Estero

Ieri, 23:452017-05-28 23:45:21
@laRegione

Manchester, 19enne arrestato in serata. Salgono  a 13 i fermati per l'attentato all'Arena

La polizia britannica ha arrestato un 19enne nel quadro dell’inchiesta sull’attentato alla Manchester Arena. L'...

La polizia britannica ha arrestato un 19enne nel quadro dell’inchiesta sull’attentato alla Manchester Arena. L'arresto – come anticipato dal sito della Rsi – è avvenuto nel quartiere di Gorton. Il giovane è “sospettato di infrazione alle leggi antiterrorismo”, riferiscono le autorità. Sale così a 13 il numero degli arrestati collegati al gesto del 22enne di origine libica Salman Abedi, fattosi esplodere lunedì scorso al termine del concerto della popstar Adriana Grande

Ieri, 21:102017-05-28 21:10:38
@laRegione

Il Trump furioso: parole, soltanto parole

Bugie. Donald Trump accusa i media di inventarsi le informazioni e pure le fonti. Fake news create ad arte da fake media, dunque. La rabbia è esplosa su Twitter per le...

Bugie. Donald Trump accusa i media di inventarsi le informazioni e pure le fonti. Fake news create ad arte da fake media, dunque. La rabbia è esplosa su Twitter per le indiscrezioni su Jared Kushner, uno dei suoi più stretti consiglieri e marito di Ivanka. Con questo ulteriore sfogo social, il presidente salta nuovamente a pie' pari i propri legali, che lo invitano da tempo a 'cinguettare' con parsimonia.

Ieri, 20:342017-05-28 20:34:47
@laRegione

Inaffidabile. È Trump per Angela Merkel

'Inaffidabile' è ciò che Angela Merkel pensa di Donald Trump, opinione alla quale il da poco concluso G7 dà una sorta di ufficializzazione. "Me ne sono accorta negli ultimi...

'Inaffidabile' è ciò che Angela Merkel pensa di Donald Trump, opinione alla quale il da poco concluso G7 dà una sorta di ufficializzazione. "Me ne sono accorta negli ultimi giorni", ha dichiarato la cancelliera al termine di un vertice che ha visto il presidente americano arroccato su posizioni anti-Parigi, intese come accordi contro i cambiamenti climatici. L'invito della Merkel rivolto all'Europa è dunque quello di "riprendere il destino" nelle proprie mani.

Ieri, 19:312017-05-28 19:31:57
@laRegione

Valtellina, gravissimo un 35enne di origini svizzere

Un grave incidente si è verificato nel tardo pomeriggio in Valtellina, lungo la strada che da Ardenno porta verso la Valmasino, in provincia di Sondrio. Un...

Un grave incidente si è verificato nel tardo pomeriggio in Valtellina, lungo la strada che da Ardenno porta verso la Valmasino, in provincia di Sondrio. Un 35enne di origini svizzere residente a Menaggio è uscito di strada con un furgoncino, sfondando le barriere di protezione e precipitando lungo un pendio. Le condizioni dell'uomo, ricoverato in ospedale, risultano gravissime.

Ieri, 18:082017-05-28 18:08:47
@laRegione

È sempre guerra a Manila. Crescono a 100 i morti

Giunta al sesto giorno di guerra, la città filippina di Marawi conta almeno un centinaio di morti. Gran parte dei 200mila abitanti hanno lasciato la città. Un...

Giunta al sesto giorno di guerra, la città filippina di Marawi conta almeno un centinaio di morti. Gran parte dei 200mila abitanti hanno lasciato la città. Un migliaio quelli ancora intrappolati dagli scontri tra militanti jihaidisti ed esercito, che ha deciso di schierare anche aerei ed elicotteri. Ignota la sorte di molti cattolici presi in ostaggio. È segnalata la presenza di combattenti provenienti da Malaysia e Indonesia, terra che sembra assai fertile per l'Islam più conservatore.

