Bellinzonese

Oggi, 06:202017-01-18 06:20:00
Marino Molinaro @laRegione

Airolo, troppo caro coprire l'A2: si ripiega su soluzione parziale

Coprire il tratto autostradale di 2 chilometri fra il portale sud del tunnel del San Gottardo e il portale nord della galleria di Stalvedro...

Coprire il tratto autostradale di 2 chilometri fra il portale sud del tunnel del San Gottardo e il portale nord della galleria di Stalvedro sfruttando il materiale proveniente dallo scavo per il raddoppio e mettendo così al riparo l’abitato dal rumore di transito? Tecnicamente possibile, ma non sostenibile finanziariamente. Questa conclusione è stata condivisa nei giorni scorsi dal gruppo di lavoro costituito a novembre a seguito di una richiesta formulata in tal senso dalle autorità airolesi e composto da Municipio, rappresentanti del Consiglio comunale (il plenum ha stanziato 200mila franchi per finanziare eventuali studi preliminari), tecnici esterni e Ufficio federale delle strade (Ustra). Quest’ultimo – spiega alla ‘Regione’ il direttore della filiale bellinzonese Marco Fioroni –...

Billy Elliot - Il musical

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo che si terrà il 21 febbraio alle ore 20.30 al Palazzo Congressi di Lugano. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR BILLY.
Ieri, 16:432017-01-17 16:43:38
Marino Molinaro @laRegione

Truffa Spazio & Salute, prosciolta una paziente

Il presidente della Pretura penale, giudice Marco Kraushaar, ha prosciolto oggi dal reato di truffa ripetuta una ex paziente dello Spazio & Salute di Lodrino,...

Il presidente della Pretura penale, giudice Marco Kraushaar, ha prosciolto oggi dal reato di truffa ripetuta una ex paziente dello Spazio & Salute di Lodrino, struttura finita al centro di una maxi inchiesta penale per una frode da 760mila franchi commessa fra il 2003 e il 2011 ai danni di una decina di casse malati.

La titolare 69enne, di formazione infermiera, lo scorso 22 giugno era stata condannata dal Tribunale penale cantonale a due anni di detenzione sospesi con la condizionale. I reati commessi: ripetuta truffa qualificata per mestiere e ripetuta falsità in documenti. Il sistema, che ha visto coinvolti circa 150 clienti/pazienti, consisteva nel fatturare alle assicurazioni malattia trattamenti di medicina riconosciuti dalla copertura complementare (come riflessologia, linfodrenaggio e massaggi medicali) al posto dei vari trattamenti estetici realmente effettuati.

La procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti, assente oggi in Pretura penale, aveva emesso 17 decreti d’abbandono e 146 decreti d’accusa nei confronti di clienti: tra questi, 114 sono nel frattempo cresciuti in giudicato, mentre 32 sono stati impugnati dinanzi alla Pretura penale. Uno di questi (pena pecuniaria di 1’680 franchi) era indirizzato a una paziente, patrocinata dall’avvocato Paolo Tamagni, ora prosciolta perché è risultato che il tipo di massaggio e linfodrenaggio cui si era sottoposta per circa 8mila franchi, serviva realmente ad aiutarla a gestire le conseguenze di un grave incidente della circolazione che le aveva causato un politrauma cranico.

Problema nel problema: confrontata con l’inchiesta, la cassa malati aveva revocato la copertura complementare alla paziente, esigendo il pagamento delle fatture. Per evitare altri grattacapi, lei le aveva saldate di tasca propria. Ma ora, forte della sentenza di assoluzione, potrebbe farsi avanti per riottenere dall’assicurazione il reintegro nella copertura complementare e la restituzione di quanto versato. Nell’arringa l’avvocato Tamagni ha contestato l’agire sia della procuratrice per non aver approfondito lo stato di salute della paziente, sia della cassa malati che era in possesso dei referti medici relativi alle cure resesi necessarie dopo l’incidente.

Billy Elliot - Il musical

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo che si terrà il 21 febbraio alle ore 20.30 al Palazzo Congressi di Lugano. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR BILLY.
Ieri, 15:092017-01-17 15:09:46
Samantha Ghisla @laRegione

A Pratocarasso si guiderà più lentamente

Non solo nuovi abitanti, ma anche una nuova mobilità in vista per il quartiere di Pratocarasso a Bellinzona. Il Municipio ha presentato oggi il messaggio con la richiesta...

