Alptransit
L'apertura della galleria
più lunga al mondo
1–5 | 6 | 2016

Aperturaalptransit

5.6.2016, 15:202016-06-05 15:20:36
Samantha Ghisla @laRegione

In 80mila a FestAlpTransit

"Io sono l'unico che non è vestito di rosso", scherza Andreas Meyer attorniato dai collaboratori delle Ferrovie che hanno lavorato alla festa. "Bravi, bravissimi, siete voi che avete fatto in...

"Io sono l'unico che non è vestito di rosso", scherza Andreas Meyer attorniato dai collaboratori delle Ferrovie che hanno lavorato alla festa. "Bravi, bravissimi, siete voi che avete fatto in modo che sia stato un successo". "Le aspettative sono state ampiamente soddisfatte", dichiara il Ceo delle Ffs. 

Si presta a strette di mano e a selfie con le colleghe più giovani, che approfittano del fatto che "per una volta non è chiuso dentro il suo ufficio". È questo l'ambiente in cui sono stati rivelati i grandi numeri del weekend inaugurale. Nelle quattro aree dei festeggiamenti al portale nord e sud ci sono stati 80mila visitatori, e nelle tre ore che mancano alla chiusura potrebbero arrivarne ancora. 

5.6.2016, 14:572016-06-05 14:57:53
Samantha Ghisla @laRegione

Mentre sole e pioggia si alter...

Mentre sole e pioggia si alternano sulle teste dei presenti e il Ceo delle Ffs Andreas Meyer si appresta ad accogliere i giornalisti per l'ultimo point de presse della lunga festa d'inaugurazione... Ecco alcune immagini

Mentre sole e pioggia si alternano sulle teste dei presenti e il Ceo delle Ffs Andreas Meyer si appresta ad accogliere i giornalisti per l'ultimo point de presse della lunga festa d'inaugurazione... Ecco alcune immagini

5.6.2016, 13:422016-06-05 13:42:56
Samantha Ghisla @laRegione

Non solo treni a Biasca: ecco i bus senza autista

Sono elettrici e senza autista: la sicurezza è garantita da 6 sensori che individuano ogni genere di ostacolo sulla strada. E a breve circoleranno nel centro...

Sono elettrici e senza autista: la sicurezza è garantita da 6 sensori che individuano ogni genere di ostacolo sulla strada. E a breve circoleranno nel centro storico di Sion. Si tratta dei nuovissimi veicoli di Autopostale che rappresentano una prima a livello europeo e forse anche mondiale, come ci racconta Philippe Cina, responsabile sviluppo AutoPostale nei mercati internazionali e capo progetto Mobility Lab a Sion. Ci sono anche queste navette tra le proposte presenti nell'area dei festeggiamenti AlpTransit in corso a Biasca.
In 2500 ieri sono saliti a bordo del mezzo senza autista mentre oggi si stimano circa 2000 passeggeri. "Per noi è una vetrina importante, perché ci permette di tastare il polso della gente e capire come le persone reagiscano di fronte a un veicolo senza autista", aggiunge il capo progetto.
Attualmente sono in corso trattative con le autorità per avere l'autorizzazione alla circolazione su suolo pubblico: le norme vigenti non prevedono infatti che dei mezzi circolino su suolo pubblico senza nessuno alla guida.
Il progetto pilota a Sion durerà circa un anno. In seguito il servizio potrebbe venire proposto anche in grande fabbriche, ospedali, aeroporti, ecc. "Non intendiamo rubare il lavoro ai nostri autisti, bensì proporre un sevizio complementare alla nostra flotta classica", sottolinea Philippe Cina.

2.6.2016, 15:442016-06-02 15:44:04
@laRegione

Un ringraziamento per 2'400 persone

Proseguono i festeggiamenti per l’inaugurazione della galleria di base del San Gottardo. Circa 2’400 persone coinvolte nel progetto sono state invitate oggi a una "festa di...