Ieri, 17:012017-05-28 17:01:29
@laRegione

Sparatoria a Lincoln, Mississippi. Otto i morti

È pesante il bilancio della sparatoria avvenuta nella contea di Lincoln, in Mississippi, nella notte di sabato. Otto i morti accertati. Le autorità stanno indagando e...

È pesante il bilancio della sparatoria avvenuta nella contea di Lincoln, in Mississippi, nella notte di sabato. Otto i morti accertati. Le autorità stanno indagando e un uomo è sotto custodia della polizia. Le forze dell’ordine stanno raccogliendo le prove per cercare nelle tre diverse abitazioni dove il sospettato ha colpito per cercare di capire se conoscesse le sue vittime.

Ieri, 16:462017-05-28 16:46:14
@laRegione

British Airways, le scuse del Ceo

"Molti" sistemi informatici di British Airways sono tornati alla normalità ma i passeggeri devono ancora affrontare cancellazioni di voli e ritardi. Lo ha detto il Ceo della compagnia...

"Molti" sistemi informatici di British Airways sono tornati alla normalità ma i passeggeri devono ancora affrontare cancellazioni di voli e ritardi. Lo ha detto il Ceo della compagnia aerea Alex Cruz dopo che sono andati in tilt i computer del gruppo britannico. Il vettore prevede per oggi un ritorno alla "quasi normalità" all’aeroporto di Gatwick, mentre ad Heathrow dovrebbero essere operativi tutti i voli a lunga distanza. Cruz in un video si è scusato affermando che tutto questo è stato "orribile" per i passeggeri.

Ieri, 13:462017-05-28 13:46:22
@laRegione

Strage di Manchester: il fratello di Abedi voleva uccidere l'inviato dell'Onu in Libia

Stando alla stampa inglese, in particolare al Telegraph che cita fonti diplomatiche, il fratello minore dell'attentatore...

Stando alla stampa inglese, in particolare al Telegraph che cita fonti diplomatiche, il fratello minore dell'attentatore di Manchester, il 20enne Hashem Abedi, faceva parte di una cellula jihadista in Libia che voleva assassinare il tedesco Martin Kobler, inviato Onu nel paese. L'attentato, pianificato per l'inizio di quest'anno, venne però sventato. Hashem Abedi e suo padre sono stati arrestati in Libia martedì scorso, all'indomani dell'attentato di Manchester compiuto dal fratello 22enne Salman, che si è fatto esplodere.

Ieri, 13:152017-05-28 13:15:47
@laRegione

Un piano segreto di Angela Merkel per l'Europa

Angela Merkel avrebbe un "piano segreto" per l’Europa con "più sfaccettature" e si preparerebbe a nuove aperture dopo le elezioni federali.

È quello che scrive...

Angela Merkel avrebbe un "piano segreto" per l’Europa con "più sfaccettature" e si preparerebbe a nuove aperture dopo le elezioni federali.

È quello che scrive oggi la Frankfurter Allgemeine am Sonntag. Il domenicale accenna anche all’ipotesi di un "governo dell’eurozona economico, in grado di introdurre dei titoli propri" per finanziare investimenti, che però – stando all’entourage della cancelliera – non sarebbero eurobond e rispetto ai quali, nell’articolo, non sono spiegati i criteri di condivisione.

Nel piano per l’Europa ci sarebbero più aspetti: prioritario è il tema della gestione della crisi dei profughi e dunque la stabilizzazione della Libia. Il secondo punto è la difesa: su questo "Merkel vuole spendere più soldi" e a Bruxelles "si potrebbe costruire un comando centrale per un impegno militare comune". Con la brexit, Londra, che ha sempre frenato, non è più un ostacolo al progetto della difesa comune. Mentre le nuove minacce rappresentate da Mosca e Donald Trump comportano "una apertura dai Paesi dell’est". Il pilastro numero tre di questo piano è la politica economica. Fra le idee concrete sul tavolo un bilancio comune dell’eurozona e un ministro delle finanze.