Non solo nuovi abitanti, ma anche una nuova mobilità in vista per il quartiere di Pratocarasso a Bellinzona. Il Municipio ha presentato oggi il messaggio con la richiesta di credito di 1,8 milioni di franchi che serviranno per realizzare una nuova zona 30, altre misure di moderazione del traffico in via Vallone e via Pizzo di Claro tra cui una rotonda e per la messa in sicurezza di percorsi ciclopedonali nella zona.

Per evitare il traffico, soprattutto nelle ore di punta, il quartiere viene ora utilizzato quale percorso alternativo a via San Gottardo. Le misure oggetto del messaggio intendono appunto scoraggiare il traffico parassitario e garantire maggiore sicurezza agli abitanti e ai frequentatori del quartiere che originariamente consisteva nei pascoli di Carasso e negli anni è diventato sempre più popoloso. Proprio qui il gruppo Artisa Immobiliare ha peraltro progettato la realizzazione di palazzine con circa 200 appartamenti e sono previste anche altre costruzioni residenziali. 

In pratica il progetto studiato dal Dicastero mobilità che verrà realizzato dal Dicastero opere pubbliche e ambiente prevede l'istituzione di una zona a 30 km/h all’interno del quadrilatero racchiuso dalla strada cantonale (via San Gottardo) ad est, viale G. Motta a sud, via Pizzo di Claro a ovest e via Vallone a nord, mediante interventi di segnaletica orizzontale e verticale, ma anche con importanti opere di arredo urbano. In particolare la via Pratocarasso, prevista a Piano regolatore quale strada di raccolta e di attraversamento del quartiere, verrà completamente riqualificata con un modulo d’arredo che verrà ripreso anche per la futura realizzazione del doppio senso di marcia sulla parte nord verso via Vallone, attualmente in progettazione da parte del Dicastero opere pubbliche e ambiente. Via Pizzo di Claro e via Vallone verranno moderate in modo significativo. L’inclusione di una rotonda con marciapiede multifunzionale all’incrocio tra via Vallone e via Gerretta favorirà inoltre il percorso casa-scuola tra la Scuola elementare Nord e la Scuola media 2, messo ulteriormente in sicurezza con importanti interventi che lo rendono continuo all’incrocio fra via Gerretta e via Varrone e in corrispondenza del posteggio della casa per anziani comunale.

Le misure vanno ad aggiungersi ad altre zone con il limite a 30 km/h in città: oltre a quelle già realizzate nel corso della legislatura alle Semine e a Ravecchia, recentemente il legislativo ha accettato l'introduzione del limite di velocità anche a Galbisio, Carasso, Pedemonte, nel quartiere Vela e San Giovanni, i cui progetti sono attualmente in pubblicazione.

Billy Elliot - Il musical

Partecipa al nostro concorso e vinci 2 biglietti per lo spettacolo che si terrà il 21 febbraio alle ore 20.30 al Palazzo Congressi di Lugano. Invia un Sms al numero 434 con parola chiave LR BILLY.
Ieri, 07:102017-01-17 07:10:00
Marino Molinaro @laRegione

Rubato un cingolato da cantiere di Giubiasco

Ha del singolare il furto commesso alcuni giorni fa in un cantiere edile di Giubiasco. Come conferma il Servizio stampa della Polizia cantonale, l’episodio risale alla...

Ha del singolare il furto commesso alcuni giorni fa in un cantiere edile di Giubiasco. Come conferma il Servizio stampa della Polizia cantonale, l’episodio risale alla sera di mercoledì scorso, 11 gennaio, o alla nottata su giovedì. Risalgono invece a giovedì mattina la scoperta del misfatto da parte degli operai e la segnalazione alla PolTi. Col favore delle tenebre una o più persone hanno scassinato la porta del magazzino e asportato vari utensili e attrezzi da lavoro, fra cui trapani e smerigliatrici. Sparite anche le chiavi d’avviamento di alcuni macchinari e insieme ad esse pure un piccolo escavatore cingolato. Di certo il suo spostamento, vista l’ora tarda, non dev’essere passato... inascoltato: non è però dato sapere se abbia lasciato il luogo sui propri cingoli o a bordo di un...