Proseguono i festeggiamenti per l’inaugurazione della galleria di base del San Gottardo. Circa 2’400 persone coinvolte nel progetto sono state invitate oggi a una "festa di ringraziamento". L’evento ha avuto inizio nella mattinata con un ricevimento a Rynächt (UR), ha indicato all’ats il presidente della direzione di AlpTransit San Gottardo SA Renzo Simoni. I partecipanti si sono poi recati – transitando attraverso il tunnel con treni speciali – a Pollegio, dove hanno pranzato. Ad essere invitati erano tutti i rappresentanti delle imprese che hanno ottenuto contratti da AlpTransit o che sono stati coinvolti nel progetto, ha precisato Simoni. Tra questi, esperti, consulenti, uffici d’ingegneria, minatori, responsabili dell’Ufficio federale dei trasporti (UFT), personale delle Ferrovie federali svizzere (FFS) e alcuni collaboratori di AlpTransit. Nel fine settimana sono invece previste manifestazioni per la popolazione. Tra le 50’000 e le 100’000 persone attraverseranno la galleria di 57 chilometri nei due giorni di festa. Sono ancora disponibili biglietti per il viaggio nel tunnel, ha riferito all’ats il portavoce delle FFS Frédéric Revaz. Anche le stazioni di Ginevra, Bienne (BE), Berna, Zurigo, Aarau e Winthertur (ZH) hanno in programma degli eventi.

ticinosette, ogni venerdì con il tuo quotidiano

Il magazine ticinese di cultura, costume e tendenze con i programmi televisivi e radiofonici.
2.6.2016, 10:552016-06-02 10:55:00
@laRegione

Gottardo2016: Lo spettacolo continua, ecco il programma della festa per tutti 

Sabato 4 e domenica 5 giugno a Biasca e Pollegio, come anche a Erstfeld e Rynächt, la festa continua. E questa volta, tutti sono...

Sabato 4 e domenica 5 giugno a Biasca e Pollegio, come anche a Erstfeld e Rynächt, la festa continua. E questa volta, tutti sono invitati. Durante le due giornate si potrà assistere allo spettacolo di Volker Hesse accolto ieri da una 'standing ovation' dei presenti, ci si potrà calare (virtualmente) nei panni di un capotreno grazie a un simulatore, si potrà fare un viaggio nel tempo e nella tecnologia grazie all'esposizione delle principali componenti della strada ferrata passate, odierne e future, ma soprattutto si potrà attraversare lo storico Massiccio compiendo un percorso circolare in treno. 

  • Lo spettacolo di Volker Hesse: verrà proposto sabato e domenica sia a Pollegio che a Erstfeld (le due versioni sono diverse ma seguono lo stesso filo conduttore) alle 11, alle 15 e alle 17 (dura circa una mezz’ora). L’accesso alla tribuna (coperta) per il pubblico sarà gratuito.
  • Il viaggio nella pancia del Gottardo: Le partenze da Pollegio sono previste ogni 20 minuti dalle 10.05 fino alle 18.45 sabato e alle 17.45 domenica; il ritorno da Erstfeld segue invece l’orario ferroviario normale. Il prezzo del biglietto è di 30 franchi (senza nessun abbonamento). Info  su orari, biglietti combinati dalle varie località ticinesi e tariffe si possono ottenere sul sito www.gottardo2016.ch/it/evento-pubblico.  
  • Esperienze didattiche e gastronomiche: Nell’area della stazione Ffs di Biasca sarà possibile toccare con mano, anche salendo a bordo di antiche e moderne locomotive, i progressi tecnologici compiuti dai veicoli ferroviari impiegati al San Gottardo. Sul posto anche un simulatore di guida treni e la possibilità di salire a bordo di un bus a guida autonoma. Per motivi di sicurezza a causa del pericolo di caduta massi, ricordiamo, la parte espositiva inizialmente prevista al centro di manutenzione è stata divisa e spostata a Pollegio e ad Erstfeld.  Nella Piazza Ticino, a Pollegio, dimostrazione di volo con droni e grazie al Dipartimento del territorio si potrà comprendere meglio la mobilità cantonale tramite presentazioni multimediali e un modellino in scala del progetto per la nuova rete Tram di Lugano; nella sezione allestita dall’Agenzia turistica ticinese installazioni virtuali e multimediali metteranno in evidenza quello che il Sud delle Alpi offre ai visitatori di tutto il mondo.

La gastronomia sarà invece al centro della sezione curata dalla Conferenza agroalimentare, con possibilità per i visitatori di degustare prodotti tipici della nostra cucina e acquistare una Cuvée speciale di merlot ticinese; inoltre, grazie alla Federazione degli artigiani, gli specialisti del lavoro manuale e artistico proporranno dimostrazioni pratiche. In entrambi i siti – collegati fra loro con un servizio navetta – possibilità di pranzare al coperto e di accedere ad aree pic-nic e giochi.

