Locarnese

Ieri, 12:162017-02-27 12:16:43
David Leoni @laRegione

Luce verde dall'Ufficio federa...

Luce verde dall'Ufficio federale dei trasporti ai 100 milioni di franchi per i lavori di modernizzazione e messa in sicurezza della linea ferroviaria del Gambarogno. Gli interventi alle infrastrutture inizieranno a marzo.

Luce verde dall'Ufficio federale dei trasporti ai 100 milioni di franchi per i lavori di modernizzazione e messa in sicurezza della linea ferroviaria del Gambarogno. Gli interventi alle infrastrutture inizieranno a marzo.

Ieri, 10:342017-02-27 10:34:20
David Leoni @laRegione

È sotto controllo l'incendio c...

È sotto controllo l'incendio che ieri sera verso le 21.30 si è sviluppato nei pressi della galleria di Olgia. Le fiamme si sono avvicinate pericolosamente all'abitato. A breve atteso l'arrivo di elicotteri e di un Canadair.

È sotto controllo l'incendio che ieri sera verso le 21.30 si è sviluppato nei pressi della galleria di Olgia. Le fiamme si sono avvicinate pericolosamente all'abitato. A breve atteso l'arrivo di elicotteri e di un Canadair.

Ieri, 09:452017-02-27 09:45:22
David Leoni @laRegione

Vergeletto, stagione conclusa ...

Vergeletto, stagione conclusa per la pista di ghiaccio dello Zardin. Il grande “freezer” che assicura il ghiaccio è stato spento negli scorsi giorni. Buona l'affluenza, tra squadre di hockey e scolaresche.

Vergeletto, stagione conclusa per la pista di ghiaccio dello Zardin. Il grande “freezer” che assicura il ghiaccio è stato spento negli scorsi giorni. Buona l'affluenza, tra squadre di hockey e scolaresche.

Ieri, 08:572017-02-27 08:57:00
@laRegione

Fiamme in Val Vigezzo, l'incendio di questa notte non  è ancora domato. Torna lo spettro del piromane

Incendio in Val Vigezzo, nei pressi del confine: le fiamme sono divampate ieri verso le 21.30 nei...

Incendio in Val Vigezzo, nei pressi del confine: le fiamme sono divampate ieri verso le 21.30 nei pressi della galleria di Olgia a pochi chilometri dalla dogana di Camedo. «Attualmente il rogo non sta interessando centri abitati. Vedremo l'evolversi in giornata», ci dicono dal Comando provinciale dei Vigili del Fuoco.

Stando a sindaco di Re, interpellato dalla Rsi, l'incendio minaccerebbe però l'abitato di Olgia. Durante la notte sarebbe stata addirittura considerata la necessità di un'evacuazione. Ipotesi poi rientrata. Intanto sono stati chiamati in soccorso elicotteri e un aereo anti-incendio Canadair.

Tre, a quanto pare, i focolai da cui si è sviluppato il rogo: due prima e dopo la galleria di Olgia (già domati) e il terzo più vicino al confine. Il sospetto è che si tratti di atti dolosi, forse legati allo stesso piromane che già lo scorso anno, di questi periodi, aveva appiccato incendi in valle. In questo senso una persona, riferisce sempre la Rsi, sarebbe stata fermata.

26.2.2017, 08:302017-02-26 08:30:25
@laRegione

Linea Ffs, Gambarogno non ricorrerà al Tf

Il Comune di Gambarogno non ricorrerà al Tribunale federale e ritira il ricorso pendente al Tribunale amministrativo federale contro il progetto di «Modernizzazione delle...

Il Comune di Gambarogno non ricorrerà al Tribunale federale e ritira il ricorso pendente al Tribunale amministrativo federale contro il progetto di «Modernizzazione delle infrastrutture ferroviarie nel Gambarogno », approvato dall’Ufficio federale dei trasporti. Lo hanno comunicato congiuntamente il Municipio e le Ffs.

