “fire performer” Martina Bianchetti.
Alle 23, ancora nel capannone, sarà la volta della voce dei NightBirds William Mazzoni, che con i Woamp terrà un concerto con musiche Rock, Funky, Blues. Altre postazioni previste: l’atelier artistico delle edizioni Il Salice (calcografia, con Alice Bertone), cibo, vino, libreria di Agenzia Kay, negozio di artigianato. A legare tutto questo sarà un grande tubo blu che attraverserà il paese della grande cascata e unirà le varie postazioni della Notte Blu. L’entrata alla manifestazione, organizzata da Agenzia Kay, è gratuita. Informazioni allo 079 230 94 79 oppure a info@agenziakay.ch.

Ieri, 15:482017-07-24 15:48:25
@laRegione

Agricoltori per una settimana sul Monte Comino

Il Monte Comino, uno dei gioielli paesaggistici del futuro Parco nazionale del Locarnese a 1200m, è uno dei monti più estesi del Ticino. Raggiungibile a piedi dalle...

Il Monte Comino, uno dei gioielli paesaggistici del futuro Parco nazionale del Locarnese a 1200m, è uno dei monti più estesi del Ticino. Raggiungibile a piedi dalle Centovalli o dalla Valle Onsernone o in funivia da Verdasio, è un mosaico di aree aperte di circa 345'392 metri quadri mantenuto tale grazie al lavoro delle aziende agricole locali e dei privati che vi abitano, anche solo per la bella stagione. La settimana scorsa una mano, o meglio 16 braccia sono tuttavia arrivate dai Cantoni di Argovia e di Turgovia, da Zurigo e da Berna. Come viene reso noto in un comunicato, sono infatti stati otto i volontari che fino a sabato, per una settimana, hanno scelto di trascorrere le loro vacanze nella Capanna gestita dalla Famiglia Salmina e a contatto con la natura di casa nostra, affrontando le calde temperature estive per dedicarsi alla fienagione. “I partecipanti sono molto motivati e lavorano con passione. Questo ci ha già permesso di finire qualche prato”, racconta soddisfatta Susanna Meyer, accompagnatrice del gruppo per Pro Natura, in collaborazione con la Fondazione Svizzera Azioni a favore dell’ambiente e il Candidato Parco Nazionale. Le fa eco Jean-Pierre Baeschlin, che con la moglie Marisa gestisce l’Azienda agricola LamaTrekking Ticino d’estate sul Monte Comino, d’inverno ad Arcegno. “I volontari ci hanno aiutati a sfalciare e pulire alcuni prati secchi e pascoli d’importanza nazionale, grazie alla loro presenza abbiamo potuto ottimizzare il lavoro. In più, queste occasioni di scambio permettono di far conoscere la realtà del nostro territorio, che è unico e particolare”. Oltre al volontariato, sono tante le possibilità che si presenteranno in agosto e settembre per visitare il Monte centovallino, a partire dalla tradizionale e grande festa di ferragosto con carne alla pioda che si svolgerà sul piazzale dell’Oratorio Madonna della Segna dalle 11, organizzata dal Gruppo Feste Comino. Per ulteriori informazioni: www.comino.ch. Per i camminatori, la scelta di percorsi di diverse difficoltà è ampia e se a un’escursione si vuole aggiungere un’esperienza fuori dal comune, ci si può far accompagnare dai simoatici lama di Jean-Pierre e Marisa (079 240 13 09, info@lamatrekkingticino.ch).

 

 

Ieri, 07:152017-07-24 07:15:28
@laRegione

Onsernone, sbloccato il Centro servizi a Berzona

Dopo il rinvio dello scorso marzo a causa della mancanza della maggioranza assoluta dei consiglieri, con una sola astensione il legislativo d’Onsernone venerdì sera...