INFO UTILI
Gli orari della festa- Sabato dalle 9 alle 19 e domenica dalle 9 alle 18. Inizio viaggi in treno nel tunnel di base, a Pollegio, la mattina dalle 10.05, ogni 20 minuti.

Posteggi veicoli- Nell’area industriale di Giornico e all’aerodromo di Lodrino (10 franchi al giorno per veicolo) da dove partono i bus navetta per i luoghi della festa a Biasca e Pollegio. Chi dovesse arrivare in bici può parcheggiarla negli appositi spazi di Pollegio; sul treno della galleria non è tuttavia possibile il trasporto di biciclette.

Viaggio circolare- La galleria di base può essere attraversata in un’unica direzione; l’altra parte del viaggio avviene lungo la linea di montagna. L’utilizzo dei bus navetta che collegano la stazione ai luoghi della festa e viceversa è incluso nel biglietto.

Prevendita I biglietti speciali comprensivi del ticket per lo shuttle del San Gottardo e i biglietti solo per la corsa in galleria sono disponibili in quantità limitata ed esclusivamente in prevendita sul Ticket Shop Ffs e in tutti i punti vendita serviti.

Portatori di handicap Le Ffs aiutano i viaggiatori con mobilità ridotta a salire e scendere dai treni. Info sono reperibili su www.ffs.ch/handicap . Chi desidera usufruire del servizio è invitato a comunicarlo preventivamente al Call center (tel 0800 007 102) o direttamente sul sito.

ticinosette, ogni venerdì con il tuo quotidiano

Il magazine ticinese di cultura, costume e tendenze con i programmi televisivi e radiofonici.
2.6.2016, 08:582016-06-02 08:58:00
@laRegione

Gottardo2016, piccolo incidente per Didier Burkhalter durante i festeggiamenti 

Nell'euforia generale dell'inaugurazione di ieri della Galleria del San Gottardo, non sono mancati alcuni piccoli inconvenienti....

Nell'euforia generale dell'inaugurazione di ieri della Galleria del San Gottardo, non sono mancati alcuni piccoli inconvenienti. Uno di questi ha riguardato il consigliere federale Didier Burkhalter che si è procurato una "forte distorsione" subito dopo il viaggio di 57km nel tunnel da record. 

Il piccolo incidente è avvenuto durante la discesa dal treno appena sbucato al portale sud di Pollegio. Una volta tornato a Neuchâtel, il ministro degli esteri si è fatto applicare un tutore. E, come comunica oggi il Dipartimento federale degli affari esteri, l’episodio non influirà sulla sua agenda.

 

ticinosette, ogni venerdì con il tuo quotidiano

Il magazine ticinese di cultura, costume e tendenze con i programmi televisivi e radiofonici.
1.6.2016, 19:232016-06-01 19:23:17
Luca Berti @laRegione

Dalla 'sana invidia' italiana alla curiosità giapponese per chi ha battuto il loro record. Ecco come ci vedono i giornalisti esteri

Yasuhisa Matsumoto è tra i primi giornalisti ad arrivare. Lavora per...

Yasuhisa Matsumoto è tra i primi giornalisti ad arrivare. Lavora per la Jiji Press e i suoi pezzi saranno ripresi da un centinaio di redazioni in Giappone. Si piazza in un angolo della sala a Castione e aspetta l'inizio della conferenza stampa, quella che aprirà di fatto la giornata di inaugurazione del traforo del San Gottardo. È uno dei 100 rappresentanti dei media stranieri accreditati per l'evento: un terzo di tutti i reporter che hanno coperto l'intera giornata di oggi. Tra gli accreditati anche la Kuwait News Agency, la turca NewTR, la russa Tass e la cinese Xinhua, per non parlare di Bbc, France Presse, Ansa, Reuters, Rai e Al-Jazeera.

Pochi sono passati però da Castione... Difatti la sala è mezza vuota (lo rimarrà) quando avviciniamo Yasuhisa. «Hello», accenniamo. Lui si gira e ci accoglie con un cordiale sorriso. Gli spieghiamo che vogliamo capire il perché dell'interesse nipponico per AlpTransit. «Semplice, ci avete battuti! – risponde sorridendo –. Il record del tunnel più lungo al mondo era nostro (la galleria di Seikan è lunga 54 chilometri, ndr.) e di sicuro i giapponesi sono interessati a vedere questa vostra opera». Opera, ci fa capire il nostro interlocutore, che però ha qualcosa di profondamente diverso dalla loro: le motivazioni ecologiche. «Ho letto che il tunnel è stato costruito per ragioni ecologiche e di efficenza. È un modo di pensare nuovo per noi: quando abbiamo costruito la nostra galleria pensavamo a ragioni pratiche, serviva a superare un tratto di mare. Non abbiamo preso in considerazione l'ambiente». 

