Il sistema educativo svizzero si conferma fra i migliori al mondo, lo certifica il Wef: ma si investe poco nell'educazione

Svizzera
13.9.2017, 11:272017-09-13 11:27:05
@laRegione
@laRegione

Il sistema educativo svizzero si conferma fra i migliori al mondo, lo certifica il Wef: ma si investe poco nell'educazione

Allegati

La Svizzera ha il miglior sistema educativo, in particolare per quanto riguarda la formazione professionale, e si piazza al terzo posto nella classifica dello sviluppo del capitale umano stilata dal Forum economico mondiale (Wef). Ai primi due posti Norvegia e Finlandia. L’indicatore identifica le capacità di un paese di sviluppare e utilizzare una manodopera sana, formata e competente.

Il barometro considera quattro aspetti per valutare l’ottimizzazione del capitale umano, ossia l’istruzione, la salute e il benessere, l’occupazione e il contesto (condizioni giuridiche, infrastrutture e altri fattori che incoraggiano ricadute positive sullo sviluppo del capitale umano). La Svizzera è in testa per quanto riguarda l’utilizzo delle competenze specialistiche sul lavoro e in seconda posizione per la formazione della manodopera della prossima generazione e la formazione continua dei lavoratori attuali. La quota di lavoratori altamente qualificati è la terza più elevata a livello mondiale.

Le sfide che deve affrontare la Svizzera riguardano piuttosto «l’accumulazione di competenze tramite il lavoro», dove si piazza solo al 40esimo posto. Il tasso di disoccupazione è basso, ma «la sottoccupazione e i livelli poco elevati di partecipazione alla forza lavoro creano preoccupazione», sottolinea il Wef. Altro criterio in cui la Confederazione non eccelle: gli investimenti nell’educazione, dove occupa solo la 28esima posizione.

La Svizzera nel 2013 – prima edizione del rapporto sul capitale umano – era in testa alla classifica. Nel 2015 e 2016 è stata superata da Norvegia e Finlandia. Questi tre paesi sono gli unici ad aver raggiunto il 75% del capitale umano. A livello mondiale la percentuale supera di poco il 60%. Bisogna «adattare i nostri sistemi educativi all’apprendimento necessario alla manodopera di domani», afferma il presidente e fondatore del Wef Klaus Schwab.