Erdogan in Grecia (e un anno di carcere a Miss Turchia)

Estero
7.12.2017, 10:442017-12-07 10:44:00
@laRegione
@laRegione

Erdogan in Grecia (e un anno di carcere a Miss Turchia)

Allegati

Recep Tayyip Erdogan giunge oggi in Grecia per una storica visita di 2 giorni, primo presidente turco in carica a recarsi nel Paese confinante da 65 anni. Il leader di Ankara avrà colloqui ad Atene con il premier Alexis Tsipras e il suo omologo Prokopis Pavlopoulos, mentre domani si recherà in Tracia, nel nord-est, per incontrare la minoranza musulmana locale e partecipare alla preghiera islamica del venerdì nella Moschea Vecchia di Komotini. Imponenti le misure di sicurezza previste dalle autorità locali, compreso un divieto di manifestazioni oggi nel centro di Atene. Il viaggio, che giunge in un periodo di forti tensioni di Ankara con l’Ue e la Nato, punta a sviluppare ulteriormente le relazioni bilaterali tra due Paesi ancora divisi da numerose contese geopolitiche. In un’intervista a una tv greca alla vigilia della visita, Erdogan ha peraltro sostenuto che il trattato di Losanna del 1923, che definisce i confini tra i due Paesi, dovrebbe essere "aggiornato", suscitando diverse polemiche. In agenda ci sono anche il rafforzamento degli scambi commerciali ed energetici e diversi progetti infrastrutturali comuni. Tra i temi al centro della visita, anche la situazione dei rifugiati alla luce dell’accordo Ue-Turchia.

In patria, nel frattempo. La procura di Istanbul ha chiesto una condanna fino a 1 anno di carcere per "offese" alle vittime del golpe per la 18enne turca Itir Esen, miss Turchia per una notte lo scorso settembre. La giovane modella era stata privata della corona poche ore dopo averla ricevuta per un tweet sul fallito putsch del 15 luglio 2016, ritenuto "inaccettabile" dagli organizzatori. Dopo essere stata detronizzata, la giovane era stata denunciata da alcuni "veterani" del colpo di stato, che si erano ritenuti offesi dal post. Esen aveva negato ogni intento offensivo. I giudici dovranno decidere entro 15 giorni se incriminarla. "Ho avuto il ciclo la mattina del giorno dei martiri del 15 luglio. Lo celebro sanguinando come se fosse il sangue dei nostri martiri", aveva scritto Esen la scorsa estate nel post, poi cancellato, suscitando una bufera di polemiche sul web. La vicenda ha riportato al centro delle cronache il caso di un'altra ex miss Turchia, Merve Buyuksarac, condannata lo scorso anno a 14 mesi con pena sospesa per aver offeso, sempre sui social network, il presidente Recep Tayyip Erdogan.