Dall'altra parte della sala scorgiamo un microfono rosso targato Orf, l'emittente pubblica austriaca. A porgerlo al direttore delle Ffs Andreas Meyer è Nikolaus Küng. Lo placchiamo e capiamo subito che conosce bene i grandi trafori ferroviari. Per via del San Gottardo, certo, ma sopratutto per via del Brennero, il tunnel da 50 chilometri in fase di costruzione tra Austria e Italia. «Vengo dalla parte occidentale del Paese, quindi non da molto distante –  ci dice quando gli chiediamo cosa si sappia del San Gottardo –. L'inaugurazione di oggi è sicuramente un evento importante e sarà coperto in maniera massiccia dai media austriaci. D'altronde del progetto si è parecchio parlato nelle scorse settimane su stampa e tv. Ho condotto qualche intervista per strada e nell'Austria occidentale tutti conoscono il Gottardo. Non so se il progetto fosse così conosciuto a Vienna fino a qualche settimana fa. Ora lo è di sicuro, grazie alla copertura mediatica. Il punto principale è sicuramente che si tratta di un'opera mastodontica: il più grande tunnel del mondo che ha richiesto 17 anni solo per essere realizzato. Si tratta di un'opera cui ispirarsi per capire come far funzionare il Brennero». 

Anche Ulrike Nitzschke si è precipitata su Mayer. Attendiamo che lei e la sua truppe di Zdf, la televisione pubblica tedesca, finiscano l'intervista. «L'inaugurazione? È un evento importante, da mostrare anche alla Germania – ci dice regalandoci un ampio sorriso –. È emozionante esserci, quasi quanto alla caduta del muro [di Berlino]». Un'opera importante per la Svizzera, prosegue, soprattutto se davvero riuscirà ad abbassare il numero di autocarri che attraversano la Confederazione. «Noi tedeschi dobbiamo fare ancora i compiti, ma la strada è quella giusta. Tuttavia in Germania è più difficile convincere la popolazione nel muoversi in questa direzione, qui è lo stesso popolo ad aver votato quest'opera e la popolazione tutta supporta questo progetto». E il San Gottardo? Quanto lo si conosce a nord delle Alpi? «Per i tedeschi ha sempre rappresentato un gigantesco massiccio difficile da passare. Nella storia già i romani avevano cercato vie alternative. Se però ora gli svizzeri sono riusciti a domarlo, credo che molte più persone visiteranno questi luoghi. E ciò nonostante il franco forte renda il vostro paese meno attrattivo».

«Viviamo questo evento anche con un po' di sana invidia», racconta Andrea Bambace, giovane conduttore Espansione Tv. Per l'emittente comasca la notizia sarà tra le prime del Tg. «Un cantiere così mastodontico che viene concluso con un anno di anticipo a pochi chilometri da noi fa riflettere – prosegue –. Soprattuto se si considera che a Como e, in genere, in Italia le opere pubbliche sono ferme al palo. AlpTransit dimostra nei fatti che si possono realizzare opere pubbliche in tempi più rapidi del previsto e in maniera efficiente». Oltre confine la nuova trasversale ferroviaria è ammirata, ma anche temuta: «Non si sa ancora quali conseguenze avrà sul traffico dalla nostra parte del confine. Speriamo che le nostre istituzioni sappiano prolungare questo corridoio verso sud, evitando così di creare un collo di bottiglia nella nostra provincia». 

Reiner Reichert scrive per il 'Main-Echo', tiratura: 85mila esemplari, distribuzione in Baviera. Sta studiando l'incarto della conferenza stampa seduto al suo posto. Lo avviciniamo mentre sul palco salgono i relatori «AlpTransit? Un'opera essenziale per la Germania. La Deutsche Bahn è il più grande gruppo di trasporto merci su rotaia e per loro è sicuramente molto più economico passare sotto le Alpi. Le persone cosa ne pensano? Sono molto interessate alle idee ecologiche alla base del progetto».