Dopo il rinvio dello scorso marzo a causa della mancanza della maggioranza assoluta dei consiglieri, con una sola astensione il legislativo d’Onsernone venerdì sera ha dato finalmente via libera al completamento del Centro servizi di Berzona, importante e tribolata opera il cui iter realizzativo risale addirittura al 2008, quando i consiglieri dell’allora Comune d’Isorno stanziarono il primo credito di 1,3 milioni di franchi. Un lungo iter caratterizzato purtroppo da numerosi incidenti di percorso per l’infrastruttura destinata ad accogliere il Corpo pompieri vallerano e i magazzini della squadra operai comunali. La situazione ha potuto sbloccarsi grazie alla consulenza dell’Ufficio tecnico e al supporto del project manager voluto dal Cantone per evitare ulteriori sorpassi di spesa. Nel corso della seduta svoltasi nella sala a Russo, è stato anche ratificato il messaggio relativo al nuovo stemma comunale, dopo che un’apposita giuria ha valutato la trentina di proposte avanzate e ha scelto il progetto vincente, in ossequio a tutti i requisiti storici, politici e grafici indicati nel bando. Si tratta dell’elaborato “Crescere uniti”, ideato da David Wohlschlag, al quale è stato assegnato il 1° premio. Entro la fine dell’anno vi sarà l’allestimento di una mostra con tutti i progetti partecipanti al concorso, di cui solo 7 non hanno soddisfatto i requisiti posti.

23.7.2017, 15:162017-07-23 15:16:23
@laRegione

Dal Polo Club 21'500 franchi a favore del Papio di Ascona

Importante donazione a favore del Collegio Papio di Ascona. La Charity dell'ottava edizione del Polo Club Ascona, svoltasi dal 14 al 16 luglio presso l'ex...

Importante donazione a favore del Collegio Papio di Ascona. La Charity dell'ottava edizione del Polo Club Ascona, svoltasi dal 14 al 16 luglio presso l'ex aerodromo, ha infatti permesso di raccogliere la ragguardevole somma di 21'500, che è stata recentemente consegnata.

23.7.2017, 12:252017-07-23 12:25:20
@laRegione

Ritorna al Lido di Locarno 'Nuotiamo milioni di metri'

Domenica 30 luglio torna al Centro balneare regionale di Locarno la manifestazione “Nuotiamo milioni di metri” patrocinata dalla Società svizzera di...

Domenica 30 luglio torna al Centro balneare regionale di Locarno la manifestazione “Nuotiamo milioni di metri” patrocinata dalla Società svizzera di salvataggio, che ha per scopo la sensibilizzazione della popolazione ai problemi legati alle attività acquatiche – natatorie e non - siano esse praticate sul lago, sui fiumi o nelle piscine di cui la nostra regione è ricca. Lo scopo che persegue la Società di salvataggio a livello svizzero durante questa giornata è quello d’invitare la popolazione a nuotare il maggior numero di metri. Chi si cimenterà – senza limite di tempo ma senza pausa – nella distanza di almeno un chilometro, riceverà quale omaggio una medaglia commemorativa. Nel passato la manifestazione ha visto la partecipazione anche di più di 200 nuotatori a dipendenza delle condizioni metereologiche. Alla fine dell’anno tutti i chilometri nuotati verranno sommati a livello svizzero con lo scopo di nuotare ogni anno qualche chilometro in più. Durante la manifestazione sarà possibile informarsi presso lo stand a bordo vasca dove ci si iscrive e verranno registrati i metri nuotati su tutte le attività della Società svizzera di salvataggio (corsi, attività di prevenzione, ecc.). Non essendo logisticamente possibile allestire un’entrata separata per coloro che intendono nuotare il milione di metri i partecipanti dovranno pagare l’entrata allo stabilimento balneare. Al momento in cui i nuotatori registreranno il numero di metri effettuati verrà consegnato un buono per una entrata al Lido valido una giornata per la stagione 2017. La Salvataggio Sub Locarno ringrazia sentitamente la Cbr - Centro Balneare Regionale Sa congiuntamente alla Direzione per la sponsorizzazione delle entrate. La manifestazione si terrà con qualsiasi tempo dalle 9.30 alle 16.