Ieri, 06:302017-01-17 06:30:00
Katiuscia Cidali @laRegione

Scivolone in ciclopista tra Giubiasco, Sementina e Gudo

‘Attenzione ghiaccio!’ il primo della fila avvisa altri quattro ciclisti dietro di lui. Scansano la lastra spostandosi nei punti dove si intravede l’asfalto...

‘Attenzione ghiaccio!’ il primo della fila avvisa altri quattro ciclisti dietro di lui. Scansano la lastra spostandosi nei punti dove si intravede l’asfalto per non finire a gambe all’aria con le bici da corsa. Un’altra coppia di ciclisti è più cauta, scende dalla sella e prosegue a piedi, spingendo a mano il rampichino. Nello scorso fine settimana sono diversi i ciclisti, podisti e amanti dei roller che percorrendo la ciclopista tra Giubiasco, Sementina e Gudo, che si snoda parallela al fiume Ticino, si sono ritrovati in alcuni tratti a dover fare i conti con un fondo stradale reso scivoloso dal ghiaccio. I punti più critici sono poco dopo l’incrocio tra la Strada dell’argine e via dello Stadio, in territorio di Sementina, dove per un’ottantina di metri una siepe alta quasi cinque...

16.1.2017, 21:532017-01-16 21:53:49
Marino Molinaro @laRegione

Nuova Bellinzona, ratificata la lista Plr

In vista delle elezioni del 2 aprile, l’assemblea del Plr nuova Bellinzona ha ratificato stasera all’Arti e mestieri la lista dei 7 candidati al Municipio della città...

In vista delle elezioni del 2 aprile, l’assemblea del Plr nuova Bellinzona ha ratificato stasera all’Arti e mestieri la lista dei 7 candidati al Municipio della città aggregata. Lista elaborata dalla commissione cerca e presentata dal comitato. Sono i tre municipali di Bellinzona Simone Gianini, Christian Paglia e Felice Zanetti per il circondario centro; Andrea Bersani, sindaco di Giubiasco, per il circondario sud; Graziano Crugnola, vicesindaco di Sementina e granconsigliere, per il circondario ovest; Silvia Gada, già sindaco di Sant’Antonio, per il circondario sud; e Fabio Pasinetti, sindaco di Preonzo, per il circondario nord. L'avallo è avvenuto per acclamazione. Obiettivo minimo 3 seggi. Un solo intervento dalla sala, quello del deputato Giorgio Galusero che parlando di lista di battaglia ha invitato il partito a lavorare per ottenere la maggioranza assoluta di 4 seggi su 7.

16.1.2017, 13:312017-01-16 13:31:26
Mattia Cavaliere @laRegione

Nuova Bellinzona: a destra c'è voglia di cambiamento 

C'è voglia di cambiamento per la Nuova Bellinzona. Un appello agli elettori che proviene dalla destra dello spettro politico, con la lista Lega, Udc,...

C'è voglia di cambiamento per la Nuova Bellinzona. Un appello agli elettori che proviene dalla destra dello spettro politico, con la lista Lega, Udc, Indipendenti e Noce che è stata presentata poco fa alla stampa a Claro.

I candidati per il Municipio della Nuova Bellinzona sono: Giulio Deraita, Leila Guscio, Mauro Minotti, Orlando Del Don, Marco Ottini, Flavio Bruschi, Fallon Ciapini.

La lista, che si è voluto presentare dopo "un anno di lavoro" e proprio a Claro dove "contiamo tanto" (per riprendere le parole del coordinatore Lega Bellinzonese e valli Michele Guerra), è composta da municipali in carica, deputati in Gran consiglio ed parlamentari, con due donne è un volto giovane.

Semplice il grido di battaglia: "Solo uniti potremo farcela". Ma gli obiettivi, le priorità? Guerra qui è stato prudente: "Vogliamo entrare in Municipio. Il programma è pronto ma lo riveleremo in seguito". E Brenno Martignoni? "L'accordo era che si lasciasse spazio ai giovani", ha risposto Guerra, poco distante dalla rappresentate del Noce Ciapini.