Nella sala mezza vuota entra una telecamera di Cnn Turchia. È seguita da un paio di giornalisti. Avviciniamo Sinem Yöndem, giovane giornalista del network. «Siamo l'unica troupe turca, quindi nel nostro paese la gente apprenderà di AlpTransit dal nostro reportage», ci dice a voce bassa. Non tenta di seguire la conferenza stampa: ha rinunciato dal momento che i tre relatori parlano per lo più in tedesco, ogni tanto in italiano. Inglese, nulla. «Il San Gottardo è il tunnel più lungo e più profondo al mondo. Questo diremo ai nostri telespettatori, aggiungendo il fatto che alla sua realizzazione ha partecipato anche una compagnia turca. La redazione mi ha chiesto di chiamarli appena possibile: volevano una diretta video, ma da qui non è possibile».

Seduto in prima fila incontriamo il britannico Keith Barrow. Scrive per l'International Railway Journal, una pubblicazione specialistica che raggiunge 10 mila lettori in tutto il mondo. «Nel ramo ferroviario – ci spiega – il tunnel del San Gottardo rappresenta sia uno dei progetti più importanti del Continente dal punto di vista logistico sia un incredibile risultato ingegneristico e tecnico».  E la sua famiglia e i suoi amici in Gran Bretagna quanto lo conoscono? «Beh – sorride – è più lungo del tunnel della Manica...».

1.6.2016, 18:572016-06-01 18:57:00
@laRegione

Vi siete persi l'inaugurazione? Ecco la guida semiseria di cosa dovete sapere

Una giornata che sicuramente non si scorderà. Il primo giugno 2016, come un bimbo di dieci anni ha raccontato alla radio è una "...

Una giornata che sicuramente non si scorderà. Il primo giugno 2016, come un bimbo di dieci anni ha raccontato alla radio è una "giornata che rimane impressa, una di quelle da raccontare ai figli", affermazione tanto precoce quanto veritiera. Sì, perché da oggi in Svizzera è aperta ufficialmente la galleria ferroviaria più lunga del mondo. E i riflettori nazionali e non, sono stati puntati su quei 57 chilometri di tunnel dalle prime luci dell'alba. 

Se vi siete persi qualche dettaglio, ecco una ricostruzione dei fatti salienti, e di qualche 'chicca' divertente, della storica giornata d'inaugurazione della galleria del San Gottardo.

  • La galleria è stata benedetta da: un prete cattolico, una pastora protestante, un imam e un rabbino. Il tutto lontano dal pubblico e senza musica. Un pensiero alle vittime del tunnel. Emozioni.
  • La consigliera federale Doris Leuthard è commossa quando parla con la stampa. Nel frattempo il suo vestito a tema fa notizia.
  • 12.17 – Johann Schneider-Ammann annuncia "Via libera ai treni", ma i treni sono già in moto... Entrano in galleria all'unisono. A bordo 1'000 rappresentanti della popolazione.
  • Musica. Balli. Canti. Indescrivibile a parole lo spettacolo del regista Volker Hesse andato in scena mentre i due Icn attraversavano il tunnel. (video)
  • Alle 12.50 sbuca il treno a Bodio. Quello sul fronte urano si fa attendere qualche attimo poi spunta pure lui (video). L'opera è definitivamente inaugurata. (video)
  • Al portale nord arrivano i Vip, tra cui Merkel, Hollande e Renzi. Al portale sud c'è tempo per un po' di svago. Beltraminelli invita Leuthard a suonare il corno delle Alpi (video). Il dubbio rimane sul fatto che lo abbiano suonato davvero.
  • 14.10, Pollegio: arriva il treno dei Vip. In galleria i capi di Stato sono intervistati dalla Ssr Srg. Sarà anche l'unico intervento di Renzi, che appena giunto in Leventina si dilegua per tornare a Roma. L'incombenza del discorso ufficiale passa al ministro dei trasporti Delrio.
  • Un emozionato presidente del Consiglio di Stato Paolo Beltraminelli augura agli illustri ospiti il benvenuto in Ticino. Ognuno nella sua lingua, tranne per l'austriaco Kern, a cui parla in francese. L'emozione. (video)
  • Discorsi ufficiali. Punti comuni sono: il fatto che AlpTransit collega l'Europa, la necessità di proseguirlo a nord e a sud, i complimenti agli svizzeri e il caldo boia sotto il tendone. L'ultimo argomento mai esplicitato ma evidente dalle fronti perlate dei leader europei. Hollande: «La Francia si inchina. Badate che è cosa rara». Merkel: «Avete costruito il cuore dell'infrastruttura, ora tocca a noi metterci l'aorta». Delrio: «Sentiamo il Gottardo un po' italiano e sentiamo che i porti liguri sono un po' svizzeri». Kern: «Avete fatto qualcosa di straordinario». Schneider-Amman: «L'avete detto: ora tocca a voi completare l'opera».
  • 15.30 taglio del nastro, Salmo Svizzero, spettacolo aereo. Tutti a casa