Opzioni che trovano favorevoli Emmanuel Macron e Wolfgang Schaeuble. Fra le varianti prese in considerazione, si legge ancora, "un governo economico dell’eurozona potrebbe anche introdurre titoli propri. Alla fine ne risponderebbero i Paesi membri, non solo la Germania". Questa opzione sarebbe comunque cosa "differente dai classici eurobonds", stando all’entourage di Merkel, che avrebbe "simpatia" per questi scenari. Se alla guida della Bce andasse il tedesco Jens Weidmann, come Merkel vorrebbe, scrive inoltre la Fas, Berlino potrebbe aprire ad altre "concessioni". E comunque la candidatura del falco della Bundesbank Weidmann "potrebbe ammorbidire chi non trova positivo questo entusiasmo per l’Europa" in Germania.

Ieri, 12:012017-05-28 12:01:53
@laRegione

In arrivo a Palermo 1040 migranti, sette morti a bordo di un rimorchiatore

Insieme ai circa 1040 migranti soccorsi in mare dal rimorchiatore italiano Vos Thalassa che stanno per giungere a Palermo vi sono a...

Insieme ai circa 1040 migranti soccorsi in mare dal rimorchiatore italiano Vos Thalassa che stanno per giungere a Palermo vi sono a bordo anche sette cadaveri, recuperati ieri nel corso di diverse operazioni in alto mare che erano su vari natanti. Tra i migranti vi sono tre donne incinte e quindici bambini. L’arrivo al porto di Palermo è previsto per le 13.30.

Ieri, 12:012017-05-28 12:01:33
Marino Molinaro @laRegione

G7 sui migranti: 'Riaffermiamo i diritti sovrani degli Stati'

Si è chiuso ieri il vertice del G7 a Taormina, il primo vertice dopo l'avvento di Donald Trump alla Casa Bianca. «Credo che il risultato più...

Si è chiuso ieri il vertice del G7 a Taormina, il primo vertice dopo l'avvento di Donald Trump alla Casa Bianca. «Credo che il risultato più importante possa essere definito l'impegno comune sul terrorismo», ha detto il premier italiano Gentiloni tracciando un bilancio. Fra i principali temi trattati vi sono commercio internazionale e clima. Se sul primo di parla di passi avanti significativi, sul secondo è emerso che 6 Paesi su 7 confermano gli impegni sull'accordo di Parigi, mentre gli Usa con l'avvento di Trump hanno dichiarato di trovarsi in una fase di revisione della loro politica.

Clima

Nella dichiarazione finale del G7, prendendone atto i leader di Canada, Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna e Giappone e i rappresentanti Ue “riaffermano il loro forte impegno per una rapida applicazione dell'accordo di Parigi”. In particolare lacancelliera tedesca Angela Merkel non ha lesinato critiche verso gli Usa: «L’intera discussione è stata difficile e molto insoddisfacente, non essendoci segnali sul fatto che Usa rimangano o no all’interno dell’accordo». La mancanza di progressi su questo «significa che non c’è base comune su un importante accordo internazionale». E in vista del G20 in Germania a luglio «essendo l’accordo di Parigi molto importante, non faremo alcun compromesso». Dal canto suoi il presidente americano fa sapere, con un messaggio su Twitter, che “prenderò la mia decisione sull’Accordo di Parigi la prossima settimana!”.

Flussi migratori

La gestione dei flussi migratori ha trovato i G7 concordi sul fatto che richieda “sforzi coordinati a livello nazionale e internazionale”, si legge ancora nel comunicato finale. Tuttavia, e qui sta il punto, “pur sostenendo i diritti umani di tutti i migranti e rifugiati, riaffermiamo i diritti sovrani degli Stati, individualmente e collettivamente, a controllare i propri confini e stabilire politiche nell'interesse nazionale e per la sicurezza”. Anche in questo caso a smarcarsi sono Merkel e Gentiloni, difendendo la necessità di favorire una politica della prevenzione e di sostegno dei paesi di origine. Quanto all'Africa, nella dichiarazione finale i Paesi del G7 considerano il piano di investimenti esterno dell'Unione europea “un importante strumento per spingere gli investimenti nel Continente”.