 

21.7.2017, 22:352017-07-21 22:35:23
@laRegione

La denuncia: donna aggredita a Losone, ma non c'è nessun agente da inviare sul posto

Una donna sarebbe stata aggredita a Losone lunedì 17 luglio, alle 19, mentre stava passeggiando con i suoi cani. L'...

Una donna sarebbe stata aggredita a Losone lunedì 17 luglio, alle 19, mentre stava passeggiando con i suoi cani. L'aggressore è un uomo residente nel comune, a pochi metri dal luogo in cui si trovava la donna. Alcuni testimoni hanno prontamente allertato il 117. Purtroppo, però, l'operatore avrebbe spiegato al telefono di non avere uomini da inviare sul posto.

Lo rende noto Orlando Guidetti, consigliere comunale della Lega a Losone, con un'interpellanza al Municipio in cui si fa riferimento anche a un video dell'aggressione. Da noi contattato, Guidetti ha spiegato che «la signora consegnerà domani (sabato) la denuncia alla polizia e il video verrà messo a disposizione degli inquirenti. Nella denuncia si cita un episodio analogo avvenuto poco tempo fa a danno di un'altra donna». 

Guidetti denuncia così nell'interpellanza il “malfunzionamento del servizio di Polizia nel comune di Losone”. E chiede “che venga immediatamente convocata la commissione polizia con la presenza del capodicastero”.

21.7.2017, 17:382017-07-21 17:38:12
@laRegione

Il Ps di Vallemaggia: 'Occorre potenziare i trasporti pubblici

Per la Vallemaggia occorre un aumento considerevole della frequenza degli autobus soprattutto nelle fasce orarie più frequentate. Inoltre occorre...

