Quel sapore caldo di toast

laRegione 25 anni
12.9.2017, 15:152017-09-12 15:15:04
Aldo Bertagni @laRegione
Aldo Bertagni @laRegione

Quel sapore caldo di toast

Allegati

Tutto era iniziato con quel panino strano, peraltro caldo, che mangiavi volentieri al bar. Il toast. Inizialmente ‘original’ con una fettina di prosciutto cotto e una di formaggio. Assolutamente vietato chiedere al barista la provenienza dei prodotti di qui sopra: a quei tempi non si usava. Ci si fidava, anche perché, diceva la mia nonna, quello che non ammazza ingrassa. Poi magari quanti sono morti per colpa di coloranti, conservanti e altre diavolerie, non lo sapremo mai, ma questo è un altro discorso. Di grassi invece ancor oggi ne girano parecchi, almeno così si dice e dunque anche quei toast alla fine hanno superato l’esame.

Divagazione a parte, tutto era nato con quei simpatici e veloci spuntini, si diceva, per poi scoprire che si potevano preparare e cucinare (beh, cucinare… ) anche a casa grazie, ovviamente, al tostapane. Macchinetta elettrica di facile uso, piccola e sistemabile in ogni spazio della cucina, estremamente robusta (come solo i primi elettrodomestici lo erano), adatta a sfornare un’infinità di panini che nel frattempo si erano evoluti grazie alla fantasia popolare.

C’è chi col formaggio ci metteva la rucola, chi i salumi, altri ancora osavano sino alla cioccolata (e a quel punto diventava un dolce). Sempre e solo grazie a quella macchinetta che sapeva manovrare anche il nonno, bastava solo schiacciare un pulsante. On, off. Tutto qui. Una vera diavoleria tecnologica che d’un botto cambiava le abitudini delle merende e dei pasti serali. Due toast fatti in casa e vai, tappi il buco dello stomaco. Poi è arrivato il forno a microonde ed è stato tutto un altro mangiare.