Mercati

Altro tema cruciale, dopo le prime misure adottate da Trump, quello dei mercati: “Confermiamo il nostro impegno a mantenerli aperti  e a combattere il protezionismo”. Una dichiarazione che cozza contro le prime misure adottate dagli Usa negli scorsi mesi. Ma poi arriva lo zampino di Trump, nella frase in cui si apprende “l'impegno a opporsi a tutte le pratiche scorrette del commercio”.


Russia

Il G7 reitera infine la condanna per “l’annessione illegale” della penisola di Crimea e, per quanto riguarda la crisi ucraina, si dice pronto a prendere “ulteriori misure restrittive” nei confronti della Russia se le azioni di Mosca dovessero richiederlo. Nel comunicato finale si legge che “la durata delle sanzioni” in essere “è chiaramente legata alla completa applicazione da parte della Russia dei suoi impegni nell’ambito degli accordi di Minsk e al rispetto della sovranità dell’Ucraina”.

Ieri, 09:342017-05-28 09:34:48
@laRegione

Corea del Nord, terza portaerei statunitense

Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo...

Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

Ieri, 08:342017-05-28 08:34:08
@laRegione

Torino, bimbo di sei anni muore durante il rally

Incidente mortale al rally Città di Torino, ieri pomeriggio. A Coassolo, a nord ovest della città, un'auto è uscita di strada in curva e ha travolto alcuni...

Incidente mortale al rally Città di Torino, ieri pomeriggio. A Coassolo, a nord ovest della città, un'auto è uscita di strada in curva e ha travolto alcuni spettatori. Un bambino di 6 anni è morto, i genitori feriti, mentre il fratellino di tre anni è rimasto miracolosamente illeso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Venaria Reale, insieme con le ambulanze del 118 e l'elisoccorso ma per il bambino di 6 anni i soccorsi sono stati inutili. Il rally è stato subito sospeso.

Secondo una prima ricostruzione, l'auto avrebbe toccato il cordolo di cemento della strada, finendo al di là della linea di sicurezza. Il pilota dell'equipaggio Skoda Biella potrebbe essere stato colto da malore mentre era alla guida. Al momento, le condizioni di salute del guidatore non sono note.

"Siamo addoloratissimi, la gara è stata sospesa. In 32 anni non era mai successa una cosa del genere". Così il Rally Team Eventi, che organizza il rally Città di Torino, sull'incidente in cui oggi ha perso la vita un bambino di 6 anni, travolto da un'auto uscita di strada che ha anche ferito i genitori. "Ci sono dei fattori da chiarire", aggiungono sulla dinamica dell'incidente.
 

 

26.5.2017, 21:122017-05-26 21:12:28
@laRegione

Blue Whale, intercettato un presunto caso a Udine

Udine (Ansa) - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50...

Udine (Ansa) - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale.

L'allarme è stato lanciato dai genitori

La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia e hanno capito di cosa si trattava. Si sono così subito rivolti alla Questura del capoluogo friulano, che ha fatto immediatamente partire le indagini, affidandole alla Polizia Postale. Gli investigatori – stando a quanto si è riusciti a sapere – hanno "preso in carico" il cellulare della ragazzina per ricostruire quello che stava avvenendo, verificare se veramente si tratta di un caso di Blue Whale e, quindi, risalire ai presunti istigatori. “La collega pubblico ministero di turno - ha riferito De Nicolo, interpellato dall'Ansa – ha ricevuto oggi una telefonata dalla polizia giudiziaria che le ha segnalato un caso, l'unico che abbiamo”. “Procederemo con la massima determinazione possibile per identificare i canali con cui sono arrivati i messaggi delle sfide”, ha aggiunto De Nicolo precisando di essere in attesa di ricevere la prima informativa scritta da parte della Polizia Giudiziaria. "L'aspetto più importante è che una simile vicenda impone a tutti, famiglie, scuola, associazioni sportivi e chi si occupa di minori, di agire in via preventiva", ha concluso il Procuratore. Le indagini sono svolte dalla Polizia Postale del Friuli Venezia Giulia, la cui dirigente, Alessandra Belardini, ha riferito che ci sono anche altre segnalazioni. "Ci sono tanti allarmi e diversi genitori vengono a confrontarsi. Alcune cose sono ingigantite, altre vanno approfondite", ha detto Belardini.