Gli investimenti complessivi ammontano a circa 100 milioni di franchi "e permetteranno una gestione più sicura e stabile dell’offerta ferroviaria", recita la nota. Gli ampliamenti infrastrutturali pianificati nel Gambarogno, unitamente alle gallerie di base del San Gottardo e del Ceneri, "apporteranno un evidente miglioramento dell’offerta nel trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia e nei collegamenti veloci per i passeggeri". Gli interventi preliminari per il cantiere inizieranno ad aprile 2017. I lavori principali si svolgeranno nel periodo da giugno 2017 a dicembre 2019, con un periodo di chiusura totale della tratta ferroviaria da giugno 2017 a dicembre 2017.

26.2.2017, 08:202017-02-26 08:20:29
@laRegione

Ascona si mobilita per la sua Posta

Duecentocinquanta firme in meno di due ore, ad Ascona, per il mantenimento dell'ufficio postale in Borgo. Lo ha comunicato ieri il Ppd, che ha lanciato la petizione, annunciando...

Duecentocinquanta firme in meno di due ore, ad Ascona, per il mantenimento dell'ufficio postale in Borgo. Lo ha comunicato ieri il Ppd, che ha lanciato la petizione, annunciando che la raccolta firme continuerà fino alla fine di marzo.

24.2.2017, 14:062017-02-24 14:06:46
Davide Martinoni @laRegione

Periferie, incontro Valmaggia-Cantone

Le autorità valmaggesi sono chiamate "a formulare altre proposte al Consiglio di Stato relative alla possibile decentralizzazione dei servizi cantonali". Lo comunica il...

Le autorità valmaggesi sono chiamate "a formulare altre proposte al Consiglio di Stato relative alla possibile decentralizzazione dei servizi cantonali". Lo comunica il Dipartimento delle istituzioni dopo un incontro avuto in Vallemaggia in merito alla presenza dei servizi cantonali nella regione. Stando alla nota diramata oggi, Gobbi e i suoi collaboratori hanno spiegato le difficoltà operative del settore dei registri, "che impongono un'apertura parziale degli stessi in tutte le regioni periferiche". Comunque, sono fornite rassicurazioni sul "mantenimento dei servizi attuali localizzati a Cevio concernenti il settore dei registri e delle esecuzioni nonché i fallimenti e lo stato civile. Il servizio alla cittadinanza, mediante un’apertura parziale degli sportelli rispettivamente mediante servizio su appuntamento, continuerà ad essere garantito. Inoltre, sono in corso altri approfondimenti per centralizzare a Cevio nei prossimi anni alcune specifiche attività inerenti a questi settori". Infine, viene chiarito che "le autorità della Vallemaggia continueranno quindi ad adoperarsi alfine di rafforzare la presenza di servizi cantonali di tutti i Dipartimenti nella regione", presentando appunto al Consiglio di Stato "altre possibili proposte di decentralizzazione di servizi pubblici".

23.2.2017, 21:452017-02-23 21:45:48
@laRegione

Scortato a valle il Tir intrappolato nell'Onsernone

È terminata la disavventura del Tir rimasto bloccato nel pomeriggio sulla stretta strada della valle Onsernone, ad Auressio, a causa delle sue dimensioni. Il...

È terminata la disavventura del Tir rimasto bloccato nel pomeriggio sulla stretta strada della valle Onsernone, ad Auressio, a causa delle sue dimensioni. Il bisonte è ora sceso a valle scortato dalla polizia. Ricordiamo che il conducente avrebbe seguito le indicazioni del navigatore satellitare, probabilmente programmato per veicoli di dimensioni minori. Sul posto sono intervenuti, oltre alla Polizia Cantonale, anche gli specialisti del Servizio coordinato soccorso stradale per il recupero del mezzo. Per permettere al camion di fare dietrofront, si è dovuto smontare un troncone di guidovia metallico. La distrazione arrischia di costare cara all'autista.

23.2.2017, 15:572017-02-23 15:57:11
@laRegione

Cardada-Cimetta: addio neve

Si è già conclusa la (brevissima) stagione sciistica a Cardada-Cimetta, la montagna alle spalle di Locarno. «Le temperature primaverili di questi giorni non permettono più alla neve di...