Per la Vallemaggia occorre un aumento considerevole della frequenza degli autobus soprattutto nelle fasce orarie più frequentate. Inoltre occorre garantire attraverso un bus fisso o la creazione di un "Taxi-bus" il trasporto di passeggeri durante gli orari notturni del fine settimana e creare un orario con più corse per la stagione estiva al fine di garantire un servizio di qualità per i residenti che per i turisti durante tutto l'arco dell'anno. È quanto chiede il Ps di Vallemaggia, che oggi ha diffuso una presa di posizione. "La Vallemaggia – si legge – è il distretto più esteso del Canton Ticino e le sue varie ramificazioni geografiche rappresentano una sfida considerevole nella volontà di fornire a tutti i suoi abitanti un trasporto pubblico di qualità. Negli ultimi decenni lo sviluppo demografico della regione ci mostra un aumento costante del suo numero di
abitanti, si è infatti passati da 5'161 a 6'021 abitanti fra il 1991 e il 2014. Si può constatare però che i posti di lavoro offerti in loco non seguono questa tendenza, la Vallemaggia sta
dunque diventando sempre di più una cosiddetta “regione dormitorio”. Una delle conseguenze di quest'evoluzione è un aumento degli spostamenti sulla strada cantonale che dalla valle porta verso i principali luoghi di lavoro situati nei centri cittadini.
Inoltre, la Vallemaggia rappresenta attualmente una delle zone per il turismo estivo più rilevanti e frequentate del Canton Ticino e dell'intera Svizzera e si registra quindi una notevole variazione di traffico fra i cosiddetti periodi di “alta e bassa stagione”.
Nonostante questo importante aumento della popolazione residente fissa e stagionale e il conseguente aumento di traffico sulla strada cantonale, il trasporto pubblico non ha saputo garantire negli ultimi anni uno suo sviluppo conseguente. Questa tendenza è stata evidenziata anche nel recente rapporto commissionato dal Cantone, nominato PaLoc 3
secondo il quale “l’offerta risulta essere adeguata sulle linee urbane 1 e 7, con un buon livello di offerta, mentre sulle linee regionali tale offerta è meno interessante per l’utenza, a causa di una minor frequenza delle corse, in modo particolare negli orari di morbida, la sera e nel fine settimana malgrado la spiccata vocazione turistica e di
svago del Locarnese e malgrado la presenza di una numerosa clientela germanofona, avvezza all’uso del trasporto pubblico”. Questo rapporto calssifica inoltre il servizio per la Vallemaggia nella classe più bassa per qualità, con rispetto agli altri collegamenti del trasporto pubblico. La strada cantonale si ritrova, in effetti, sempre più sovraccarica, creando disagi al traffico e colonne soprattutto nelle ore di punta e in determinati periodi dell'anno. La linea di autobus 315 fornita dalle “Ferrovie e Autolinee Regionali Ticinesi” (Fart) offre attualmente un servizio di trasporto pubblico che collega la città di
Locarno alla Vallemaggia. Attualmente questa linea, nonostante l'aumento della capacità di trasporto degli autobus negli ultimi anni, non offre dunque un servizio sufficiente giacché negli orari di punta non riesce a garantire abbastanza posti per tutti i
suoi utenti. Inoltre, nel periodo estivo e con un'offerta di orari paradossalmente ridotta, l'attuale capacità di trasporto di questa linea è oltremodo superata dalla domanda in entrambe le direzioni e si registrano di conseguenza dei ritardi su quasi tutte le fasce orarie. Questa situazione è grave, in quanto mette a rischio l'incolumità degli utenti nei casi di sovraffollamento degli autobus. In aggiunta rende il trasporto pubblico inefficiente e meno attrattivo agli occhi di chi oggi sceglie di muoversi con il proprio trasporto privato. Il servizio di trasporti pubblici nella parte alta delle valli è inoltre attualmente messo a rischio dai tagli perpetuati dall'azienda AutoPostale che attualmente collega quelle zone periferiche. Misure di risparmio contestate anche dall'Associazione dei comuni di Vallemaggia (Ascovam), che attraverso un comunicato di settembre del 2015 ha chiesto il congelamento della soppressione delle corse che collegano la Val Rovana e la Valle Lavizzara. L'assenza inoltre di collegamenti notturni obbliga coloro che cercano lo svago a muoversi con un trasporto proprio, questa situazione può rivelarsi come un disincentivo per i più giovani, sempre meno presenti nelle zone periferiche del nostro Cantone, ad abitare nella valle. Riteniamo dunque che un potenziamento del trasporto pubblico in Vallemaggia non sia solo una necessità, ma che possa essere addirittura un'occasione per rendere più attrattiva questa regione agli occhi delle nuove generazioni. Il trasporto pubblico deve infine diventare competitivo e interessante per coloro che oggi si muovono con i propri mezzi di trasporto, in modo da contribuire al decongestionamento sulla strada cantonale e rendere la valle ancora più vivibile ed ecologica".

21.7.2017, 15:172017-07-21 15:17:02
@laRegione

Cinema a Vira al via martedì con 'Suffragette'

Non solo Festival nel Locarnese. Anche quest’anno l’Associazione “Amici del cinema del Gambarogno” presenta la rassegna “Cinema all’aperto Vira 2017”, nel suggestivo...

Non solo Festival nel Locarnese. Anche quest’anno l’Associazione “Amici del cinema del Gambarogno” presenta la rassegna “Cinema all’aperto Vira 2017”, nel suggestivo spazio del sagrato affacciato sul lago ( o in caso di maltempo nella sala dell’adiacente Oratorio San Cosimo). La diciottesima edizione si aprirà martedì 25 luglio con il film “Suffragette” di Sarah Gavron, un film inglese del 2015. Il film, ambientato in Inghilterra nel primo Novecento, tratta il tema delle lotte delle donne per l’emancipazione e il riconoscimento dei diritti fondamentali. Un tema scordato dal cinema e passato sotto tono dalla storia, interpretato intensamente da Carey Mulligan, Maud Watts e Meryl Streep.

