La sindaca ribadisce: “Attendiamo i correttivi”

BellinzoneseBlenio
18.5.2017, 16:262017-05-18 16:26:46
Marino Molinaro @laRegione
Marino Molinaro @laRegione

La sindaca ribadisce: “Attendiamo i correttivi”

Allegati

Anche la sindaca di Blenio Claudia Boschetti-Straub reagisce dichiarandosi “profondamente delusa dell’articolo tendenzioso”. Nel quale, ricordiamo, riportavamo le sue dichiarazioni critiche fatte lunedì sera in Consiglio comunale e altre spiegazioni da noi chieste. Tuttavia nel suo testo inviato oggi alla redazione e intitolato “Otr Blenio: mettiamo il campanile al centro del villaggio”, non sembra smorzare troppo i toni.

“Perdita di indispensabile autonomia”

“L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Valli, forte della nuova legge varata in Gran Consiglio, ha creato un modello di gestione dell’accompagnamento turistico decisamente innovativo: la suddivisione in aree di competenze e la perdita di una certa indispensabile autonomia delle regioni sono solo esempi della nuova visione.

Tutte le “pecche”

“Come ogni nuovo progetto, per quanto lungimirante e innovativo possa apparire, spesso e volentieri solo dopo l’applicazione si trovano le pecche che la messa in pratica comporta. Solo per citare esempi significativi: l’inevitabile centralità del polo di Bellinzona che ha esigenze e aspettative turistiche decisamente diverse dalle valli, contrastato dal flusso monetario che in questo caso le valli portano (ripartizione dei contributi comunali e tasse di soggiorno, in particolare, per case secondarie e rustici: per Blenio circa 700'000 franchi annui); la gestione del personale che si è trovato a dover rivedere ruoli e competenze repentinamente e, non da ultimo, l’operatività di un Consiglio d’amministrazione di grosse dimensioni”.

“Fior di contributi”

“Un tema decisamente non facile da risolvere, dove tutti e diverse categorie si sentono coinvolti, dove grazie alle nuove tecnologie tutti si aspettano miracoli e dove chi paga fior di contributi ha determinate aspettative. Significativo il fatto che in numerosi centri ticinesi stiano nascendo nuove figure comunali rivolti proprio al settore turistico.

“Linea costruttiva”

“Nel tumultuoso anno scorso su questo tema, si sono intavolate parecchie discussioni che hanno permesso di comprendere da un lato le difficoltà della nuova organizzazione e dall’altro le giuste richieste inattese. Mi auguro che quest’anno si possa continuare su questa linea costruttiva per poter ottenere una struttura performante, grazie alle nuove figure che attendiamo sul campo e soprattutto grazie a quei correttivi che sono stati sollevati da tutti gli addetti ai lavori; lo dobbiamo al nostro territorio, ai residenti e soprattutto ai turisti”.