Si è già conclusa la (brevissima) stagione sciistica a Cardada-Cimetta, la montagna alle spalle di Locarno. «Le temperature primaverili di questi giorni non permettono più alla neve di consolidarsi durate la notte – spiega Dante Pollini, presidente del locale Sci club –. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il manto, così da poter proporre i corsi di sci e di snowboard nella settimana di Carnevale. Ma i nostri sforzi sono stati vanificati dal clima troppo caldo, che ha avuto la meglio». Sci club e Scuola sci sono stati costretti a chiudere in anticipo la stagione e, di conseguenza, ad annullare i corsi. «Ringraziamo tutti coloro che come ogni anno sono venuti a trovarci e speriamo in una stagione 2017/18 ricca di soddisfazioni, di tanta neve e tanto divertimento».
Nonostante la conclusione anzitempo della stagione sciistica, la Cardada impianti turistici Sa informa che durante le vacanze di Carnevale, funivia e seggiovia saranno aperte giornalmente, più precisamente la funivia dalle 8.15 alle 18.15 ogni 30 minuti con l’ultima cabina alle 19.15, invece la seggiovia dalle 9.30 alle 12.15 e 13.15 alle 16.45.

23.2.2017, 15:452017-02-23 15:45:46
@laRegione

'Blitz' al cantiere Palazzo del cinema: nessuna infrazione penale alla Legge federale sugli stranieri

Questa mattina, dalle 9 alle 10.45, la Polizia cantonale ha effettuato un'operazione di controllo al...

Questa mattina, dalle 9 alle 10.45, la Polizia cantonale ha effettuato un'operazione di controllo al cantiere Palazzo del Cinema a Locarno. L'azione si è svolta in collaborazione con agenti della Polizia della Città di Locarno, ispettori dell'Ufficio del lavoro, della Commissione paritetica cantonale, dell'Associazione interprofessionale di controllo e della Commissione di vigilanza Lia. Sono stati controllati 80 lavoratori. Non sono state rilevate infrazioni di carattere penale legate alla Legge federale sugli stranieri. In base ai dati raccolti, gli ispettori dell'Ufficio del lavoro approfondiranno gli accertamenti nei prossimi giorni.

22.2.2017, 23:192017-02-22 23:19:43
David Leoni @laRegione

Terre di Pedemonte, ladri in a...

Terre di Pedemonte, ladri in azione negli uffici amministrativi (e nella sede) di un'impresa edile e in un ristorante. Magro il bottino dei due colpi messi a segno nel giro di pochi giorni.

Terre di Pedemonte, ladri in azione negli uffici amministrativi (e nella sede) di un'impresa edile e in un ristorante. Magro il bottino dei due colpi messi a segno nel giro di pochi giorni.

22.2.2017, 16:232017-02-22 16:23:31
David Leoni @laRegione

Servizio ambulanza Locarno e v...

Servizio ambulanza Locarno e valli, lanciata la campagna sostenitori 2017. Lo scorso anno sono ancora aumentati gli interventi. Dal 2006 l'incremento è stato del 25%. Proseguono i lavori per la nuova sede, ormai a tetto.

Servizio ambulanza Locarno e valli, lanciata la campagna sostenitori 2017. Lo scorso anno sono ancora aumentati gli interventi. Dal 2006 l'incremento è stato del 25%. Proseguono i lavori per la nuova sede, ormai a tetto.

22.2.2017, 14:192017-02-22 14:19:13
@laRegione

Tenero, ferito cadendo nel pozzo luce

Ancora un pozzo luce insicuro e ancora un ferimento. Dopo l'infortunio occorso ad una bimba nei giorni scorsi a Minusio, oggi verso mezzogiorno una dinamica simile si è...

Ancora un pozzo luce insicuro e ancora un ferimento. Dopo l'infortunio occorso ad una bimba nei giorni scorsi a Minusio, oggi verso mezzogiorno una dinamica simile si è verificata su un cantiere di un'abitazione privata in via Contra a Tenero. Stando alle prime informazioni raccolte un uomo sarebbe caduto nel pozzo luce, procurandosi ferite di media gravità.  Sul posto, oltre alla polizia per i rilievi, sono intervenuti i soccorritori del Salva, che hanno prestato le prime cure al ferito e lo hanno poi trasportato al Pronto soccorso per accertamenti.

22.2.2017, 09:182017-02-22 09:18:00
Davide Martinoni @laRegione

Piazza Grande, tutela cantonale

La tutela di Piazza Grande quale bene culturale di interesse cantonale è solo una questione di tempo. La conferma che l’Ufficio beni culturali ha intenzione di portare questa proposta...