Mercoledì 26 luglio sarà proiettato “Blancanieves”, di Pablo Berger. La nota favola dei Fratelli Grimm, è rivisitata dal regista in un film muto in bianco e nero, con didascalie in italiano. Ne scaturisce una storia affascinante, ambientata nella Spagna dei primi anni del Novecento, nella quale la protagonista riesce a sfuggire alla matrigna e, grazie agli insegnamenti avuti dal padre e da un gruppo di toreri nani, diventa una famosa torera. Ma il successo trionfale scatena la furia della matrigna…

Giovedì 27 luglio, alle ore 20.30, il direttore artistico di Locarno Festival, che festeggia la 70.a edizione, propone “Mister Universo” di Tizza Covi e Rainer Frimmel girato nel 2016.
Il protagonista è un giovane domatore di leoni che parte attraverso l’Italia alla ricerca del suo amuleto. Un film particolare, un gioiellino controcorrente, nella tradizione del lavoro dei due registi.

Venerdì 28 luglio sarà proposto “Hidden Figures – Il diritto di contare” di Theodore Melfi, girato nel 2016.Il film narra l’importante contributo di alcune scienziate afroamericane nella sfida per la conquista dello spazio tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

Sabato 29 luglio ci sarà la proiezione di “Mine vaganti” di Ferzan Ozpeteck, film italiano del 2010.Il film tratta il tema della famiglia attraverso il ritratto di un’importante e numerosa famiglia pugliese di oggi. “Mine vaganti” è una riuscita commedia costellata di colpi di scena, equivoci, rivelazioni e reazioni più o meno veementi a queste ultime.

La rassegna si conclude domenica 30 luglio con “Lion – La strada verso casa” di Garth Davis, un film del 2016.La pellicola narra una storia vera, vissuta dal piccolo Saroo, un bimbo indiano di cinque anni, che si perde e dopo varie peripezie finisce in un orfanotrofio, dove viene adottato da una coppia australiana. Dopo venticinque anni decide di cercare la sua famiglia di origine.

21.7.2017, 14:082017-07-21 14:08:42
@laRegione

Regio Insubrica, a Mezzana si è parlato anche di Navigazione

Tra i temi dell'incontro svoltosi questa mattina a Mezzana tra i membri dell'Ufficio Presidenziale e del Comitato Direttivo della Comunità di lavoro...

Tra i temi dell'incontro svoltosi questa mattina a Mezzana tra i membri dell'Ufficio Presidenziale e del Comitato Direttivo della Comunità di lavoro Regio Insubrica è rientrato anche quello della Navigazione Lago Maggiore. Dalla riflessione sullo sciopero appena concluso è emerso l'auspicio che il costituendo consorzio italo-svizzero possa realizzarsi a breve, sviluppando il servizio di linea e turistico sul Lago Maggiore, e che le Regioni vengano coinvolte.

La discussione ha abbracciato anche il tema degli accordi fiscali tra Svizzera e Italia, dei vari argomenti inerenti la libera circolazione, della situazione migratoria nel territorio insubrico, nonché della questione del deposito di scorie radioattive a Ispra, su territorio italiano.  A tal riguardo si è rassicurato precisando che il deposito, gestito dalla Commissione Europea, è temporaneo, di dimensioni modeste, e sarà soppiantato da un deposito nazionale nel quale confluiranno le scorie entro il 2030. L’Ufficio Presidenziale, composto dai rappresentanti delle Regioni Piemonte e Lombardia nonché dal Cantone Ticino, ha inoltre deciso, avvallando la proposta del tavolo tecnico delle Giornate Insubriche del Verde Pulito, che il tema del concorso per l’anno scolastico 2017/18, sia l’acqua, tenuto conto che il 22 marzo di ogni anno si festeggia la giornata mondiale.