16.1.2017, 07:002017-01-16 07:00:00
Samantha Ghisla @laRegione

I Verdi confermano le alleanze per le elezioni di aprile

È stata ratificata ieri dall’assemblea generale della Sezione dei Verdi del Bellinzonese e valli la candidatura di Ronnie David, consigliere comunale di...

È stata ratificata ieri dall’assemblea generale della Sezione dei Verdi del Bellinzonese e valli la candidatura di Ronnie David, consigliere comunale di Bellinzona, sulla lista congiunta con socialisti e comunisti per il Municipio della nuova Bellinzona. Durante l’assemblea svoltasi ieri pomeriggio all’ex Stallone di Bellinzona è stata inoltre eletta la nuova coordinatrice sezionale in sostituzione di Daniele Bianchi, che ha rimesso il suo mandato dopo quattro anni di coordinamento. Si tratta della bellinzonese Erika Franc, biologa indipendente e madre di due bambine. Attiva da tanti anni all’interno dei Verdi, anche a livello cantonale, Franc ha ricoperto questo ruolo già in passato.

A proposito della nuova città, è stato approvato anche il programma che verrà portato avanti durante le elezioni del prossimo aprile. I Verdi intendono concentrarsi in particolare su temi riguardanti la pianificazione e la mobilità sostenibile, ma non solo. Il programma spazierà infatti anche su altri temi, toccando argomenti che non sono prettamente ambientalisti, ma che hanno comunque a che vedere con l’agire pubblico, come aspetti economici e di promozione del turismo.

Per quanto riguarda le candidature al Consiglio comunale della città aggregata, è stato confermato che i Verdi correranno assieme ai Verdi liberali. Finora si contano complessivamente circa 25 nomi, ma la lista completa dei candidati verrà conclusa e presentata soltanto tra qualche giorno.

16.1.2017, 06:202017-01-16 06:20:00
Samantha Ghisla @laRegione

Dopo la vittoria alle urne per la ricucitura di Rorè, il sindaco Manzoni: ‘Nessuna paura di un referendum’ 

Da noi contattato, il sindaco Alessandro Manzoni spiega di non essere stupito del...

Da noi contattato, il sindaco Alessandro Manzoni spiega di non essere stupito del risultato molto positivo, ma sottolinea la necessità di rimanere con i piedi per terra. «Non bisogna esaltarsi troppo, anche perché siamo solo all’inizio dell’operazione. Ora dobbiamo continuare con cautela», aggiunge. «Il progetto è valido e di qualità», continua Manzoni, spiegando che secondo lui a convincere i cittadini è stata soprattutto la durata non troppo lunga del cantiere. Calcolando smantellamento dell’autostrada – che dovrebbe prendere avvio a marzo – e successiva realizzazione del progetto, la fine dei lavori è infatti stimata attorno al 2022. ‘Nessuna paura di un referendum’. I prossimi passi saranno ora la preparazione di un piano d’area da sottoporre al Cantone per l’approvazione e la...

15.1.2017, 18:222017-01-15 18:22:08
@laRegione

Al rifugio Spab benedetti gli animali da compagnia e da fattoria

La tradizionale benedizione degli animali nel giorno di San'Antonio Abate si è svolta anche quest'anno al rifugio di Gorduno-Gnosca della Società...

La tradizionale benedizione degli animali nel giorno di San'Antonio Abate si è svolta anche quest'anno al rifugio di Gorduno-Gnosca della Società protezione animali di Bellinzona riscuotendo un grande successo. Erano infatti oltre 150 le persone presenti accompagnate dai rispettivi animali. In Ticino que­sta ricorrenza religiosa è molto sentita: tempo fa veniva invocata la protezione di Sant’Antonio per gli animali da cortile e della fattoria, animali importanti per il reddito, seppur modesto, che la nostra gente poteva trarne.

Ora l’invocazione viene richie­sta anche per gli animali da compagnia. La benedizione, caduta in questo 2017 proprio nel giorno dedicato al Santo, è stata impartita da don Gregorio, parroco di Claro e Gnosca. Malgrado una giornata non proprio caldissima e un venticello fresco, in moltissimi non hanno voluto mancare al tradizionale appuntamento che, per quest'anno, si è svolto nei recinti interni della struttura della Spab in quanto il piccolo pascolo normalmente utilizzato è occupato dal cantiere per la costruzione della stazione di pompaggio del nuovo acquedotto del Bellinzonese. Don Gregorio ha comunque benedetto tutti gli animali presenti e quelli della fattoria Spab, nonché gli animali che sono attualmente ospitati provvisoriamente a Gorduno-Gnosca.