La tutela di Piazza Grande quale bene culturale di interesse cantonale è solo una questione di tempo. La conferma che l’Ufficio beni culturali ha intenzione di portare questa proposta sul tavolo del Consiglio di Stato è giunta nel primo pomeriggio di ieri nel corso dell’incontro che una delegazione del Municipio di Locarno (Paolo Caroni, Niccolò Salvioni, Bruno Buzzini, Ronnie Moretti e il capotecnico André Engelhardt) ha avuto con i rappresentanti dell’ufficio stesso (Giulio Foletti e Endrio Ruggiero) e con il capo della Sezione dello sviluppo territoriale, Paolo Poggiati. Si è trattato di un chiarimento fondamentale in vista del lancio del concorso di progettazione, previsto ancora entro fine 2017.

22.2.2017, 07:302017-02-22 07:30:00
Serse Forni @laRegione

Locarno boccia l'orto condiviso proposto dai Verdi

Le proposte dei Verdi di Locarno, già avversate dal Municipio, non superano lo scoglio del Consiglio comunale. Lunedì sera il Legislativo ha bocciato sia l’idea di...

Le proposte dei Verdi di Locarno, già avversate dal Municipio, non superano lo scoglio del Consiglio comunale. Lunedì sera il Legislativo ha bocciato sia l’idea di creare un orto condiviso per gli abitanti del quartiere Campagna, sia l’emendamento per riservare a veicoli elettrici o ibridi il 10 per cento di un credito quadro di quasi 1,8 milioni di franchi, destinato all’acquisto di mezzi per i servizi dell’amministrazione.
Insomma, la “Città dell’energia” non sempre è anche città sensibile ai temi ambientali. La proposta dell’orto condiviso, da inserire assieme ai previsti orti comunali (togliendo una decina di posteggi) era stata presentata come mozione dalla consigliera dei Verdi, Francesca Machado-Zorilla: «Uno spazio da curare assieme, secondo standard bio, per fare di Locarno la città del “noi”. Non si tratta unicamente di coltivare pomodori o zucchine, ma legami sociali. Un luogo d’incontro gestito da un’associazione ad hoc, costola dell’associazione di quartiere, per gli abitanti di un comparto che della “Campagna” ha ormai solo il nome». Un intervento accorato, ma che è stato interrotto a due minuti dalla fine dal solerte presidente Philippe Jacquet-Richardet, che ha richiamato la collega per la lunghezza del suo dire. Così ha alzato la mano l’altro consigliere dei Verdi, Pierluigi Zanchi, per continuare la lettura. Sia la Commissione del piano regolatore, sia il Municipio hanno però bocciato l’idea (e così anche il Legislativo, con 29 voti contrari, contro 6 favorevoli). Da una parte è stato ricordato che i previsti orti comunali sono per tutti, senza disparità di trattamento, e non solo per chi abita nella zona; poi, i posteggi previsti sono comunque bloccati da un ricorso dei... Verdi.
Un sonoro “no” ha fermato anche la richiesta, formulata da Zanchi, di riservare a veicoli ibridi o elettrici il 10 per cento di un credito di 1,79 milioni di franchi, destinato all’acquisto di mezzi comunali nel periodo 2017-2020. Credito approvato a larga maggioranza. Le ragioni della bocciatura: stando ai diversi gruppi il vincolo sarebbe stato eccessivo, poiché è difficile sapere in anticipo quali saranno da sostituire. Molti dei mezzi a carburante fossile (scopatrici, camion pesanti e via dicendo) non hanno neppure il corrispettivo elettrico.

Fra le interpellanze alle quali il Municipio ha dato risposta, segnaliamo quella firmata da Fabrizio Sirica (Ps), su una paventata chiusura dell’ufficio postale di Solduno. Il vicesindaco Paolo Caroni ha ricordato, per sommi capi, quanto sta avvenendo e le manovre del Cantone per scongiurare l’emorragia di sportelli annunciata dal (sempre meno) “Gigante” giallo. «Non abbiamo ricevuto nessuna informazione per la filiale soldunese. Intraprenderemo comunque tutti i passi necessari per evitare il ridimensionamento o, peggio ancora, la chiusura».