21.7.2017, 12:032017-07-21 12:03:12
@laRegione

Locarno, da gennaio sacco a pagamento color blu col Pardo al centro

Sarà rigorosamente blu, con il Pardo svettante al centro, il sacco a pagamento per i rifiuti solidi urbani che Locarno prevede di introdurre...

Sarà rigorosamente blu, con il Pardo svettante al centro, il sacco a pagamento per i rifiuti solidi urbani che Locarno prevede di introdurre dall'inizio di gennaio 2018, a 15 anni dalla votazione popolare promossa dalla Lega, che nel 2003 affossò il principio di causalità. Negli scorsi giorni il Municipio ha approvato il messaggio da sottoporre al Legislativo nel quale vengono proposte alcune modifiche al Regolamento comunale per il servizio di raccolta e di eliminazione dei rifiuti. Parallelamente viene chiesto un credito di 426 mila franchi per la realizzazione di alcune misure collaterali finalizzate a rendere per il cittadino più razionale ed efficace lo smaltimento della spazzatura. Il tutto per procedere – come è stato illustrato questa mattina dal municipale Bruno Buzzini (Lega) e dal direttore dell'Ufficio tecnico André Engelhardt a Palazzo Marcacci – con l'introduzione del sacco a pagamento, dando in tal modo seguito al voto popolare dello scorso 21 maggio che ha sancito l'adozione di questa tassa a livello cantonale (Locarno è stata contraria, con il 50,5% dei voti).

Nel suo messaggio l’Esecutivo ribadisce che le proposte di cambiamento del Regolamento comunale per il servizio di raccolta e eliminazione dei rifiuti e le misure accompagnatorie connesse – se seguite da una separazione attenta dei rifiuti riciclabili da parte dei cittadini – determineranno costi a carico delle economie domestiche e delle attività commerciali inferiori a quelli attuali. Lo dimostra d’altronde chiaramente l’importante riduzione della tassa base per le singole categorie (economie domestiche, residenze secondarie, attività economiche e produttive) che il Municipio propone di adottare, confidando appunto nell’impegno di ogni cittadino e nella sua coscienza ecologica.

Di conseguenza, per le economie domestiche la tassa base proposta (IVA esclusa) è:

 - persona sola (40 fr. in luogo degli attuali 126 fr.)
- due persone (55 fr. in luogo di 156 fr.)
- tre persone (70 fr. in luogo di 201 fr.)
- quattro e più persone (80 fr. in luogo di 201 fr.)

 A titolo di paragone si ricorda come a a Losone la tassa base sia, rispettivamente, di 55-68-81 e 94+13pp franchi; a Muralto di 80 franchi per tutte le categorie e a Minusio di 45 franchi pure per tutte le categorie.

Il Municipio nel suo messaggio fa in particolare notare che l’aumento contenuto per le economie domestiche composte da più persone rientra nell’idea di adottare una soluzione socialmente corretta intesa a  non caricare oltre misura le famiglie con figli. A tal proposito, sono pure previste delle agevolazioni per ciò che concerne l’acquisto di sacchi.

Residenze secondarie

La tassa base minima per le residenze secondarie si fonda invece sul numero dei locali che compongono l’unità abitativa. Pertanto si propone per un’abitazione di 2 locali una tassa base di 90 fr. (al posto degli attuali 156 fr.) e di 120 fr. (al posto degli attuali 201 fr.) per case con più di 2 locali.

Attività economiche e produttive

Per quello che riguarda infine le attività economiche e produttive, esse sono state divise in tre grandi gruppi di attività:
 1) uffici, studi professionali (comprese amministrazioni pubbliche) negozi e
commerci:  la tassa base minima è calcolata in base alla superficie in mq.

 2) Artigianato, industria e grandi superfici di vendita, la tassa base viene
definita sulla base della suddivisione in categorie: piccole, medie e grandi. Queste tre
grandezze si riferiscono in modo generico al numero di dipendenti.