15.1.2017, 16:192017-01-15 16:19:00
@laRegione

Ruba il portamonete di un bar, scappa ma viene acciuffato

Grazie alla segnalazione decisiva di un abitante, nella serata di sabato la Polizia cantonale dei Grigioni è riuscita a fermare e arrestare un 45enne...

Grazie alla segnalazione decisiva di un abitante, nella serata di sabato la Polizia cantonale dei Grigioni è riuscita a fermare e arrestare un 45enne italiano che aveva rubato il portamonete di servizio di un esercizio pubblico di Roveredo.

Il ladro, dopo essersi impossessato del portamonete, era riuscito in un primo momento a far perdere le sue tracce, nonostante il gerente dell’esercizio pubblico avesse cercato di inseguirlo a piedi. Poco dopo un accorto abitante di Roveredo ha segnalato alla polizia di aver visto la persona ricercata mentre saliva a bordo di un taxi. Di lì a poco gli agenti sono riusciti a fermare il taxi, arrestare il ladro e recuperare la refurtiva ammontante a circa 2'500 franchi.

15.1.2017, 16:102017-01-15 16:10:48
Samantha Ghisla @laRegione

'Terremo in debito conto i timori degli oppositori'

"Siamo certi che il progetto Roveredo Viva renderà vivo e vivibile il centro di Roveredo creando svariati e pregevoli spazi ricreativi per la collettività", ha...

"Siamo certi che il progetto Roveredo Viva renderà vivo e vivibile il centro di Roveredo creando svariati e pregevoli spazi ricreativi per la collettività", ha sottolineato Massimiliano Paganini, direttore della succursale Alfred Müller AG di Camorino, esprimendo soddisfazione per l'esito del voto odierno nel comune mesolcinese. La società immobiliare con sede nel canton Zugo scrive in un comunicato che considera l’approvazione come "espressione di fiducia nel proprio lavoro" e ringrazia sentitamente tutti coloro che hanno sostenuto il progetto. "Sarà un piacere procedere concretamente alla sua realizzazione in collaborazione con i nostri partner e il Comune", viene sottolineato da Paganini. La società assicura inoltre che "per quanto possibile terremo in debito conto perplessità e timori degli oppositori".

15.1.2017, 10:352017-01-15 10:35:42
@laRegione

A Campo Blenio approvati i conti dello scorso anno. C'è ottimismo per questa stagione grazie a nuove intuizioni

Malgrado l’avvio di stagione poco felice e la mancanza di neve, a Campo Blenio grazie all’...

Malgrado l’avvio di stagione poco felice e la mancanza di neve, a Campo Blenio grazie all’innevamento programmato si procede con ottimismo dato che i maggiori introiti la stazione invernale del Soprasosto li ricava dalla ristorazione e dalla parte bassa degli impianti: tappeto mobile, piattello e, quest’anno, anche la pista di ghiaccio. Un’innovazione, quest’ultima, che si è rivelata molto efficace per offrire un’alternativa ai villeggianti e alla clientela già durante le passate vacanze natalizie. Per la sopravvivenza della stazione a lungo termine, è comunque prioritario puntare anche all’estate, come hanno sottolineato venerdì scorso a Campo Blenio Dante Caprara (Antenna Valle di Blenio dell’Ente regionale per lo sviluppo), Claudia Boschetti Straub e Giampietro Canepa, rispettivamente sindaco e vicesindaco del Comune di Blenio, intervenuti alla 52esima assemblea della Società Cooperativa Impianti turistici Campo Blenio-Ghirone.

La seduta è stata aperta dal presidente del Consiglio di Amministrazione (CdA) Gianni Martinelli che ha sottolineato l’impegno dello stesso per ottenere il massimo, «anche in inverni difficili come questo: abbiamo rischiato» – ha detto – «e con coraggio abbiamo installato la pista di ghiaccio». Martinelli ha ringraziato i numerosi volontari e i giovani che aiutano e credono nella Cooperativa, come pure il Comune di Lugano e quello di Blenio che, con un contributo di 30mila franchi ciascuno, hanno aiutato a contenere la perdita dell’esercizio della passata stagione (2015/16) in poco meno di 25mila franchi.