 

 

1.6.2016, 13:522016-06-01 13:52:35
@laRegione

Beltraminelli e Leuthard suonano il corno (video) mentre Maroni si complimenta con la Svizzera

«Un evento straordinario, faccio i miei complimenti alla Svizzera e alle persone che hanno lavorato a quest'...

«Un evento straordinario, faccio i miei complimenti alla Svizzera e alle persone che hanno lavorato a quest'opera. Un'opera unica al mondo. E noi italiani dobbiamo prendere esempio dall'efficienza della Svizzera e del Ticino, cantone al quale siamo particolarmente legati come Lombardia», dice il governatore della Lombardia Roberto Maroni alla Regione.

Sul versante italiano, continua Maroni, «stanno procedendo i lavori per completare le opere affinché questo collegamento ferroviario rapido arrivi fino a Genova. Vorremmo che il capoluogo ligure diventasse punto di riferimento per l'Europa per il traffico merci». 

Intanto, tra un discorso ufficiale e l'altro, tra una chiacchiera con i presenti e un occhio fisso sulla galleria, c'è chi si diletta con il corno...E un Beltraminelli divertito invita la Leuthard a partecipare:  «Doris, vieni a suonare il corno».

1.6.2016, 13:322016-06-01 13:32:13
Samantha Ghisla @laRegione

Aperto il padiglione 'Piazza Ticino'

Ha appena aperto le sue porte il padiglione dedicato al Ticino e ai suoi prodotti, in cui i visitatori d'oltralpe e quelli di casa potranno scoprire qualche dettaglio in più sul...

Ha appena aperto le sue porte il padiglione dedicato al Ticino e ai suoi prodotti, in cui i visitatori d'oltralpe e quelli di casa potranno scoprire qualche dettaglio in più sul territorio e i prodotti ticinesi. Oltre ai rappresentanti delle organizzazioni turistiche regionali sono anche presenti gli artigiani e i produttori di formaggi e prodotti tipici. In attesa di potervi accedere durante la festa popolare di sabato e domenica ecco alcune immagini. 

1.6.2016, 12:122016-06-01 12:12:02
@laRegione

Sommaruga: 'Un pensiero ai lavoratori', Maurer: 'Un grande giorno'

«In questa giornata particolare il mio pensiero va alle migliaia di lavoratori che hanno reso possibile oggi l'apertura della galleria di base»,...

«In questa giornata particolare il mio pensiero va alle migliaia di lavoratori che hanno reso possibile oggi l'apertura della galleria di base», dice la consigliera federale Simonetta Sommaruga. Poco lontano il collega di governo Ueli Maurer commenta: «Un grande giorno per la Svizzera, per il Ticino e spero pure per l'Europa. Perché questo è un investimento anche per l'Europa».

1.6.2016, 11:492016-06-01 11:49:22
Samantha Ghisla @laRegione

Gioia per la festa ma un po' di preoccupazione per le Tre Valli

A Pollegio tra gli ospiti c'è anche Roland David, sindaco del capoluogo leventinese Faido. "La giornata è di festa ma anche di preoccupazione per le...

A Pollegio tra gli ospiti c'è anche Roland David, sindaco del capoluogo leventinese Faido. "La giornata è di festa ma anche di preoccupazione per le Tre Valli. Questa regione risulterà infatti più 'lontana' dalla Svizzera interna a causa di AlpTransit", ci ha spiegato. Perciò sarà fondamentale lo spirito imprenditoriale di privati ed enti pubblici. Ne è convinto anche il consigliere agli Stati Filippo Lombardi, che ha citato a tal proposito il progetto della nuova Valascia: un valore aggiunto per tutta la regione.

1.6.2016, 11:272016-06-01 11:27:00
Chiara Scapozza @laRegione

Una commossa Doris Leuthard in...