3) Esercizi pubblici (bar, ristoranti, alberghi,pensioni ecc.), ospedali,
cliniche e mense: la tassa base viene calcolata in base ai posti esterni, interni, letto/tenda.

Tassa sul sacco, tariffa minima
La tassa sul sacco deve rientrare nella forchetta ristretta del Cantone: da 1.10
a 1.30 fr./sacco da 35 litri (inclusi IVA, costo sacco e margine rivenditore).
A Locarno si applicherà la cifra minima di fr. 1.10, inclusa IVA, per il sacco da 35 litri. Ovviamente, per i sacchi di altro formato la tassa è adeguata in proporzione. A titolo di confronto (tasse sul sacco attuale): Losone: 2.00 fr./sacco da 35 litri – inclusa IVA; Muralto: 1.30 fr./sacco da 35 litri – inclusa IVA; Minusio 1.10 fr./sacco da 35 litri – inclusa IVA.

Misure accompagnatorie

L’introduzione della tassa sul sacco, che comporterà un incremento delle pratiche di riciclaggio da parte degli utenti, sarà affiancata da alcune ulteriori misure accompagnatorie  per appunto facilitare la separazione dei rifiuti. In conclusione, il Municipio "è convinto che questa sia la direzione giusta per una gestione sostenibile dei prodotti di scarto della nostra società. Con una separazione attenta dei rifiuti riciclabili e con degli acquisti ragionati e consapevoli il costo a carico sia delle economie domestiche, sia delle attività commerciali – osserva ancora l’Esecutivo – sarà inferiore a quello attuale. Pertanto, il Municipio confida nell’impegno di ogni cittadino e nella sua coscienza ecologica".

 

21.7.2017, 09:042017-07-21 09:04:39
@laRegione

AutoPostale, soppressione fermate nel Locarnese

AutoPostale Regione Ticino comunica che a causa di un cantiere stradale a Gordola tra l’incrocio stradale Via Carcale–Via Cantonale e l’incrocio Via Cantonale–Via...

AutoPostale Regione Ticino comunica che a causa di un cantiere stradale a Gordola tra l’incrocio stradale Via Carcale–Via Cantonale e l’incrocio Via Cantonale–Via Roviscaglie, da domenica 23 luglio alle ore 21:00 a lunedì 24 luglio 2017 ore 06:00, le corse della linea 311 Bellinzona–Locarno tra Tenero Stella d’Oro e Gordola Gaggiole circolano unicamente via semi-autostrada T21 (N13). Le fermate Tenero Piazza, Gordola Municipio, Gordola Gnesa e Gordola Nord rimarranno soppresse.

21.7.2017, 07:542017-07-21 07:54:53
@laRegione

'Fourchette verte' per la cucina sana e di qualità alla casa don Guanella di Maggia

Fourchette verte Ticino ha conferito ieri il suo marchio di qualità alla cucina della casa per anziani Don Guanella di...

Fourchette verte Ticino ha conferito ieri il suo marchio di qualità alla cucina della casa per anziani Don Guanella di Maggia. Con questo riconoscimento la casa che nel 2016 ha compiuto 100 anni realizza un importante passo verso una nutrizione di qualità per i propri residenti.

Nel 2014 il marchio è stato attribuito alle case don Guanella di Castel San Pietro e San Giuseppe di Tesserete. Le tre case di riposo, sostenute dalla missione della Congregazione delle Figlie di Santa Maria della Provvidenza, lavorano in rete condividendo risorse umane ed economiche secondo i principi della filosofia guanelliana.

Con queste due nuove attribuzioni sale a 27 il numero delle case per anziani in Ticino, la cui alimentazione è certificata Fourchette verte.

20.7.2017, 23:542017-07-20 23:54:51
David Leoni @laRegione

Golino, insolito furto di tartarughe

Insolito furto di tartarughe da un giardino di Golino, frazione del Comune di Centovalli. Ne sono sparite, mercoledì notte, ben 8. Alcuni esemplari vecchi di decine di anni. Il...

