Il vescovo di Lugano: la vocazione non  è solo del prete

Ticino
7.12.2017, 06:202017-12-07 06:20:00
Aldo Bertagni @laRegione
Aldo Bertagni @laRegione

Il vescovo di Lugano: la vocazione non  è solo del prete

Allegati

Il 7 dicembre di quattro anni fa l’ordinazione episcopale, nella basilica del Sacro Cuore perché la cattedrale di San Lorenzo, oggi ridonata alla città di Lugano con le meraviglie del tempo, era in restauro. Ed è toccato a lui, al vescovo Valerio Lazzeri restituire ai fedeli il tempio della diocesi luganese. Un bel capitolo portato a termine, impegnativo e per nulla scontato. Come, più recente, il compromesso raggiunto fra lo Stato e le Chiese sull’ora di religione a scuola. «Era necessario raggiungere un accordo, per il bene dell’intera comunità», commenta con sincera soddisfazione, fra le pareti del suo ufficio in Curia. «Ma andiamo di là, che qui fa freddo», aggiunge subito, da premuroso padrone di casa, in questo tardo pomeriggio novembrino, a pochi giorni dall’inizio dell’Avvento...