26.5.2017, 14:342017-05-26 14:34:53
@laRegione

Egitto, attacco armato a un bus. Almeno 23 morti

Almeno 23 persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite dopo che un gruppo di uomini armati ha attaccato un bus sul quale viaggiavano cristiani copti. È quanto...

Almeno 23 persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite dopo che un gruppo di uomini armati ha attaccato un bus sul quale viaggiavano cristiani copti. È quanto riferiscono i media locali. L’attacco è avvenuto a Minya, nel sud dell’Egitto. Il bilancio delle vittime è stato poi confermato dal governatore di Minya alla Tv Cnbc e dal ministero della Sanità. A quanto si apprende, il bus con a bordo i cristiani copti era diretto al monastero di Anba Samuel, sulla rotta desertica a ovest dell’Alto Egitto. Gli uomini armati, riferisce Al Arabiya, hanno usato mitragliatrici nell’attacco contro il bus. Alcuni dei feriti, secondo quanto si apprende, sarebbero gravi.

 

 

26.5.2017, 13:242017-05-26 13:24:58
@laRegione

Manchester, otto arresti confermati

Sono tutti uomini e tutti residenti nell’area della Grande Manchester le otto persone che restano in custodia dopo essere state fermate nell’ambito delle indagini sull’attentato...

Sono tutti uomini e tutti residenti nell’area della Grande Manchester le otto persone che restano in custodia dopo essere state fermate nell’ambito delle indagini sull’attentato suicida di lunedì scorso. Compiuto dal kamikaze 22enne Salman Abedi, l’attacco ha fatto 22 morti (sette sotto i 16 anni) e decine di feriti.

Nel complesso gli arrestati sono stati dieci, secondo i dati della Greater Manchester Police citati dal Guardian online, ma due – una donna di 34 anni e un ragazzo di 16 – sono stati poi "rilasciati senza accuse". In detenzione rimangono tre uomini ultratrentenni, quattro ventenni e un giovane di 18 anni, sospettati a vario titolo di complicità con Abedi, il terrorista nato nel Regno Unito da ex rifugiati libici anti-Gheddafi, o comunque di una qualche "violazione del Terrorism Act": la legge britannica che regola la lotta al terrorismo.

26.5.2017, 13:192017-05-26 13:19:39
@laRegione

I 'Sette grandi' a Taormina, è cominciato il vertice del G7

Politica estera e sicurezza: questo il tema centrale della colazione di lavoro, avvenuta oggi a Taormina tra i sette 'grandi', la quale ha aperto il...

Politica estera e sicurezza: questo il tema centrale della colazione di lavoro, avvenuta oggi a Taormina tra i sette 'grandi', la quale ha aperto il vertice del G7 sotto la presidenza di turno del premier italiano Paolo Gentiloni. Tra i temi evocati, che verranno ripresi poi nel pomeriggio, figurano: la situazione in Ucraina, con la volontà europea di mantenere le sanzioni con la Russia; l’allarme terrorismo dopo il recente attentato di Manchester e la minaccia nucleare nord coreana. “Sappiamo che non sarà un confronto semplice, ma lo spirito di Taormina ci può aiutare nella direzione giusta”, ha commentato il premier Paolo Gentiloni, 'padrone di casa' di questo vertice blindatissimo. I lavori, che proseguiranno fino a domani, sono iniziati con un leggero ritardo rispetto alle previsioni. Dopo la foto di famiglia i sette grandi hanno attraversato a piedi il centro storico di Taormina. All’inizio mancava Donald Trump, verosimilmente per ragioni di sicurezza, che li ha raggiunti sul belvedere. Poi l’ultima breve passeggiata fino al San Domenico Palace, che ospita i lavori. La passeggiata in centro riassume emblematicamente le posizioni di questo G7. Il presidente degli Stati Uniti non ha ancora deciso la sua posizione sull’accordo di Parigi sul clima, e non appare in sintonia con i colleghi sulla questione dei migranti.