Insolito furto di tartarughe da un giardino di Golino, frazione del Comune di Centovalli. Ne sono sparite, mercoledì notte, ben 8. Alcuni esemplari vecchi di decine di anni. Il colpo ha preso nuovamente di mira la famiglia Ferrari, più volte bersaglio di angherie, vandalismi e danneggiamenti in questi anni. A raccontarci l’accaduto è Gian Mario Ferrari, demoralizzato e amareggiato per quanto successo : «Le tartarughe di terra – spiega – erano custodite in un recinto situato dietro la nostra abitazione, a confine con il bosco. Gli animali vengono allevati con grande amore da mio figlio, un vero appassionato della specie. Nottetempo qualcuno è penetrato all’interno della nostra proprietà, ha rimosso le piccole casupole che ospitavano gli animali e ha portato via le testuggini, alcune delle quali di grosse dimensioni. Quando ci siamo avvicinati giovedì mattina per dar loro da mangiare ci siamo accorti che erano sparite. È chiaro che non sarebbero mai riuscite a scappare da sole. Abbiamo subito allertato la Polizia». Secondo la vittima e gli agenti intervenuti per raccogliere la segnalazione, chi ha colpito in quella proprietà privata sapeva bene quello che stava portando via e sicuramente è pratico dell’area. Per i Ferrari, titolari di un allevamento di pollame, come detto, si tratta di uno spiacevole “déjà vu”: la lista delle malefatte commesse nei loro confronti fa stato, fra le altre cose, di furti nel pollaio, danni all’impianto di ventilazione dei prefabbricati che ospitano le galline ovaiole, gomme dei furgoni tagliate, animali da cortile sgozzati. L’apice della crudeltà, nell’estate di qualche anno fa, quando l’esplosione di un petardo nel cuore della notte fece morire d’infarto, in pochi istanti, ben 352 galline. «C’è un accanimento brutale contro di noi che non mi spiego». Non basta, a consolare la famiglia il fatto che nella loro incubatrice ci siano 8 uova di tartaruga pronte a schiudersi...

20.7.2017, 18:462017-07-20 18:46:26
@laRegione

Andrew Er è stato ritrovato

È rientrato l'allarme per Andrew Er, la cui scomparsa era stata segnalata nel pomeriggio. L’uomo è stato trovato a Lugano questa sera, in buone condizioni fisiche.

È rientrato l'allarme per Andrew Er, la cui scomparsa era stata segnalata nel pomeriggio. L’uomo è stato trovato a Lugano questa sera, in buone condizioni fisiche.

20.7.2017, 11:472017-07-20 11:47:42
@laRegione

Preparavano rapine, 4 arresti nel Locarnese

Non molto tempo dopo la sentenza che ha condannato i “rapinatori in bicicletta”, i lituani in azione per le strade della Perla del Verbano, la malavita non ha perso...

Non molto tempo dopo la sentenza che ha condannato i “rapinatori in bicicletta”, i lituani in azione per le strade della Perla del Verbano, la malavita non ha perso attrazione per Ascona. Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia comunale di Ascona hanno comunicato l’avvenuto fermo di sette persone nell'ambito di un'indagine della Polizia cantonale relativa a possibili nuove rapine in preparazione, con obiettivo finale proprio  alcune gioiellerie di Ascona. I fermi sono il risultato complessivo di un importante lavoro di polizia svoltosi nel corso dell'ultimo mese. Il 19 giugno, nello specifico, sono state fermate quattro persone, tra le quali un 21enne cittadino serbo residente in Serbia che è stato arrestato. L’uomo si trova tutt'ora in carcere. Stessa sorte è toccata a tre suoi connazionali, – rispettivamente di 36, 24 e 23 anni – fermati dagli agenti della Polizia comunale lo scorso 18 luglio ad Ascona e arrestati. L'ipotesi di reato nei loro confronti è di tentata rapina e atti preparatori punibili di rapina. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Paolo Bordoli.