Lo stile musicale? Sta in una formula matematica

Scienze
5.9.2017, 16:542017-09-05 16:54:00
@laRegione
@laRegione

Lo stile musicale? Sta in una formula matematica

Allegati

'Tradurre' in una struttura matematica lo stile che rende unico un musicista e la sua opera: è l'impresa in cui si è cimentato con successo un gruppo internazionale di ricercatori. Il metodo, descritto sulla rivista 'Scientific Reports', è stato poi usato per generare musica artificiale, ma senza plagio.

A rendere unico lo stile musicale di un autore sono tante variabili, come melodia, armonia, ritmo, forma e suono. Eppure ci sono schemi e caratteristiche che si ripetono e consentono in qualche modo di 'estarre lo stile'. Ma come? "Noi lo abbiamo fatto sviluppando un metodo efficiente computazionale. Abbiamo trovato la ricorrenza di coppie di note, e in base a questo costruito il modello fisico che può aver ragionevolmente prodotto il brano musicale", precisa Vittorio Loreto, uno dei ricercatori.

In altre parole è stato cercato l'archetipo del musicista, ciò che lo rende unico, mettendolo in una struttura matematica. Questa è stata poi usata per generare musica in modo artificiale, 'simile' a quella originaria ma senza arrivare al plagio, grazie ad un particolare algoritmo che permette di limitare la lunghezza delle sequenze "copia" nei brani generati artificialmente.

In questo modo si sono generati brani musicali 'alla maniera di', ma senza essere copie spudorate. Il metodo è stato provato su molti autori classici, come Bach, Mozart, Beethoven, e anche di jazz per la musica monofonica. "Ma stiamo già pensando di applicarlo anche a quella polifonica", continua Loreto, che prima di lavorare sulla creatività musicale, in passato ha lavorato sull'ambito letterario, cercando di catturare le 'firme stilistiche' di uno scrittore. Il risultato è stato un metodo, poi brevettato, che consente di riconoscere le caratteristiche del testo e le sue somiglianze in lingue diverse, o capire chi è l'autore di un'opera. In questo modo hanno 'matematicamente' fatto un'ipotesi sull'identità della scrittrice Elena Ferrante già nel 2006 e scovato vari casi di plagio in molte tesi di dottorato. (Ansa)