Navigazione Lago Maggiore, attesa una risposta per venerdì

Locarnese
19.6.2017, 21:092017-06-19 21:09:05
@laRegione
@laRegione

Navigazione Lago Maggiore, attesa una risposta per venerdì

Allegati

''Non è stata una decisione presa al cuor leggero quella di lincenziare 34 lavoratori'' commenta Paolo Mazzucchelli, ex direttore della Navigazione Lago Maggiore, attualmente a Milano alla Gestione Governativa Navigazioni Laghi, che oggi pomeriggio a Locarno assieme a Gianluca Mantegazza, attuale direttore della Nlg, ha partecipato all'incontro chiesto dalle organizzazioni sindacali Unia, Sev e Ocst. Un incontro che si è tenuto su un battello, in quanto la saletta dello scalo non era sufficiente spaziosa. ''Ai sindacati, così come la scorsa settimana, nel corso di un incontro informale, in quanto informativo, così come quello di oggi dato che non siamo a livello di trattativa, riteniamo di aver dimostrato che si è trattato di una scelta meditata – continua Paolo Mazzucchelli, in sintonia con il suo successore -. La decisione della gestione governativa di porre fine al servizio sul bacino svizzero è la conseguenza di una decisione presa in Svizzera''. Viene ritenuto che consentire a due società private di svolgere servizi tra le località maggiormente frequentate sul versante ticinese del Verbano per Ggvl rappresenti una chiara dimostrazione di concorrenza sleale, che avrebbe conseguenze molto pesanti sui costi di gestione del servizio svolto da Nlm sul bacino locarnese. Una gestione che da sempre è in perdita. Un buco attorno a cinquentomila euro, completamente a carico di Navigazione Lago Maggiore. ''Non le so dire a quali risultati porterà il confronto - continua Paolo Mazzucchelli -. Posso solo dire che è stata una discussione franca, aperta. I sindacati da parte loro ci hanno illustrato il documento di cui i giornali hanno già parlato. A noi viene chiesto di ritirare i licenziamenti. Si aspettano da parte nostra una riposta entro venerdì, giorno in cui nel pomeriggio a Locarno è prevista una assemblea dei nostri lavoratori ticinesi. Una richiesta a cui è difficile dare una risposta in tempi così brevi. Ovviamente da parte sono sarà portata all'attenzione degli organi superiori''.
Marco Marelli