26.5.2017, 13:052017-05-26 13:05:40
@laRegione

Pacco bomba all'ex premier, Papademos in 'buone condizioni'

È in buone condizioni l’ex premier greco Loukas Papademos, rimasto vittima ieri di un attentato con pacco bomba, esploso nella sua auto, causando anche...

È in buone condizioni l’ex premier greco Loukas Papademos, rimasto vittima ieri di un attentato con pacco bomba, esploso nella sua auto, causando anche il ferimento dell’autista e di un’altra persona che era sulla vettura. Lo hanno dichiarato i medici dell’ospedale ateniese di Evangelismos, dove il 69enne economista è stato ricoverato dopo l’esplosione con lesioni all’addome e a una gamba. L’ex premier ha oggi ricevuto la visita del presidente della Repubblica Prokopis Pavlopoulos. Le altre due persone rimaste ferite, entrambi dipendenti della Banca di Grecia, verranno dimesse oggi. Non c’è stata alcuna rivendicazione per l’attentato. Ma in passato alcuni politici greci, banche ed istituzioni finanziarie sono stati bersaglio di attacchi da parte di militanti di estrema sinistra o gruppi anarchici.

26.5.2017, 07:322017-05-26 07:32:27
@laRegione

Salman Abedi si stava preparando da un anno

Salman Abedi, l’attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno un anno. Lo scrive oggi il 'Times', sulla base di notizie investigative. Secondo queste...

Salman Abedi, l’attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno un anno. Lo scrive oggi il 'Times', sulla base di notizie investigative. Secondo queste rivelazioni, il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l’ordigno della strage. E affittato da tempo l’appartamento individuato ora come covo e luogo di assemblaggio della bomba. Per il 'Guardian', inoltre, gli arresti delle scorse ore, pur definiti “importanti’’ dalla polizia nelle indagini sull’attacco kamikaze di lunedì alla Manchester Arena, non significano che l’intera cellula che si presume abbia assistito Salman Abedi sia stata sgominata. Per il quotidiano, alcuni complici “sono ancora a piede libero’’. Dal canto suo il 'Telegraph' riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani già pronti per “una seconda bomba’’.

25.5.2017, 13:342017-05-25 13:34:38
@laRegione

Morto l'astrofisico italiano Giovanni Bignami

Astrofisico e divulgatore, è morto ieri sera colto da un malore Giovanni Bignami, già presidente dell'Agenzia spaziale italiana nel 2007 e 2008 e dell'Istituto nazionale...

Astrofisico e divulgatore, è morto ieri sera colto da un malore Giovanni Bignami, già presidente dell'Agenzia spaziale italiana nel 2007 e 2008 e dell'Istituto nazionale di astrofisica dal 2011 al 215. Aveva 73 anni e si trovava a Madrid per impegni professionali. La comunità scientifica internazionale lo conosceva bene – ricorda il quotidiano 'laRepubblica' col quale collaborava come editorialista scientifico e divulgatore – per il suo lavoro che nel 1972 portò alla scoperta di Geminga, la prima stella di neutroni senza emissioni radio.

Attualmente era presidente del Consiglio di amministrazione dello Square Kilometre Array, progetto internazionale di rilevamento di onde mediante un radiotelescopio in costruzione in Australia e Sudafrica per sondare lo spazio profondo. Avrà un'apertura totale di un chilometro quadrato, opererà su un ampio spettro di frequenze e le sue dimensioni lo renderanno 50 volte più sensibile di un qualsiasi altro radiotelescopio. Era una delle sue passioni.

Bignami – ricorda ancora il quotidiano italiano – ha scritto una decina di libri di comunicazione scientifica, tradotti in sette lingue. In Rai aveva lavorato, tra l'altro, con Piero e Alberto Angela. Gli era stato dedicato l'asteroide 6852 Nannibignami scoperto nel 1985.