I conti 2015/16, approvati dall’assemblea, hanno ancora una volta hanno evidenziato l’importanza della ristorazione: oltre il 50% degli introiti (pari a poco più di 500mila franchi lordi) provengono infatti dalla ristorazione (Ristorante Casa Greina, Casa Cristallina, Cupola, Fopp-Zott). Gli impianti invece, con i circa 20mila primi passaggi della stagione scorsa, hanno generato ricavi per 226mila franchi. La presenza delle scuole di Lugano ha originato un buon 15% delle entrate complessive. La Cooperativa distribuisce salari per 500mila franchi circa. Al termine dell’assemblea, il direttore Denis Vanbianchi ha informato che il CdA sta approfondendo le proposte di offerte per l’estate, formulate da una ditta specializzata, intese a rendere attrattivo il Soprasosto anche nella bella stagione.

M.Z

14.1.2017, 07:302017-01-14 07:30:44
Samantha Ghisla @laRegione

Centrale idroelettrica sulla Moesa: incontro tra Axpo e Comuni in primavera 

Il progetto per una nuova centrale idroelettrica Axpo sul fiume Moesa a Cama non si è arenato. Attesa a inizio 2017, la votazione...

Il progetto per una nuova centrale idroelettrica Axpo sul fiume Moesa a Cama non si è arenato. Attesa a inizio 2017, la votazione popolare verrà probabilmente posticipata di alcuni mesi. Il portavoce di Axpo Antonio Sommavilla spiega da noi contattato che effettivamente la progettazione è «tuttora valida» ma è stata interrotta d’accordo con le autorità comunali in considerazione dei cambiamenti politici in atto nei Comuni coinvolti nel progetto. Ovvero l’aggregazione tra Grono, Leggia e Verdabbio concretizzatasi a inizio 2017 con la nascita del nuovo Comune di Grono. Era infatti stata ventilata fin dalle fasi iniziali del progetto da 25-30 milioni di franchi l’ipotesi di coinvolgere alle urne non solo i cittadini di Verdabbio, ma tutti quelli coinvolti dalla fusione, oltre ovviamente a Cama e Lostallo.

Sviluppi sono dunque attesi in primavera, quando Axpo ha annunciato che incontrerà i Comuni per determinare il prosieguo delle trattative. A causa dello stand by provvisorio, sono per ora state congelate anche le trattative avviate mesi fa con i proprietari dei terreni dove scorrerebbero le condotte al fine di ottenere il permesso di posare i tubi. Il progetto, presentato pubblicamente lo scorso giugno, prevede l’incanalamento di una parte del flusso della Moesa dal Ponte di Sorte per un tratto di 2,2 km. Proposta che ha fin da subito suscitato la reazione negativa sia dei canoisti che sfruttano la corrente del fiume per scendere la valle, sia dei pescatori, preoccupati che il prelievo d’acqua comprometta la diversità della fauna ittica e l’aspetto paesaggistico.

14.1.2017, 06:202017-01-14 06:20:00
Mattia Cavaliere @laRegione

Stelle più vicine alla capanna di Gorda 

Parliamo di stelle, pianeti, e nebulose, un universo che ci circonda ma tutto da scoprire, come del resto le nostre montagne che regalano affascinanti esperienze nella...

Parliamo di stelle, pianeti, e nebulose, un universo che ci circonda ma tutto da scoprire, come del resto le nostre montagne che regalano affascinanti esperienze nella natura, da soli o in compagnia. È un po’ la filosofia che porta avanti Francesco Fumagalli, astrofilo con una solida esperienza alle spalle non solo nell’osservazione del firmamento ma anche nella costruzione di telescopi e di osservatori. Presto, in maggio crede, si lancerà in una nuova avventura nella capanna di Gorda, in Val di Blenio. Un rifugio che Fumagalli, che è presidente dell’Associazione astronomica Astrocalina di Carona, conosce bene perché è da anni che qui, a 1'800 metri sul livello del mare sopra le case dei monti del Patriziato di Aquila, tiene corsi per gruppi e scolaresche. Fumagalli vorrebbe continuare...