Una commossa Doris Leuthard incontra la stampa prima della cerimonia ufficiale. "Il sentimento che vivo è di orgoglio. Oggi dimostriamo che la Svizzera è capace a progettare e realizzare".

Una commossa Doris Leuthard incontra la stampa prima della cerimonia ufficiale. "Il sentimento che vivo è di orgoglio. Oggi dimostriamo che la Svizzera è capace a progettare e realizzare".

1.6.2016, 11:122016-06-01 11:12:00
@laRegione

'Un po' di tensione c'è, ma tutto è pianificato nei minimi dettagli'

«Un po' di tensione è inevitabile e direi normale in simili eventi. Tutto comunque è stato pianificato nei minimi dettagli», dice il...

«Un po' di tensione è inevitabile e direi normale in simili eventi. Tutto comunque è stato pianificato nei minimi dettagli», dice il comandate della Polizia cantonale Matteo Cocchi. 

A garantire la sicurezza a Pollegio e dintorni ci sono «diverse centinaia di agenti»: poliziotti della Cantonale, agenti urani, della Svizzera centrale e dei cantoni romandi, nonché specialisti di altri cantoni. 

«Abbiamo iniziato a pianificare il dispositivo dalla fine dello scorso mese di settembre», spiega Cocchi. 

1.6.2016, 10:502016-06-01 10:50:13
@laRegione

La galleria è stata benedetta, dalla pastora Rauch il ricordo dei nove operai morti nel cantiere

La galleria di base del San Gottardo è stata benedetta stamane da un prete cattolico, una pastora, un imam e...

La galleria di base del San Gottardo è stata benedetta stamane da un prete cattolico, una pastora, un imam e un rabbino riunitisi nelle viscere del San Gottardo a pochi metri dal tunnel lungo il quale, da dicembre, scorreranno convogli ad oltre 200 km/h.

Circondati da pareti di cemento e illuminati da alcuni riflettori, i quattro religiosi hanno pregato per viaggiatori e per coloro che in futuro lavoreranno nel tunnel. Oltre ai religiosi era presente anche un rappresentante degli atei.

La breve cerimonia si è tenuta lontano dal pubblico e senza accompagnamento musicale. I momenti salienti sono stati ripresi dalle telecamere e verranno mostrati nel corso della kermesse di apertura.

Nel corso della sua preghiera in italiano, la pastora Simona Rauch ha anche ricordato i nove operai deceduti nel cantiere dell’opera. Il rabbino Marcel Yair Ebel e l’imam Bekim Alimi hanno pregato per la sicurezza dei viaggiatori e per una maggiore fraternità tra gli uomini.

A nome di coloro che non si riconoscono in alcuna religione, Pieter Zeilstra dell’Ufficio federale dei trasporti ha colto l’occasione per ricordare che la galleria non avvicinerà solo geograficamente le regioni divise dal massiccio del San Gottardo, ma anche gli uomini di religioni e culture diverse che abitano al di qua e al di là della montagna.

1.6.2016, 10:172016-06-01 10:17:17
Samantha Ghisla @laRegione

Le tappe storiche e un occhio puntato all'alta velocità nei paesi limitrofi 

È iniziata con un accenno alle tappe importanti e ai momenti difficili del progetto la prima conferenza stampa odierna per l'...

È iniziata con un accenno alle tappe importanti e ai momenti difficili del progetto la prima conferenza stampa odierna per l'inaugurazione della galleria ferroviaria più lunga del mondo. Al centro Cast di Arbedo-Castione Renzo Simoni, presidente della Direzione AlpTransit San Gottardo Sa, ha per esempio ricordato i problemi tecnici causati dalla cosiddetta sacca di Piora durante i lavori di scavo nel 1996. E un pensiero è andato anche alle vittime, commemorare ieri con una cerimonia a Erstfeld. "Nove morti di troppo", ha sottolineato Simoni.

Peter Füglistaler, direttore dell'Ufficio federale dei trasporti, ha invece ricordato che è in corso il ricevimento dei 1000 vincitori delle corse di prova: la partenza dei due treni ai portali nord e sud è prevista alle 12.15. Ha inoltre confermato la presenza dei capi di Stato annunciati, compresi Renzi, la Merkel e Hollande.

Andreas Meyer, Ceo delle Ferrovie federali, si è rivolto alla cinquantina di giornalisti provenienti da tutto il mondo per il giorno X di AlpTransit ampliando il discorso dell'alta velocità a livello europeo. "La galleria del San Gottardo è un segnale anche per i paesi limitrofi. Sono stati annunciati investimenti in Italia e Germania". A proposito dei prezzi dei biglietti ferroviari ha assicurato che le Ffs si impegneranno a non farli aumentare.

La cerimonia ufficiale a entrambi i portali prenderà il via alle 11. Nell'area di Pollegio a partire da quell'ora sono attesi interventi dei consiglieri federali Doris Leuthard, Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga. Il primo treno con a bordo 500 vincitori del concorso sbucherà dal portale sud attorno alle 12.50.

1.6.2016, 10:122016-06-01 10:12:19
@laRegione

Si accordano gli strumenti e s...

Si accordano gli strumenti e si correggono le ultime stonature. La cerimonia di apertura inizia tra meno di due ore.

Si accordano gli strumenti e si correggono le ultime stonature. La cerimonia di apertura inizia tra meno di due ore. 

 

1.6.2016, 08:312016-06-01 08:31:24
Samantha Ghisla @laRegione

Si parte per l'inaugurazione 

Il nostro viaggio per tenervi aggiornati sulla giornata d'inaugurazione parte dalla stazione di Bellinzona, che ha aperto ieri il suo atrio rinnovato. E spunta anche un cartellone per...

Il nostro viaggio per tenervi aggiornati sulla giornata d'inaugurazione parte dalla stazione di Bellinzona, che ha aperto ieri il suo atrio rinnovato. E spunta anche un cartellone per riflettere su cosa significhi AlpTransit... A ognuno la sua opinione!

1.6.2016, 07:052016-06-01 07:05:00
@laRegione

Matteo Renzi sarà presente all...

Matteo Renzi sarà presente all'inaugurazione della galleria del San Gottardo. Nei giorni scorsi i dubbi sono stati diversi, ma la conferma della sua presenza, è arrivata ieri da Filippo Sensi, portavoce del premier, alla Rsi.

Matteo Renzi sarà presente all'inaugurazione della galleria del San Gottardo. Nei giorni scorsi i dubbi sono stati diversi, ma la conferma della sua presenza, è arrivata ieri da Filippo Sensi, portavoce del premier, alla Rsi.

31.5.2016, 20:402016-05-31 20:40:00
Luca Berti @laRegione

Tutto pronto sotto il San Gottardo: a mezzanotte la galleria passa di mano. Ecco il programma di domani

Dal consorzio AlpTransit alla Confederazione: la galleria di base del San Gottardo passa di mano a...

Dal consorzio AlpTransit alla Confederazione: la galleria di base del San Gottardo passa di mano a mezzanotte di questa sera. La Confederazione la consegnerà, domani, alle Ferrovie federali svizzere durante la cerimonia di inaugurazione prevista a partire dalle 11.30.

Ecco, brevemente, il programma della giornata:

  • 8.30 - Ad Amsteg messa interconfessionale per benedire il tunnel
  • 9.30 - A Castione incontro con la stampa del Ceo di AlpTransit Gottardo Renzo Simoni, del direttore dell'Ufficio federale dei trasporti Peter Füglistaler e del Ceo di Ffs Andreas Meyer.
  • 11.30 - A Rynächt, al portale nord del tunnel, il presidente della Confederazione Johan Schneider-Ammann incontra i capi di Stato europei
  • 12.00 – Primo momento ufficiale: mentre a Rynächt Schneider-Ammann tiene un primo discorso introduttivo, a Pollegio la direttrice del Dipartimento dei trasporti Doris Leuthard saluterà i presenti
  • 12.15 – Da nord e da sud partiranno i due treni che, in mezz'ora, attraverseranno il tunnel. A bordo i mille fortunati vincitori del concorso che offriva un posto sul treno inaugurale: cinquecento partiranno da Pollegio, 500 da Rynächt.
  • 12.15 – Sui due luoghi delle feste inizia lo spettacolo del regista Volker Hesse
  • 12.50 – Il momento che tutti attendono: dai due portali spunteranno i primi due treni passeggeri della storia. A questo punto la galleria è considerata inaugurata.
  • 13.30 – I capi di Stato attraversano il tunnel da nord a sud con un treno Vip.
  • 14.30 – Hollande, Merkel e Renzi parleranno a Pollegio.

Seguiremo l'intera manifestazione tramite la sezione speciale del nostro portale: www.laregione.ch/gottardo2016.